gran bretagna

Londra, arrivano da Hong Kong i maggiori investimenti asiatici

Dalla città asiatica e dalla Cina arriva il 27% dei volumi esteri. Tra gli asset comperati anche il Forum building affacciato sulla cattedrale di St Paul

di Paola Dezza


Le vie più care per lo shopping tra Hong Kong e New York

2' di lettura

I disordini e l’atmosfera tesa che si respira a Hong Kong stanno minando le fondamenta di un mercato immobiliare che ha dominato le classifiche dei prezzi negli ultimi dieci anni.
Le attuali criticità e soprattutto le incertezze per l’autonomia della città asiatica stanno facendo scricchiolare il settore residenziale, finora il più caro al mondo con prezzi di 20mila dollari al metro quadrato per abitazioni standard e oltre 50mila dollari per il lusso.

Gli investitori da Hong Kong stanno quindi guardando oltre i confini dell’isola. Storicamente I capitali asiatici hanno sempre investito a Londra, che diventa meta sempre più ambita.
JLL prevede che i capitali in arrivo da Hong Kong e Cina nella capitale britannica rappresenteranno il 27% del totale nel 2019, contro il 21% di capitali in arrivo dalla Corea del sud e l’8% da Singapore.
Gli investitori in arrivo da Hong Kong hanno raggiunto livelli record già nel 2017.
Il capitale cerca oggi rifugi sicuri e Londra, nonostante la Brexit, rappresenta un porto più sicuro di Hong Kong al momento. A guardare la capitale britannica non sono solo soggetti che si occupano di immobiliare, ma anche gruppi di private equity che continuano a rastrellare capitale e mettono il real estate tra i propri target.
Dall’Asia a Londra arrivano anche investitori sud coreani, che peraltro sono oggi tra i primi acquirenti istituzionali anche a Parigi.
L’ultima operazione con bandiera di Hong Kong a Londra è di questi giorni. Un investitore privato ha acquistato, dice Savills, l’edificio, occupato da Crombie, al 48 di Conduit Street a Mayfair per 9,88 milioni di sterline. L’asset è di 627 mq e si distribuisce su sei piani.

Sempre da Savills fanno sapere che a settembre 2019 gli investimenti arrivati dalla Cina sono stati pari a 191 milioni di sterline, da Hong Kong invece sono arrivati 485 milioni.
Tra gli investimenti ci sono gli indirizzi di 8 Finsbury Circus (acquistato da Stamford Land per 260 milioni di sterline), 8 Salisbury Square, acquistato per 222 milioni da Wing Tai, Eastcheap Estate, acquisito da LKK Holdings per 45 milioni e infine 222 Bishopsgate che è diventato di Goldstone per 21 milioni. Goldstone, sostenuto da capitali di Hong Kong, ha acquisito da Aviva per 80 milioni anche gli uffici Forum building, che si affacciano sulla Cattedrale di St Paul.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...