la lettera aperta

Lupo Rattazzi bacchetta Salvini e Di Maio: solo i ricchi beneficiari del piano B di Savona sull’uscita dall’euro

di Nicoletta Cottone

Lupo Rattazzi scrive a Salvini e Di Maio: il piano anti-euro di Savona favorisce i ricchi


2' di lettura

Sarebbero i ricchi a beneficiare di un’uscita dell’Italia dall’euro. Con una pubblicità a tutta pagina su Repubblica l’imprenditore Lupo Rattazzi, 65 anni, rampollo di casa Agnelli, figlio di Susanna Agnelli e di Urbano Rattazzi, contesta platealmente il famoso piano B del ministro in pectore dell’Economia Paolo Savona, quel nome imposto dal Carroccio per il quale non è stato possibile avviare il governo M5S-Lega. Quel nome inamovibile per il quale è stato addirittura tirata fuori la carta dell’impeachment per contestare l’operato di Mattarella che si era opposto a dare la poltrona dell’Economia al professore anti-euro. Rattazzi scrive delle conseguenze che il fatidico piano B avrebbe su chi vive di stipendio o di pensione.

La lettera che boccia il piano B di Savona
In una lettera pubblica ai due leader Lupo Rattazzi segnala che: «Nel famoso “piano B”, contenuto nella guida pratica per l’uscita dell’Italia dell’euro (presentata a un convegno della Link University Campus a Roma e pubblicata su 'Scenari Economici' nel 2015) alla cui stesura collaborò il prof. Paolo Savona, si ammette candidamente che:

Loading...

1) dopo la svalutazione che ne conseguirebbe il potere d’acquisto dei salari subirebbe un calo per 2 anni (pag. 58);

2) a beneficiarne invece sarebbero le “fasce medio-alte della popolazione” (cioè i ricchi che si possono permette di possedere investimenti esteri) (pag.59).

La lettera aperta si conclude con una domanda esplicita ai due leader. «Domanda: ma voi queste cose le avete raccontate al vostro elettorato, soprattutto a quello che vive di salari e pensioni?». Firmato: «Lupo Rattazzi (Imprenditore).

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti