Economia e finanza

Luisa Spagnoli piace alla Gen Z anche grazie ai Maneskin

Per la collezione invernale gli ordini dei canali wholesale e franchising hanno segnato un +25% rispetto al 2020, e la rete retail in Italia ha guadagnato il 35%. Focus sul Medio Oriente

di Chiara Beghelli

2' di lettura

«Sarà una collezione colorata, che esprime ottimismo»: Nicoletta Spagnoli sta mettendo a punto i dettagli della collezione che sarà presentata a Milano domenica 27 febbraio, alla Rotonda della Besana, e pronuncia spesso la parola «ottimismo». «Dopo un anno complesso, abbiamo ripreso i progetti lasciati in sospeso - spiega -, in particolare quelli legati all’espansione della nostra presenza all’estero, soprattutto in Middle East e Russia, anche grazie a partner molto solidi: a marzo apriremo in Arabia Saudita, nel mall Riyadh Park, mentre fra aprile e giugno avremo due nuovi negozi a Doha, in Qatar, e sempre a giugno apriremo al Gum di Mosca, sulla Piazza Rossa».

Le vendite della collezione invernale sono state molto soddisfacenti: gli ordini dei canali wholesale e franchising hanno segnato un +25% rispetto al 2020, e la rete retail in Italia ha guadagnato il 35%: «Sono segnali molto buoni anche per il 2022 - prosegue l’imprenditrice -. Le vendite sono state trainate anche dalle iniziative che in questo periodo di pandemia abbiamo messo a punto per le nostre clienti, digitali come le chat online e in presenza, come gli appuntamenti in negozio. Anche l’e-commerce cresce: nel 2021 è salito del 56% rispetto all’anno precedente, e quest’anno ci aspettiamo che aumenti di un altro 25%. Stiamo per portare in azienda tutte le attività legate all’e-commerce, un investimento rilevante ma necessario».

Loading...

Una convinta presenza sul digitale avvicina a Luisa Spagnoli la generazione di clienti più giovani: «Abbiamo registrato un abbassamento dell’età media di chi visita i nostri negozi: stiamo lavorando sul coinvolgimento di una clientela più giovane, anche per iniziare un percorso di fidelizzazione al brand», prosegue. Conferma di questa espansione anagrafica è stata la scelta dei Maneskin, gruppo simbolo della Gen Z, di indossare dei look Luisa Spagnoli, con l’iconico tessuto a pois, per un concerto ad Amsterdam: «Ne siamo stati molto felici, anche perché non si è trattato di una nostra iniziativa di marketing, ma di una scelta del loro stylist», sottolinea.

Un altro tema caro alle giovani generazioni, ma non solo, è la sostenibilità: «La mia bisnonna Luisa è stata una pioniera anche in questo - spiega Nicoletta Spagnoli -. Per la lana d’angora pettinava i conigli affinché non soffrissero e mi hanno di recente raccontato che non voleva che si strappassero foglie agli alberi. La sostenibilità oggi è fondamentale, i consumatori vogliono soprattutto sapere da dove viene un capo, chi lo ha confezionato e come. Le condizioni di lavoro per la nostra azienda sono da sempre prioritarie: nella Città dell’Angora fondata da mio nonno Mario c’era un sistema per vendere alimenti ai dipendenti a km zero e a prezzi vantaggiosi. Ai dipendenti oggi offriamo il rimborso dell’asilo nido fino ai 18 mesi dei loro bambini e un’estensione di otto mesi dei permessi per allattamento rispetto alle norme italiane. Nella nostra mensa, gratuita, offriamo quattro primi e quattro secondi, oltre a un menù wellness. E abbiamo ripristinato l’antica biblioteca, per pause ancora più piacevoli: il benessere dei nostri dipendenti si riflette anche sui nostri prodotti».

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti