Focus vetrine

Lubiam con Partnershop fa squadra con i retailer

Creato un unico kit per veicolare i valori etici ed estetici

di Marta Casadei


default onloading pic
La giacca di velluto a coste mano cashmere L.B.M. 1911 in tantissime nuance di colore

2' di lettura

«Per il 2020 puntiamo ad una crescita trainata dai mercati esteri: le esportazioni hanno mantenuto un ritmo vivace e l’obiettivo è ampliare la distribuzione delle nostre collezioni all’estero. L’export rappresenta oggi il 47% del fatturato aziendale - siamo presenti in 40 nazioni - ma è un numero destinato a crescere». Parte dai progetti per il futuro, che convergono sull’espansione all’estero, la chiacchierata con Edgardo Bianchi, amministratore delegato e direttore finanziario di Lubiam. L’azienda mantovana è una presenza abituale a Pitti Uomo con le linee Luigi Bianchi Mantova, che prende il nome dal fondatore, Lbm 1911, che celebra l’anno di nascita dell’impresa e ne rilegge i valori portanti in chiave contemporanea. «I pezzi cult delle collezioni per l’autunno-inverno 2020/21? La giacca di velluto a coste mano cashmere L.B.M.1911, disponibile in tantissime nuance di colore, davvero per tutti i gusti, e il raglan coat madras in lana e cashmere Luigi Bianchi Mantova Sartoria», dice l’amministratore delegato. Che sottolinea quanto il contenuto di ricerca hi-tech, oltre al know-how sartoriale, caratterizzi le collezioni con «un altissimo contenuto di ricerca e innovazione. Il punto di partenza del processo creativo è lo studio e l’analisi delle tendenze del pubblico a cui ci rivolgiamo, che è trasversale in termini anagrafici e ha un gusto sempre più internazionale».

Nell’ottica di ampliare la presenza all’estero, Lubiam guarda a pubblici diversi sia per provenienza sia per età: «Stagione dopo stagione le nostre collezioni si adattano alle esigenze di uomini che hanno età diverse, che vogliono essere impeccabili nelle occasioni più disparate e che vivono in luoghi molto lontani fra loro: abbiamo sviluppato capi con pesi e vestibilità molto diversi, per permettere alle nostre boutique clienti di tutto il mondo di rispondere alle necessità dei loro consumatori».

L’anno appena aperto sarà importante soprattutto sotto il profilo trade, a partire da Firenze: «A Pitti lanciamo un’iniziativa che testimonia la nostra volontà di supportare i clienti in fase di sell out: con il progetto “Partnershop”,infatti, proporremo a un circuito selezionato di boutique nazionali ed internazionali che trattano il brand Lbm 1911 un kit espositivo per le vetrine per veicolare i valori etici ed estetici del brand». Tra questi, la sostenibilità: «Il kit è fatto in cartone riciclabile e l’albero, di per sé, è il simbolo dell’ambiente e della natura». Un focus importante rimane quello sul su misura: «Resta un comparto fondamentale. Di recente abbiamo potenziato il reparto, per garantire da un lato un supporto sempre più efficace per i clienti specializzati che sposano il servizio e, dall’altro, lo sviluppo del business».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...