ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùModa uomo a Parigi /3

Lo spettacolo di Louis Vuitton e l’intensità ancestrale di Rick Owens infiammano la città

Allestimenti monumentali, pop star e fanfare rivelano una nuova energia nelle collezioni, dove la forza incontra la gentilezza, come nel caso di Miyake e Yamamoto, e l’eleganza diventa inusuale, come per Dries Van Noten

di Angelo Flaccavento

La sfilata Louis Vuitton al Louvre

3' di lettura

Altro che leggerezza: la terza giornata della moda uomo a Parigi è una prova di resistenza. Palle di fuoco si ergono in cielo e poi collassano al suolo. Una, due, tre. Una simbologia precisa incornicia la sfilata di Rick Owens. L'opus, intitolato Edfu, è ispirato all'Egitto, letto alla maniera di Owens, a metà tra brutalismo e B-movie. «Presso il tempio di Edfu, sull'ingresso principale, si trova un sole alato simboleggiante il dio Horus. Rappresenta il trionfo del bene sul male», racconta Owens, che negli ultimi anni ha fatto dell'Egitto un buen retiro. «Nella presentazione di oggi, un sole incantevole attraversa il cielo, cadendo a terra, ancora e ancora. Distruzione senza tempo, a ripetizione, dall'inizio del tempo».

Rick Owens (AP Photo/Christophe Ena)

L'esperienza, per il pubblico, è a dir poco intensa. Sfilata all'aperto, in una Parigi che brucia, con tre soli artificiali e incandescenti. Portano valore aggiunto? In realtà, questa volta, poco: il processo è ovviamente lento, e distrae. Da Owens parlano sempre e comunque i vestiti. Il resto è cornice, efficace o meno. Questa stagione colpisce la monumentalità architettonica e trasparente dei volumi, precisi ma senza peso - nylon ripstop e effetti organza per ogni dove mantengono le forme mentre le smaterializzano - e poi il dilagare infiammato dei colori accesi accanto agli usuali neri e neutri.

Loading...

Rick Owens (Photo by Geoffroy VAN DER HASSELT / AFP)

Owens è un creatore di rara disciplina progettuale. Il suo mondo di decadenza e collasso fermenta proprio sul più irremissibile rigore. La tensione degli opposti, che includono anche languore estenuato e abrasione cupa, è definente di uno stile ricco di nuance. Adesso è il rigore a farsi più evidente, presto contraddetto da lucori e trasparenze, e l'effetto è fiammeggiante. L'Egitto rimane una eco distante, proprio impercettibile, quindi scevra da ogni letteralità, a riprova che scegliere un tema non vuol dire essere ovvi.

La collezione Louis Vuitton per la PE 2023

La collezione Louis Vuitton per la PE 2023

Photogallery28 foto

Visualizza

Lo show di Louis Vuitton è una esperienza sfinente lunga quasi quaranta minuti e composta da: set come un gigantesco parco giochi; non una ma ben due bande marcianti in apertura e chiusura; colonna sonora eseguita live dalla megastar Kendrick Lamar. Il tutto, vien fatto di pensare, per compensare l'assenza di un direttore creativo carismatico come il compianto Virgil Abloh, la cui figura però aleggia ancora su tutto, evocata nella narrazione e anche nel rap di accompagnamento.

Insomma, si percorre la scia lunga di una scomparsa improvvisa e ingiusta, aggiungendo trucchi su trucchi, e molti effetti speciali. È un peccato, perché la cornice offusca il lavoro del team creativo, che invece è egregio, poetico, lieve e infantile. La collezione ondeggia in molte direzioni, ma ha una sua coerenza da parco giochi che affascina.

Issey Miyake (EPA//Mohammed Badra)

Da Homme Plissè Issey Miyake la performance acrobatica di un gruppo di ballerini che scalano muri, corrono, si impilano gli uni sugli altri, non è mero intrattenimento, ma estensione dell'ethos di un progetto nel quale l'abito è movimento. La prova segue un tema che potrebbe apparire banale, ovvero l'alternanza di forza e gentilezza, come fiori sul cemento, ma lo svolgimento è tutt'altro che prevedibile, con i plissé che curvano o si dispongono in diagonale, i colori che si moltiplicano, saturi, e le silhouette che danzano intorno al corpo. Miyake ha la capacità, rara, di cavare poesia da abiti quotidiani, espandendo senza sosta un codice alquanto rigoroso senza per questo risultare monotono.

Anche Yohji Yamamoto fa sempre la stessa cosa, preferibilmente in nero eppure sempre diversa. Decostruisce, fluidifica, ammorbidisce. Gli abiti acciaccati, il fare scanzonato, gli uomini che immagina sono di una eleganza gigiona piena di consapevolezza. La giornata si chiude sul tetto di un garage, con magnifica vista panoramica, dove Dries Van Noten mette in scena la sua personale idea di eleganza inusuale.

Dries Van Noten (Photo by Geoffroy VAN DER HASSELT / AFP)

Il contrasto tra la ruvidezza del luogo e sfondo da cartolina detta il tono di una collezione che alterna il tailoring più elegante al lettering più vistoso, e che esplora e rimescola diverse iconografie maschili, senza tema di lambire mollezze femminili. Van Noten si è già varie volte avventurato in territori di questo tipo, ma la nuova prova ha una energia fresca che è il frutto di clangori e contrasti sapientemente dominati.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti