Segnatempo

Lusso, Usa e Cina trainano la crescita dell’export di orologi svizzeri

Raggiunti i 2 miliardi di euro, la cifra mensile più elevata negli ultimi sette anni, +4,8% rispetto allo stesso mese del 2019 (+12,5% rispetto al 2020)

di Lino Terlizzi

3' di lettura

Si conferma nuovamente la ripresa delle esportazioni di orologi svizzeri. I dati di ottobre sull'export rossocrociato indicano una decisa avanzata rispetto ad un anno prima, ma anche un progresso in rapporto a due anni fa. La Federazione dell'industria orologiera svizzera (Fh) come nei mesi scorsi preferisce anche nel caso di ottobre e dei primi dieci mesi 2021 sottolineare appunto il raffronto con il 2019, visto che il 2020 è stato segnato da inusuali contrazioni legate all'esplosione della pandemia.

In ottobre l'export di segnatempo elvetici è stato di 2,1 miliardi di franchi (2 miliardi di euro al cambio attuale), la cifra mensile più elevata negli ultimi sette anni, con un aumento del 4,8% rispetto allo stesso mese del 2019 (in rapporto al 2020 l'incremento è del 12,5%). Per quel che riguarda i primi dieci mesi 2021, le esportazioni sono state di 18,2 miliardi di franchi (17,4 miliardi di euro), con un aumento dell'1,4% rispetto allo stesso periodo del 2019 (in rapporto al 2020 il progresso è del 36,5%).

Loading...

I livelli elevati del mese di ottobre sono stati raggiunti grazie agli orologi di gamma alta, con prezzo all'export superiore ai 3 mila franchi. Questa gamma ha infatti registrato un aumento in valore pari al 14,5% rispetto allo stesso mese del 2019. Tutte le altre fasce (medio-alta, media, di base) hanno invece registrato il segno negativo nel raffronto con le cifre di due anni fa. A conferma delle diverse velocità di ripresa tra i vari segmenti, che pure viene sottolineata dalla Fh, c'è anche il nuovo calo dei pezzi complessivamente esportati. Meno pezzi ma più fatturato, con la prevalenza dei prodotti di gamma alta.

Sul versante dei mercati di sbocco, c'è da registrare la conferma dei due traini principali, Stati Uniti e Cina, con il mercato a stelle e strisce che conquista il primo posto sia per ottobre che per i primi dieci mesi 2021. Questo l'andamento nel mese di ottobre per i primi dieci mercati, ancora in rapporto al 2019: Usa +35,6%, Cina +23%, Hong Kong -9,7%, Giappone +1,3%, Regno Unito -2,3%, Singapore +11,6%, Germania -6%, Emirati Arabi +13,1%, Italia -9,6%, Francia -28,3%. Nella top ten solo Hong Kong ed Emirati Arabi hanno il segno negativo rispetto allo stesso mese 2020, mentre tutti gli altri, Italia compresa, registrano progressi.

Guardando all'arco dei primi dieci mesi di quest'anno, questo è il quadro dei dieci maggiori mercati, con le variazioni rispetto al 2019: Usa +27%, Cina +55,5%, Hong Kong -22,7%, Giappone -13,2%, Regno Unito -6,7%, Singapore +2,3%, Germania -7,5%, Emirati Arabi +1,4%, Francia -15,7%, Italia -11,6%. Nel raffronto con lo stesso periodo del 2020 tutti i mercati della top ten, inclusa l'Italia, sono nettamente in positivo.

L'industria svizzera degli orologi rappresenta oltre la metà del fatturato mondiale del settore ed esporta più dei nove decimi della sua produzione. Nel 2019 il valore delle esportazioni annue di segnatempo elvetici era stato di 21,7 miliardi di franchi (20,7 miliardi di euro). Se negli ultimi due mesi di quest'anno verrà confermato il ritmo di ripresa dei primi dieci mesi, la cifra complessiva del 2019 potrà essere raggiunta o superata. I riflettori degli operatori del settore si accendono ora soprattutto sulle vendite legate alle festività di fine anno, che come sempre possono avere naturalmente un peso particolare.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti