italia sotto l’acqua

Maltempo: paura per il Po, crolla viadotto sulla A6. Muore una donna travolta dal Bormida

A Torino allagati i Murazzi e il Borgo Medievale. In montagna chiusura di alcune strade regionali. Le situazioni più critiche nella valle del Lys


Crolla un viadotto sulla A6, e il Po fa paura

4' di lettura

Il maltempo non dà tregua. È una frana la causa del crollo di una porzione di viadotto lungo l'autostrada A6 Torino-Savona, tra l’innesto con la A10 e Altare in direzione Torino. Per le forti piogge ha ceduto un tratto di montagna, che si è portata via una trentina di metri del viadotto.
Al momento non risultano persone coinvolte.

«Non posso né smentire né confermare la presenza di automobilisti, - dichiara il governatore Giovanni Toti - è l’ennesima tragedia che colpisce la Liguria, ma a prima vista non ci sono auto che si possono vedere in superficie. La frana però ha travolto i pilastri ed è molto profonda, non si può escludere che qualche auto sia stata trascinata dal mare di fango».

Ma non sono solo le frane. Nell’Alessandrino una donna di 52 anni è stata travolta dal fiume Bormida a Sezzadio, nell’Alessandrino. Dopo ore di ricerche, è stata prima ritrovata la sua auto e poi il suo cadavere.

Mille persone sono isolate in Valle d’Osta a causa delle valanghe e preoccupa la piena del Po, che ha superato la soglia della criticità elevata.
Sono 520 le persone costrette ad abbandonare per sicurezza la propria abitazione a causa del maltempo che si è abbattuto sul Piemonte. Lo ha reso noto la Protezione civile regionale.

Nel Capoluogo piemontese, intanto, allagati a Torino i Murazzi e il Borgo Medievale. Sotto osservazione le aree del Meisino e del Fioccardo per possibili allagamenti nelle prossime ore. La Protezione civile del Comune è presente sul posto per controllare e informare la cittadinanza.

È salito nelle ultime ore anche il livello del lago di Como, che ora sfiora il piano stradale in piazza Cavour di fronte allo specchio d’acqua. Dopo che negli ultimi giorni il livello era sotto controllo, in un giorno le acque sono salite di una decina di centimetri.

A Venezia, per ora, la marea si ferma a 130 centimetri.

Valanghe in montagna
In Valle d’Aosta, invece, sono circa mille le persone isolate a causa delle valanghe che hanno portato alla chiusura di alcune strade regionali. Le situazioni più critiche nella valle del Lys, dove Gressoney-La-Trinité è isolata a causa delle slavine che incombono sulla regionale. Interrotta anche la strada che porta a Champorcher a causa di una valanga finita sulla carreggiata. Chiuso anche il tratto finale della strada della Val Savarenche. In tutta la Regione, l'allerta meteo è arancione.
Due escursionisti sono bloccati dalla neve ai 2.200 metri del bivacco Rattazzo, nel territorio di Sauze di Cesana.
Diversi allagamenti sul litorale romano e problemi anche in Calabria. A Castellammare di Stabia è straripato il fiume Sarno.

Maltempo, in liguria allerta rossa fino a mezzanotte

La situazione in Liguria
Nel frattempo la Superba e la Liguria sono ancora flagellati dal maltempo. In particolare la situazione è difficile nel Savonese per la pioggia che non ha dato tregua. La situazione peggiore è ad Albisola Superiore dove il rio Basco è esondato nei pressi del ponte medievale e in altri punti. Ci sono sfollati e diverse frane hanno isolata la frazione di Ellera. Il torrente Sansobbia è gonfio ma riesce ancora a scaricare. Il Sindaco invita la popolazione a rimanere a casa.

Per cercare di tenere sotto controllo la situazione in provincia di Savona sono arrivati in aiuto i vigili del fuoco dalla Spezia. A Savona città, che ieri sera era allagata nella parte più vicina al mare, la situazione è migliorata e i ponti sul Letimbro sono stati riaperti. A Tovo san Giacomo ci sono problemi per l'acqua potabile.

Da Nord a Sud, tutti i danni creati dalla pioggia

Da Nord a Sud, tutti i danni creati dalla pioggia

Photogallery33 foto

Visualizza

Le mareggiate
A Celle Ligure la mareggiata ha costretto a chiudere il centro del paese. Tra Altare e Mallare ci sono 14 sfollati, tra i quali due disabili, a causa di una frana che minaccia le loro abitazione. La A10 è chiusa per un frana tra Varazze e Arenzano in direzione Genova, ma il Coa della polizia stradale fa sapere che presto la situazione dovrebbe tornare alla normalità: i tecnici sono al lavoro. Chiusa anche l’Aurelia ad Arenzano nei pressi della galleria Pizzo, dove con allerta arancione e rossa scatta in automatico per un vecchio smottamento non ancora 'sanato', e a Vesima per una frana nei pressi di un camping. In provincia di Genova, nel Comune di Sant’Olcese 9 persone sono state sfollate per uno smottamento boschivo che si è avvicinato alle abitazioni. In tutta la Liguria gli sfollati sono 85. Nel capoluogo nella notte le precipitazioni sono state moderate.

Maltempo in Liguria, record di pioggia a Genova, 193 mm in 3 ore

Insomma un’altra giornata difficile dopo che, ieri, il maltempo aveva colpito Genova, provocando danni e disagi. Nella Valpolcevera, a causa dell’esondazione dei rii Fegino e Ruscarolo, ci sono stati numerosi allagamenti. Una situazione che ha provocato non poche difficoltà alla popolazione. Ventisette persone sono state sfollate nella zona e hanno trovato una sistemazione autonoma. Altre centoventicinque, in corso Perrone, sono invece rimaste nelle loro case ma sono isolate in attesa che passi l’emergenza. Forti i disagi per la viabilità. I vigili del fuoco hanno messo in salvo alcune persone in auto rimaste bloccate nel sottopasso stradale di Brin allagato.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...