regno unito

Londra, i Tories vogliono una sovrattassa del 3% sulla casa per gli stranieri

La proposta è di innalzare lo «stamp duty» di un 3% per raffreddare i valori delle case, spesso inaccessibili alla popolazione

di Paola Dezza


default onloading pic
Boris Johnson (a destra) durante il suo tour elettorale (Reuters)

2' di lettura

Nuove tasse sulla casa all’orizzonte per i compratori stranieri che vogliono mettere un piede a Londra. Il partito dei Tories, largamento favorito dai sondaggi in vista delle elezioni del 12 dicembre, punterebbe infatti a inasprire il fisco sulla casa con una sovrattassa.
L’idea è di raffreddare i prezzi e permettere ai cittadini inglesi di approcciare il mercato delle abitazioni.

Colpito un mercato da 70mila acquisti l’anno
Un supplemento del 3% - che segue una iniziale proposta pari all’1% - che andrà ad aggiungersi alle tasse esistenti note come “stamp duty” potrebbe colpire ben 70mila acquisti e generare circa 120 milioni di sterline di gettito (140 milioni di euro circa) in un anno.
«Le richieste di acquisto da parte di cittadini stranieri mettono sotto pressione il mercato della casa - ha detto Rishi Sunak, segretario del ministero del Tesoro -. Pertanto introdurre un inasprimento delle tasse per i non residenti aiuterà a reindirizzare questa tendenza».

L’inasprimento fiscale
La tassa viene calcolata a scaglioni. Al momento pesa per il 5% su case con prezzi tra 250mila e 925mila sterline, al 10% del valore su proprietà che costano tra 925mila sterline e 1,5 milioni di sterline e sale al 12% per le dimore oltre 1,5 milioni. L’inasprimento porterebbe per questi scaglioni, che sono quelli che in genere interessano i compratori esteri, all’8, al 13 e al 15 per cento.

Il raffreddamento dei prezzi
Tutto questo nonostante la discesa dei prezzi degli immobili, dovuta in primis alle incertezze di Brexit. A Londra i valori delle abitazioni nei quartieri più cari sono scesi del 20,4% dal picco del 2014, spiega il broker Savills.

Il tema della casa sarà centrale nel dibattito prima delle elezioni. Diverse le voci di protagonisti del mercato che dicono che un inasprimento della tassa sia l’ultima cosa di cui il mercato ha bisogno.
Savills peraltro ha di recente pubblicato un report nel quale si prevede una crescita dei valori delle case nel Regno Unito del 15,3% nei prossimi cinque anni. Nel dettaglio a Londra le case nelle aree centrali dovrebbero vedere prezzi in aumento del 20% da qui al 2024. Forse queste previsioni hanno scatenato le proposte dei partiti. Le transazioni, invece, dovrebbero rimanere intorno a 1,2 milioni nel Paese.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...