innovazione

LuisaViaRoma lancia la prima app per fare shopping come in un videogioco

Il fondatore Panconesi è ottimista sul 2020 dopo due mesi di vendite in aumento. Con la nuova game-app non solo acquisti ma anche sfilate, showroom e trunkshow virtuali, voto agli stylist più bravi e punti fedeltà

di Silvia Pieraccini

default onloading pic

Il fondatore Panconesi è ottimista sul 2020 dopo due mesi di vendite in aumento. Con la nuova game-app non solo acquisti ma anche sfilate, showroom e trunkshow virtuali, voto agli stylist più bravi e punti fedeltà


2' di lettura

Dopo essere stato precursore dell'integrazione tra negozio reale (da 90 anni basato a Firenze) e negozio virtuale di moda d'alta gamma, LuisaViaRoma prova a rivoluzionare ancora l'esperienza di shopping facendo leva sulla creatività e sulla voglia di giocare e di emergere degli utenti online.

Il risultato è la game-app MOD4 che sarà disponibile entro fine maggio e che, benché progettata prima dell'avvento del coronavirus e prima della spinta che la chiusura dei negozi ha dato al commercio elettronico, sembra fatta apposta per il nuovo contesto commerciale.
La app - primo progetto della startup Avawear creata dal responsabile del Digital marketing di LuisaViaRoma, Marco Ritratti, e dal proprietario e ceo Andrea Panconesi – ricorda i vecchi videogiochi per vestire le bambole comprando abiti con soldi virtuali. «È la versione moderna di quel gioco – spiega Panconesi - con i nuovi sviluppi tecnologici permetteremo agli utenti di creare i propri avatar, collezionare abiti, interagire e competere tra loro, partecipare a sfilate, showroom e trunkshow virtuali, votare gli stylist più bravi e vincere punti del programma fidelity che potranno essere spesi per l'acquisto di vestiti reali sul sito LuisaViaRoma.com».

L'idea è che questo strumento innovativo possa coinvolgere, divertire e spingere ancora le vendite online. Gli ultimi due mesi sono stati da incorniciare per LuisaViaRoma: +58% il fatturato in marzo (rispetto a marzo 2019), +57% in aprile. «I clienti erano in casa e hanno preparato in anticipo il guardaroba per l'estate», sottolinea Panconesi precisando che i mercati trainanti sono stati Regno Unito, Germania, Olanda e Italia, e che questa crescita “inaspettata” ha messo in crisi la logistica aziendale.

«Stiamo trattando con i sindacati per fare un doppio turno di lavoro e accelerare così la preparazione dei pacchi – spiega l'imprenditore – visto che le consegne stanno subendo ritardi: invece di tre giorni, ne stiamo impiegando dieci perché dove prima stavano dieci addetti, adesso possono stare in tre». Per fortuna, aggiunge Panconesi, tra pochi giorni sarà pronto un nuovo magazzino a Campi Bisenzio (Firenze), che permetterà di recuperare terreno.

Con questi ritmi il bilancio 2020 di LuisaViaRoma potrebbe segnare il superamento della soglia dei 200 milioni di ricavi. Anche il 2019 è stato un altro anno di forte crescita per l'azienda, con le vendite nette salite del 28% a 160 milioni, per il 98% realizzate online. Il mercato italiano ha pesato nel complesso il 18%.

Da grande sostenitore del cambiamento e dell'evoluzione aziendale, Panconesi non vede affatto nero per il futuro: «Ogni azienda dovrebbe adattare la strategia alla situazione. Cambiare significa rafforzare la capacità di essere vicini alle esigenze e alle aspettative dei clienti».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti