trattative in corso

Lvmh conferma le trattative con Tiffany, che vola in Borsa. Offerta da 14,5 miliardi di dollari

Allo studio l’acquisizione dell’icona dei gioielli


default onloading pic
(REUTERS)

2' di lettura

Il gigante francese Lvmh offre 14,5 miliardi di dollari per Tiffany, la gioielleria preferita di Audrey Hepburn.
Un’offerta resa pubblica da alcune indiscrezioni riportate dal Wall Street Journal e confermate dal colosso francese del lusso, con la quale Lvmh punta a rafforzarsi sul mercato dei gioielli americano mettendo le mani su un marchio icona.

L'offerta di Lvmh valuta Tiffany a circa 120 dollari per azione, con un premio di oltre il 22% rispetto alla chiusura di venerdì, quando aveva una capitalizzazione di mercato di 12 miliardi di dollari, contro i 215 miliardi di Lvmh. Il titolo Tiffany si adegua subito e strappa al rialzo (+30% a 128 dollari).

Tiffany comunica che sta esaminando l'offerta , sottolineando che il consiglio di amministrazione è aiutato nell’esame da consiglieri finanziari e legali. E il titolo vola a Wall Street: i titoli salgono del 31,84% nelle contrattazioni che precedono l’apertura degli scambi.

Per Lvmh si tratterebbe della maggiore acquisizione mai effettuata, superiore anche a quella per acquistare la quota restante di Christian Dior nel 2017. Acquistare Tiffany consentirebbe all'impero di Bernard Arnault di diversificarsi ulteriormente aumentando la sua esposizione ai gioielli, uno dei settori a più forte crescita sul mercato del lusso.

Con i suoi 300 punti vendita a livello globale, Tiffany è uno dei maggiori gioiellieri al mondo insieme a Cartier e Bulgari, che fa parte dell'impero di Arnault. L'interesse di Lvmh per gli Stati Uniti è risaputo ed è stato confermato dal nuovo stabilimento di Louis Vuitton aperto in Texas la scorsa settimana alla presenza di Donald Trump e di sua figlia Ivanka.

Con i suoi 4 miliardi di ricavi l'anno, Tiffany da anni soffre la concorrenza ed è a caccia di un rilancio che solo di recente sembra intravedere. Dopo aver cacciato amministratori delegati e visto i suoi titoli crollare a 60 dollari per azione, sotto la guida del numero uno Alessandro Bogliolo il colosso dei gioielli americano sta ritrovando il lustro che sembrava aver perso.

Con Bogliolo, infatti, Tiffany sta completando anche il look del suo flagship sulla Quinta Strada a New York, all’interno del quale è stato aperto anche un ristorante, coronando il sogno di Holly Golightly di fare “colazione da Tiffany”. La società è impegnata anche ad allargare il suo pubblico lanciando una linea di gioielli tutti al maschile: 100 oggetti i cui prezzi variano fra i 200 e i 15.000 dollari. La collezione comprende anche altri oggetti di design come pinze da giacchio e boccali di birra “only for men”. Inoltre Bogliolo è un volto familiare per Lvmh.

E' stato per 16 anni a Bulgari prima che fosse acquistata proprio da Arnault e poi è stato il responsabile del nord America per Sephora, altro marchio di Lvhm.

(Corretto il nome del ceo di Tiffany il 28 ottobre alle ore 10,28)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...