inchiesta

Livorno: atteso il nuovo waterfront per rigenerare la città

La riqualificazione urbana gira attorno al rapporto con l’acqua. Resta un’urgenza Palazzo Grande. Nel cuore della città l’immobile, che per anni ha ospitato un cinema e poi un teatro, è vuoto e abbandonato dal 2013

di Paola Pierotti

default onloading pic
(Agf)

La riqualificazione urbana gira attorno al rapporto con l’acqua. Resta un’urgenza Palazzo Grande. Nel cuore della città l’immobile, che per anni ha ospitato un cinema e poi un teatro, è vuoto e abbandonato dal 2013


3' di lettura

Vista dall’alto promette un centro storico tradizionale, fortificato, compatto. Ma quando si cammina per le vie, ad altezza uomo, si svela come città moderna, del 900, distrutta e ricostruita. Livorno, città con 160mila abitanti, terzo porto d’Italia con una zona industriale che ha sofferto pesantemente la crisi e che via via si sta riprendendo, guarda al suo futuro scommettendo sulla rigenerazione urbana.

Attenzione rivolta al rapporto con l’acqua, al ridisegno degli spazi pubblici, alla valorizzazione di immobili che hanno perso la loro funzione e possono diventare attrattori di nuove economie. Sfide e scommesse possibili per gli investitori interessati ad alzare il target nel settore residenziale e dell’hotellerie. Silvia Viviani, neo-assessore all’Urbanistica, ai Lavori Pubblici e con deleghe specifiche sul verde pubblico e il piano del porto, fa il punto con un bilancio dei primi sei mesi di insediamento della nuova giunta.

La struttura che si interfaccia con il porto non è un semplice waterfront ma una componente strategica per la riorganizzazione funzionale ed economica del porto e della città stessa. «Oggi sono in corso le progettazioni e le realizzazioni della Nuova Porta a Mare, della darsena europea, della nuova stazione marittima, con la delocalizzazione di alcune funzioni e la realizzazione del porto turistico nel porto mediceo e nella darsena nuova, con la riqualificazione delle aree contermini» dice. Obiettivo della nuova amministrazione: evitare che il centro storico non sia un retroporto, ma parte integrante di una città «aperta, capace di scommettere con coraggio sui cambiamenti del paesaggio urbano» commenta Viviani.

Tra i cantieri che si distinguono c’è quello della Porta a Mare, iniziato da anni, e che include attività che spaziano dallo student housing ai servizi per la nautica, dalla parte commerciale ad una quota residenziale e dedicata all'hotellerie. In campo per questa operazione che punta sulla valorizzazione delle ex officine, del molo mediceo e dell’arsenale in nuovi spazi da vivere c’è Igd, società quotata nel settore immobiliare retail, e per la progettazione è al lavoro Paolo Lucchetta+RetailDesign che nei prossimi mesi consegnerà la riconversione delle officine storiche.

Sempre in un contesto condiviso tra Autorità portuale e amministrazione comunale, si attende da anni la nuova stazione marittima, «legata al progetto di ampliamento del porto – racconta Viviani – e proprio in queste settimane è stato attivato un gruppo intersettoriale per dare concretezza al progetto, con ricadute dirette sull’interfaccia con la città, sull’organizzazione degli spazi con inevitabili effetti anche sull’economia».

Un maxi piano per la valorizzazione degli spazi pubblici
Non lontano dall’area in cui è prevista la stazione marittima in questi mesi è stato realizzato «un piccolo ma significativo intervento di rigenerazione urbana in Piazza del Luogo Pio: da luogo di passaggio a spazio sociale – racconta l’assessore Viviani – intervenendo rapidamente, con l’occasione di una grande mostra come quella di Modigliani ospitata nel Museo della città fino a febbraio 2020», che affaccia proprio in questo spazio urbano. Questo è il primo di una serie di interventi: «Livorno conta 1,3 milioni di mq di verde pubblico, 14 giardini storici, un importante patrimonio costituito da piazze che devono essere integrate in un piano unitario: è nel programma del nostro mandato. Quando si investe sulla trama della città pubblica si alza il valore dei suoli» commenta Viviani.

Dalla valorizzazione del mercato alla sperimentazione sul residenziale
Guardando al futuro, Viviani individua alcune priorità. Per il mondo della progettazione anticipa l’impegno, congiunto con gli altri assessorati di competenza, «a lanciare un concorso per rigenerare il mercato ortofrutticolo oggi ospitato in un palazzo di pregio, nel quartiere Venezia, affacciato su un mercato allaperto anch’esso da rigenerare e valorizzare», in linea con altre esperienze nazionali e internazionali di successo. Sul fronte residenziale, constatando che «serve dare una risposta ai diversi bisogni, migliorando la qualità dell’offerta – spiega – ragioneremo su come riqualificare il patrimonio esistente e realizzare nuove costruzioni, con particolare impegno nella ricerca di tecnologie sostenibili e con attenzione all’inclusività sociale».

Tra le urgenze, la rigenerazione del Palazzo Grande. Nel cuore della città, nell’area di piazza Grande, insiste un immobile che per anni ha ospitato un cinema e poi anche un teatro, dal 2013 è vuoto. Il dibattito locale è acceso nell’intento di cambiare faccia a un palazzo che oggi è sinomimo di degrado e abbandono. Un “buco nero” per la città di Livorno, che secondo l’assessore dovrebbe riaprirsi «investendo ancora una volta sull’offerta culturale».

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati