ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùMOBILITÀ SOSTENIBILE

Lungo la Brebemi debuttano le ricariche elettriche per le auto Tesla

La direttissima Brescia-Milano si conferma l’autostrada più green d’Italia

di Marco Morino

default onloading pic

1' di lettura

Attivo dal 4 marzo, nelle stazioni di servizio Adda Nord e Adda Sud dell’autostrada Brebemi (direttissima Brescia-Milano), il Tesla Supercharger, che permette alle auto del brand californiano di ricaricarsi in circa 30 minuti grazie alle caratteristiche uniche di questa stazione di ricarica rapida. Con una potenza di picco di 250 kW, infatti, un Supercharger V3 permette a una Model 3 Long Range che opera alla massima efficienza di ricaricare fino a circa 275 km in 15 minuti.

Al contempo sono state inserite, nelle due aree di servizio, anche colonnine universali a ricarica AC. Con questo nuovo servizio, la Brebemi si conferma punto di riferimento nel settore autostradale per quanto riguarda la nuova mobilità green e la sostenibilità ambientale.

Loading...

La direttissima Brescia-Milano (gruppo Aleatica) è stata la prima autostrada a pagamento in Italia nel 2019 a prevedere, all'interno delle proprie aree di servizio, stazioni di rifornimento Lng (gas naturale liquido) e la prima a introdurre uno sconto green del 30%, da giugno dello scorso anno, dedicato ai veicoli full electric e ai camion Lng.

Dice Franco Bettoni, presidente di Brebemi: «Questo ulteriore passo verso la mobilità green si aggiunge allo studio in corso per l'avvio del progetto pilota di elettrificazione autostradale nel solco del percorso intrapreso dalla Brebemi. L’obiettivo di Brebemi è assicurare la riduzione delle emissioni di CO2 attraverso un serio processo di de-carbonizzazione e di promozione della cultura dell'economia circolare.»

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti