ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùnel decennale del movimento

M5S, i dissidenti lanciano la Carta di Firenze: attacco a Di Maio e Casaleggio

I dissidenti del M5S lanciano la Carta di Firenze: un documento di due pagine, redatto dai più critici nell’assemblea promossa il 29 settembre scorso nel capoluogo toscano

di Manuela Perrone


C’era una volta il Movimento, dalla democrazia diretta al mandato zero

3' di lettura

Nelle stesse ore in cui Beppe Grillo e i Cinque Stelle di governo celebrano il decennale della nascita del Movimento, con i debiti distinguo, i dissidenti lanciano la Carta di Firenze: un documento di due pagine, redatto dai più critici nell’assemblea promossa il 29 settembre scorso nel capoluogo toscano.

Promotore del raduno, il consigliere regionale del Lazio, Davide Barillari, acerrimo nemico dell’accordo con il Pd e noto alle cronache per le sue posizioni controverse (contro la scienza e contro i vaccini) e per i suoi strafalcioni, anche grammaticali («Zingaretti metterà i lavoratori sull’astrico», twittò nell’agosto 2018). Impossibile sapere quanti fossero davvero gli attivisti riuniti a Firenze. Barillari ha soltanto riferito che provenivano da dieci regioni italiane: Toscana, Veneto, Lombardia, Emilia Romagna, Liguria, Lazio, Trentino Alto Adige, Marche, Sardegna, Umbria.

Aperto alla sottoscrizione online sul sito www.cartadifirenze2019.it, il documento è il frutto di quattro tavoli di lavoro. E suona come un attacco esplicito sia al capo politico Luigi Di Maio sia al presidente dell’Associazione Rousseau, Davide Casaleggio, figlio ed erede di Gianroberto, cofondatore del Movimento.

Innanzitutto, alla voce «trasparenza e democrazia interna», la Carta di Firenze chiede la revisione dello statuto e della figura stessa del capo politico attraverso l’introduzione di organi elettivi e collegiali a livello nazionale, regionale e provinciale. Non è una richiesta peregrina, condivisa com’è anche da molti parlamentari. Convinti che occorra rimettere mano allo statuto di dicembre 2017, che fu redatto dallo studio genovese dell’avvocato Luca Lanzalone , poi diventato il legale di fiducia del M5S, l’uomo chiamato nella Capitale guidata da Virginia Raggi per gestire il dossier dello stadio e infine il presidente dell’Acea. Salvo finire agli arresti proprio nell’ambito dell’inchiesta sull’arena della Roma. È quel documento, secondo i detrattori, che accentra troppi poteri nelle mani del capo politico.

Dall’altro lato, la Carta invoca «l’attribuzione della piena proprietà e della gestione del sistema operativo Rousseau al Movimento 5 Stelle». Qui il tema è ancora più scivoloso. La piattaforma , sviluppata dalla Casaleggio Associati, è stata donata nel 2016 dopo la morte di Gianroberto non al Movimento, ma all’Associazione Rousseau di cui per statuto il figlio Davide è presidente, amministratore e tesoriere a vita. La stessa associazione a cui ogni parlamentare è obbligato a versare 300 euro al mese, che di fatto è la “cassaforte” del Movimento e di cui sono soci tre fedelissimi di Davide: Pietro Dettori, ex dipendente della Casaleggio Associati transitato nel 2018 nello staff di Di Maio a Palazzo Chigi, Massimo Bugani, numero uno del M5S in Emilia, anche lui entrato nella segreteria di Di Maio ma poi uscito in polemica e oggi fresco di nomina come capo staff di Raggi; Enrica Sabatini, psicologa pescarese e docente a contratto all’Università D’Annunzio di Chieti-Pescara. Un passaggio di proprietà di Rousseau esautorerebbe Casaleggio jr dal ruolo di plenipotenziario assoluto dell’associazione omonima.

In casa pentastellata l’accoglienza riservata al documento, che propone anche un’assemblea fisica (Forum degli attivisti) e un codice etico inderogabile che vieti la sovrapposizione tra nomine in società pubbliche o private e cariche elettive, è gelida. La richiesta di eliminare la figura del capo politica è bocciata come «surreale» dalla sindaca di Torino, Chiara Appendino. «È il momento di compattarsi, non di fare la guerra interna a chi può diventare o no capo politico».

Gli altri evitano anche soltanto di commentare, concentrandosi sulla festa per i dieci anni del Movimento. Con Grillo che torna a farsi vivo con uno dei suoi messaggi sibillini. «Mi chiedono di fare il discorso: ma cosa direbbi? (così con i verbi siamo a posto)», scrive il comico sul suo blog. «Superato il girone dei gufi neri e saltato a piè pari quello dei masticabrodo mi ritroverei nella selva delle primedonne. Ah… turpe momento del cammino, irto di trappole per gli istrioni. Vi assicuro una cosa: se riusciamo a superare le trappole anti-istrione iniziamo ad intravedere qualcosa di davvero nuovo». Poi, di nuovo, la benedizione dell’alleanza con il Pd («Uno step evolutivo») e del Governo Conte 2: «Il MoVimento si è stampato nella realtà, il Paese inizia a mettersi al passo con fenomeni globali che lo riguardano inevitabilmente. Non mi interessa l’imprimatur sulle cose». E mostra benevolenza verso Nicola Zingaretti («Il buon zeppola») e ferocia verso la Lega di Matteo Salvini: «Felice che i buzzurri si siano bene delimitati».

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...