Aziende vinicole sudtirolesi: i pionieri e le nuove generazioni

2/7ANTESIGNANO RADICALE

Loacker - Bolzano/Bozen

Scontrandosi con resistenze culturali e critiche, il fondatore Rainer Loacker ha impostato la tenuta di Bolzano in regime bio fin dal 1979. E dopo aver lanciato con il fratello Armin i waffeln che hanno reso popolare il nome di famiglia, ha scelto di dedicarsi alla vitivinicoltura e alla ricerca in campo omeopatico. Oggi l'azienda gode di oltre 40 anni di esperienza nella viticoltura biologica e biodinamica (uno dei payoff è “The Bioneers”, giocando sulla scelta pionieristica) ed esprime un approccio radicale, pur avendo la propria base in città. Su una superficie di 7 ettari coltiva vitigni autoctoni altoatesini, quali Schiava e Lagrein, e varietà internazionali come Sauvignon Blanc, Chardonnay, Merlot e Cabernet Sauvignon. Gli ospiti possono raggiungere lo Skywine Pavillion in mezzo ai vigneti sulle alture sopra Bolzano.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti