retail

Louis Vuitton riapre il negozio di Firenze con prodotti in edizione speciale e limitata

di Silvia Pieraccini


2' di lettura


Una ristrutturazione grandiosa, che ha richiesto un investimento superiore a 10 milioni di euro: così Louis Vuitton ha trasformato il negozio di Firenze, 500 metri quadrati nell'ottocentesco Palazzo Mattei che guarda piazza degli Strozzi, in uno scrigno architettonico-artistico-moda, in cui il prodotto da vendere non è l'unico protagonista. Accanto a borse, scarpe, abiti, gioielli e profumi del marchio francese ci sono infatti opere d'arte, arredi unici, oggetti dell'archivio storico Louis Vuitton (come la Boite Chapeau Paradis che risale al 1929, pensata per trasportare i cappelli ornati di piume d'uccello del paradiso), distribuiti su due piani collegati da una spettacolare scalinata.
La ristrutturazione, che ha interessato anche le fondamenta del palazzo di proprietà della Biofin spa, ha ricreato i volumi storici per valorizzare ancora di più, spiegano all'azienda, il legame con Firenze, città a cui la famiglia del patron del gruppo Lvmh, Bernard Arnault, è particolarmente legata e in cui si appresta ad avviare la produzione di borse.

La scelta di produrre in Toscana
Louis Vuitton era rimasto l'unico grande marchio della moda (insieme con Hermès) a non produrre pelletteria nel distretto fiorentino del lusso, diventato il più importante a livello mondiale per le competenze nella progettazione e nella fattura di borse: ora il brand francese – che ha già aperto un centro per lo sviluppo del campionario con una ventina di addetti nell'ex Pelletteria Reta a Leccio di Reggello (Firenze) – è pronto per avviare la produzione made in Tuscany (finora in Italia ha collaborato col gruppo veneto Palladio e con quello lombardo Fontana) proprio a Reggello, dove ha acquistato altri cinquemila metri quadrati.
Per celebrare l'apertura del rinnovato negozio di Firenze, Louis Vuitton ha realizzato un'edizione limitata dello stivaletto Star Trail, in vitello nero con le iniziali Lv ricamate sul lato, e ha presentato l'anteprima della collezione di pelletteria maschile Taigarama: pelle Taiga abbinata per la prima volta alla tela Monogram su accessori sportivi e colori fluo.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti