Liquidazioni d’oro: da Romiti a Castellucci i mega bonus dei manager

9/12Business

Liquidazioni d’oro / Luxottica, i premi a Guerra, Khan e Vian

default onloading pic
Andrea Guerra (Imagoeconomica)

Dopo l'uscita di Andrea Guerra, nel 2014, il gruppo Luxottica di Leonardo Del Vecchio ha fatto una serie di cambiamenti al vertici, pagando ogni volta robuste liquidazioni. Guerra, che era arrivato dalla Indesit della famiglia Merloni nel 2004, è uscito il primo settembre 2014, dopo aver ottenuto risultati considerati molto positivi, che gli hanno reso anche guadagni superiori ai 100 milioni di euro con le stock option e altri premi in azioni. La buonuscita vera e propria concordata con Del Vecchio per le dimissioni è stata però di 11,39 milioni, una somma che Claudio Costamagna, allora consigliere di amministrazione della società, ha definito “una cifra in linea” con il mercato. Per rimpiazzare Guerra Del Vecchio ha ingaggiato Adil Mehboob-Kahn, gli ha pagato un premio d'ingresso (entry fee) di 9 milioni. Ma il manager è durato solo 12 mesi, il 29 gennaio 2016 è stato liquidato con una buonuscita di 7 milioni: facendo la somma tra i due maxi-assegni si può dire che in totale Kahn ha ricevuto, oltre allo stipendio per il suo lavoro, 16 milioni. Un'altra scelta rivelatasi effimera è stata quella di nominare a.d. Massimo Vian, è stato in carica fino al 15 dicembre 2017, liquidato con 6,3 milioni di buonuscita.

GUARDA IL VIDEO - Liquidazioni d'oro: ecco i mega bonus dei manager

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...