Post Brexit

Londra, Bailey è il nuovo governatore della Banca d’Inghilterra

Nomina anticipata per «facilitare la transizione» di Brexit

di Nicol Degli Innocenti

default onloading pic
(REUTERS)

Nomina anticipata per «facilitare la transizione» di Brexit


2' di lettura

LONDRA- L'era di Mark Carney sta per finire e la Banca d'Inghilterra nomina un nuovo governatore. Il cancelliere dello Scacchiere Sajid Javid ha appena annunciato che Andrew Bailey prenderà le redini della Bank of England (BoE) dopo il 15 marzo, diventando il 121esimo governatore con un mandato di otto anni.

Bailey, attuale capo della Financial Conduct Authority (Fca), l'ente di regolamentazione dei mercati, era il favorito alla successione a Carney. Il veterano della City ha passato trent'anni alla Banca d'Inghilterra ed era vice-governatore prima della nomina alla Fca nel 2016.

«È un grande onore essere scelto come governatore della Banca d'Inghilterra e avere l'opportunità di servire il Regno Unito, soprattutto in un momento critico per il Paese che lascia l'Unione Europea -, ha detto Bailey stamani subito dopo la nomina -. La Banca ha un ruolo molto importante e intendo continuare il lavoro svolto da Mark Carney e mettere l'interesse pubblico al centro di tutto quello che facciamo, mantenendo la stabilità monetaria e finanziaria e assicurando che le istituzioni finanziarie siano solide e sicure».

Il canadese Carney, primo straniero a capo della “signora di Threadneedle Street”, ha passato anni turbolenti alla BoE, dominati prima dall'impatto della crisi finanziaria e poi da Brexit. Bailey dovrà invece gestire la transizione dopo l'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea e decidere se e quando alzare i tassi d'interesse e come sostenere la crescita economica.

L’uscita di Carney
Carney avrebbe dovuto lasciare in gennaio, ma ha deciso di restare fino a metà marzo per “facilitare la transizione”. Il governatore uscente ha cantato le lodi del suo successore, dichiarando che Bailey è «rispettato per il ruolo guida che ha avuto nel gestire la crisi finanziaria, nel mettere a punto nuovi sistemi di regolamentazione e nel sostenere l'innovazione finanziaria. I suoi saggi consigli sono stati preziosi per me nel corso degli anni».

Secondo alcuni l'incarico sarebbe dovuto andare a una donna per la prima volta e la favorita era Minouche Shafik, ex membro della Monetary Policy Committee e attuale direttore della London School of Economics. Alla fine però la scelta è andata a un “insider” di grande esperienza che è entrato in BoE nel 1985 e ha passato quasi tutta la sua carriera a Threadneedle Street.

L'Fca è stata criticata negli ultimi mesi per non essere stata abbastanza rigorosa nella supervisione di alcuni fondi, soprattutto quello gestito da Neil Woodford che ha chiuso dopo avere sofferto ingenti perdite. Le polemiche però non hanno danneggiato Bailey, che viene descritto dai colleghi come un banchiere di grandissima abilità e competenza.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti