sei ore nello spazio

Luca Parmitano, un acrobata fra le stelle: ecco la passeggiata spaziale di @astroluca

L’astronauta dell’Esa ha raggiunto il cacciatore di antimateria Ams-02 e ha installato i maniglioni di sicurezza ai quali lui e il collega Andrew Morgan della Nasa dovranno ancorarsi nelle prossime uscite nello spazio

di Nicoletta Cottone


default onloading pic
(AP)

4' di lettura

Un acrobata fra le stelle: è durata sei ore la passeggiata spaziale dell’astronauta Luca Parmitano, la terza della sua carriera, che prevedeva una serie di operazioni sul cacciatore di antimateria Ams-02. Con il collega Andrew Morgan della Nasa, alla sua quarta passeggiata spaziale, ha portato a termine tutte le operazioni in anticipo rispetto alla tabella di marcia prevista. Già in anticipo di un’ora, @astroluca aveva smontato il pannello che protegge dai detriti spaziali il sistema di raffreddamento del cacciatore di antimateria AMs-02 (Alpha Magnetic Spectrometer). E, come previsto, lo ha lasciato andare nello spazio.

Il montaggio dei maniglioni di sicurezza
Luca Parmitano ha raggiunto il cacciatore di antimateria Ams-02 (Alpha Magnetic Spectrometer) e si è messo al lavoro per installare i maniglioni di sicurezza ai quali lui e il collega Andrew Morgan della Nasa dovranno ancorarsi nelle prossime passeggiate spaziali. @astroluca - o Luca Skywalker come i suoi colleghi lo chiamano - smonterà il portello di circa un metro quadrato che protegge dai detriti spaziali l'impianto di raffreddamento dello strumento, costruito dal Cern e al quale l'Italia ha contribuito con il fisico Roberto Battiston, che ha guidato la partecipazione dell’Istituto nazionale di fisica nucleare e dell’Agenzia Spaziale Italiana.

Le operazioni nello spazio
Il portello, smontato e staccato dall'Ams-02, nel frattempo è stato disattivato. L'apertura sarà il punto di accesso per le operazioni delle prossime passeggiate spaziali. Il ruolo di Morgan è assistere @AstroLuca, che in questo momento è anche comandante della Stazione spaziale, per passargli gli strumenti di lavoro, progettati a Terra negli ultimi tre anni.

La tuta con le strisce rosse
@AstroLuca è il primo astronauta europeo ad avere il ruolo di leader di un'attività extraveicolare ed è riconoscibile per le strisce rosse su braccia e gambe. La tuta di Andrew Morgan è invece completamente bianca.

Sei ore per “ringiovanire il cacciatore antimateria
La passeggiata nello spazio è iniziata poco dopo le 13, ora italiana. Il portello della Iss e gli astronauti Luca Parmitano dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Andrew Morgan della Nasa sono usciti per affrontare la passeggiata spaziale più avventurosa di sempre: sei ore per “ringiovanire” il cacciatore di antimateria Ams-02 (Alpha Magnetic Spectrometer).

La sostituzione dell’impianto di raffreddamento
Una sfida quella di sostituire l'impianto di raffreddamento per uno strumento che non era stato progettato per essere riparato nello spazio. L'attività extraveicolare di oggi ha l'obiettivo di preparare il terreno alle operazioni di manutenzione, previste nelle passeggiate spaziali successive (tre o molto probabilmente cinque).

Fraccaro: Italia all’avanguardia
Riccardo Fraccaro, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, con delega alle politiche spaziali, si è congratulato con Luca Parmitano, comandate della Stazione Spaziale Internazionale, che ha guidato con successo una delle più complesse operazioni nel vuoto cosmico di sempre. «AstroLuca, anche in condizioni operative estremamente difficili, ha dato prova delle sue incredibili capacità e ha dimostrato che l'Italia è all'avanguardia nel settore dello spazio», ha detto Fraccaro. E ha sottolineato come con la passeggiata di Parmitano «le tecniche di manutenzione compiono un salto di qualità e si spiana la strada alle esplorazioni future». Fraccaro ha anche ricordato che l’Italia continua a esercitare un ruolo di leadership nello spazio e ha ribadito che «da parte del Governo c'è il massimo supporto per un settore il cui sviluppo garantisce ricadute estremamente positive per il Paese e i cittadini».

Saccoccia: il futuro dell’uomo nello spazio
« Operare al di fuori della Stazione sarà sempre più la regola. Il futuro dell'uomo nello spazio sarà quello di trovarsi sempre più a operare in un ambiente così distante e lontano per il quale siamo stati creati. Dobbiamo cominciare a pensare allo spazio non più come un ambiente ostile da vivere ma un ambiente nel quale si opererà in maniera quotidiana dove fare operazioni di assemblaggio, manutenzione, produzione», ha spiegato Giorgio Saccoccia, presidente dell'Agenzia spaziale italiana.

@Astroluca alla guida di tutte le passeggiate spaziali
Parmitano sarà leader dell'intera serie di passeggiate spaziali per modificare il cacciatore di antimateria Ams-02, ha spiegato all’Ansa il capo del Gruppo di esplorazione dell'Agenzia spaziale europea Bernardo Patti. «Questa serie di passeggiate spaziali - ha detto Patti - potrebbe comprenderne da 3 a 5, a seconda delle eventuali difficoltà». Secondo il programma di Esa e Nasa, per prima cosa Luca Parmitano ha raggiunto il braccio robotico della Stazione Spaziale, il Canadarm: un'operazione di circa 15 minuti.

Un acrobata fra le stelle
Altrettanto sarà il tempo è servito ad @AstroLuca per agganciarsi al braccio robotico, che lo ha trasportato, in modo davvero acrobatico, fino allo strumento Ams-02, una struttura delle dimensioni di una stanza e pesante oltre sette tonnellate.

Le fasi della passeggiata
Poi un tragitto sospeso che l’astronauta dell’Esa ha percorso sospeso sull'estremità del braccio robotico. Poi l’inizio dei lavori sull'Ams-02.

Per approfondire

Luca Parmitano e lo spazio: «Guardarsi dentro per superare i nostri limiti»

Luca Parmitano è il primo italiano al comando della stazione spaziale

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...