scienze della vita

Longevità in salute: premiato il biologo Guido Kroemer

Individuato uno dei fattori chiave

di Sara Monaci


default onloading pic

2' di lettura

Alla terza edizione del premio Lombardia è ricerca la Regione Lombardia ha premiato con 1 milione di euro la migliore scoperta scientifica nell'ambito delle Scienze della Vita.

Il vincitore
Il vincitore, premiato al Teatro la Scala di Milano, è il biologo molecolare Guido Kroemer, di origini austriche e spagnole ma residente e operante a Parigi che ha scoperto nella restrizione calorica, in grado di indurre l'autofagia, un fattore chiave per la longevità in salute.

Ha sviluppato il concetto dei “caloric restriction mimetics” (CRMs) identificando e caratterizzando sostanze naturali o farmacologiche capaci d'indurre l'autofagia per combattere l'invecchiamento cardiovascolare e rinforzare l'immunità antitumorale.

La ricerca
«Stiamo identificando delle nuove sostanze naturali o farmacologiche capaci d'indurre l'autofagia senza tossicità e ne abbiamo gia' individuate alcune che hanno un effetto benefico sul metabolismo, sull'invecchiamento cardiovascolare e sul cancro - ha detto Guido Kroemer -. Con lo sviluppo di questa ricerca in Lombardia valuteremo i loro effetti anche su altre condizioni patologiche come la fibrosi cistica».

Le patologie

«Diverse specie batteriche che stimolano le risposte immunitarie antitumorali nei pazienti hanno anche la capacita' di migliorare la sindrome metabolica -ha aggiunto -Kroemer -, il diabete e l'obesità. Esiste inoltre prova del fatto che una singola specie batterica, Akkermansia muciniphila, possa ritardare l'invecchiamento nei centenari umani. Proprio su questi ambiti si concentrerà il futuro della nostra ricerca».

Il ruolo della Lombardia
Per regola il 70% del premio dovrà essere investito in centri di ricerca lombardi. Ad essere coinvolti saranno quindi l'istituto di ricerca Ieo e l' Istituto europeo per la fibrosi cistica.

«I dati dimostrano che l'aspettativa di vita cresce anno dopo anno, la nostra sfida è quella di implementare la ricerca affinché si parli invecchiamento in buona salute» ha commentato il vicepresidente di Regione Lombardia e assessore alla Ricerca, Innovazione, Università, Export e Internazionalizzazione Fabrizio Sala. «Questa scoperta - ha proseguito - apre grandi prospettive proprio su questo tema».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...