ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCompagnie aeree

Lufthansa, la contromossa per crescere in Italia

Archiviata l’offerta per Ita Airways la compagnia vuole continuare a crescere in Italia puntando sul ruolo di Air Dolomiti in un mercato dominato dalle low cost

di Mara Monti

L'Italia torna a muoversi da alta velocita' ad aerei

3' di lettura

Non l’hanno presa bene a Francoforte, quartier generale di Lufthansa, la notizia della scelta del governo italiano di andare avanti con la cordata del fondo Certares insieme ad Air France-KLM e Delta Air Lines. I primi a reagire sono stati i tedeschi, dopo che da mesi venivano dati per favoriti nella corsa per ITA Airways.

«La nostra offerta resta la migliore per ITA Airways»

«La nostra offerta congiunta con MSC era e continua ad essere la soluzione migliore per ITA» si ribadiva in un comunicato stampa inviato subito l’ufficializzazione della notizia, facendo capire che si è preferito optare per una scelta politica con una maggiore influenza dello Stato, evitando «una completa privatizzazione di ITA». La vicenda della cessione di Ita Airways è diventata inevitabilmente oggetto di campagna elettorale dopo le dimissioni improvvise del governo Draghi. Ne era consapevole anche il ceo di Lufthansa, Carsten Spohr che nell’avvertire qualche settimana il governo uscente a decide «in fretta», si era affrettato ad aggiungere che qualsiasi sarà il prossimo esecutivo «Ita Airways ha bisogno di un partner per crescere».

Loading...

Italia secondo mercato di Lufthansa dopo quello domestico

Se Ita Airways non entrerà a fare parte del portafoglio delle compagnie regionali di Lufthansa al fianco di Swiss, Austrian Airlines e Brussel Airlines, Francoforte ha pronta una contromossa per crescere in Italia, il secondo mercato per importanza dopo quello domestico, con 4 milioni di passeggeri considerando tutte le compagnie del gruppo. E lo farà a partire da Air Dolomiti, la controllata italiana con sede a Verona, che in queste settimane ha aggiunto alla sua flotta due ulteriori aerei portando a 17 gli Embraer 195 che collegano il Nord Italia con gli hub principali di Monaco e Francoforte.

«Cresceremo con le nostre forze» puntando anche sul cargo

Continuare ad ampliare il network «con le nostre forze» è il mantra che circola in queste ore partendo dall’attuale rete di 2.386 voli del gruppo in Italia nell’estate 2022 con Roma prima città per passeggeri trasportati, seguita da Milano, Venezia, Napoli e Firenze. La maggior parte dei voli vanno ad alimentare gli hub per i collegamenti internazionali della compagnia da Francoforte, Monaco, ma anche Bruxelles, Zurigo, Vienna, Amburgo, per passare a Stoccolma, Berlino, Dusseldorf, fino a New York. Per le destinazioni internazionali vanta parter come l’americana United e la candese Air Canada.

Dal turismo al cargo, il trasporto merci delle imprese del Nord Italia per Lufthansa ha un peso importante in particolare nei settori dell’auto e delle macchine industriali, quella divisione cargo che nell’ultimo trimestre ha sostenuto i risultati positivi del vettore per la prima volta dalla pandemia, a differenza della divisione passeggeri che continua ad essere in affanno.

Il mercato italiano resta di dominio delle low cost

L’accordo con MSC doveva servire anche a questo ovvero rafforzare il trasporto merci in un mercato quello italiano dominato dalle compagnie low cost europee Ryanair, easyJet e Wizz Air, concorrenti che si sono rafforzati a partire dalla pandemia. Quelle low cost che lo stesso Spohr intendeva indebolire costruendo un forte vettore europeo insieme a Ita Airways perché « l’Europa non si merita di volare in low cost».

Con a disposizione liquidtà per 11,4 miliardi di euro e un debito di 6,4 miliardi di euro a fine giugno in calo rispetto ai 9,4 miliardi di fine dicembre, Lufthansa si è detta pronta ad investire per il rilancio del gruppo, smantellando i rami secchi, quotando la divisione di manutenzione Lufthansa Technik e assumendo 10mila dipendenti entro il 2023. Nei giorni scorsi ha ricevuto il primo Boeing 787 su 32 ordinati dal costruttore americano che ha ricominciato a consegnare i Dreamliner dopo una lunga pausa.

A consentire a Lufthansa di tornare ad essere protagonista nelle operazioni di acquisizione, è stata la restituzione anticipata lo scorso novembre al Governo tedesco, dell’ultima parte del prestito del piano di salvataggio da 9 miliardi di euro, attivato durante la pandemia per salvare il gruppo, passaggio necessario per tornare ad essere autonoma. A gennaio la presentazione della manifestazione di interesse per Ita Airways insieme a MSC: sembrava cosa fatta, fino a ieri mattina.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti