ECONOMIA

M&A, la moda in prima linea: aumenta l’appeal dei terzisti

Il trend è confermato dall’analisi Le acquisizioni nella filiera del lusso Made in Italy, realizzata da Kpmg per Il Sole 24 Ore. Secondo Intesa Sanpaolo nel 2022 il 2,5% circa delle imprese del sistema moda potrebbe essere interessato da operazioni di M&A, una percentuale più alta della media nazionale.

di Marta Casadei

Secondo le rilevazioni di Intesa Sanpaolo il 2,5% delle imprese del sistema moda potrà essere interessato da fenomeni di M&A nel corso del 2022. Nel mirino ci sono eccellenze italiane medio-piccole ma strategiche

I punti chiave

  • Sono aumentate le operazioni M&A nel settore moda
  • La pandemia ha fatto emergere l’importanza delle filiere di prossimità
  • Le pmi ora interessano non solo ai grandi gruppi, ma anche ai private equity e a chi vuole creare poli di eccellenza produttiva

4' di lettura

Se al fashion system italiano è stato spesso imputato di non aver saputo creare un grande polo finanziario della moda e del lusso in grado di competere con i big player francesi, la creazione di (più) hub del made in Italy potrebbe passare per operazioni M&A che coinvolgono imprese manifatturiere di media e piccola dimensione. Produttori spesso storici, ben radicati nel territorio:  tasselli di quella filiera di prossimità che contraddistingue il nostro Paese e rappresenta un valore aggiunto importante a livello internazionale.

Il fenomeno – che inizialmente ha coinvolto proprio i giganti del lusso francese – ha subìto un’accelerazione durante la pandemia: secondo una recente rilevazione condotta sulla rete di gestori di Intesa Sanpaolo, che ha raccolto valutazioni su circa 570mila imprese clienti, nel 2022 il 2,5% circa delle imprese del sistema moda potrebbe essere interessato da operazioni di M&A. Una percentuale superiore a quanto previsto mediamente per l’economia italiana. “Colpa” della pandemia, che da un lato ha peggiorato Ebitda e posizione finanziaria di alcune imprese – nei distretti del sistema moda, sempre secondo Intesa Sanpaolo, la quota di aziende con patrimonio netto negativo si è portata al 4,8% nel 2020 – e, dall’altro, ha evidenziato l’importanza crescente di una filiera di prossimità. «Sono operazioni da leggere con favore – spiega Giovanni Foresti, senior economist della Direzione Studi e ricerche di Intesa Sanpaolo– perché spesso valorizzano le competenze del territorio e contribuiscono a rilanciare i distretti produttivi a livello internazionale».

Loading...

La genesi di questo trend – confermato dall’analisi Le acquisizioni nella filiera del lusso Made in Italy, realizzata da Kpmg per Il Sole 24 Ore – è però antecedente al Covid:  è rintracciabile in alcune acquisizioni fatte dal gruppo Zegna già tra il 2009 (Tessitura di Novara) e il 2016 (Bonotto) e poi, in modo più sistematico, quando altri grandi player internazionali hanno scelto di acquisire realtà italiane con cui avevano una collaborazione di lungo corso. È il caso di Chanel – che nel 2019 ha rilevato le concerie Gaiera e Samanta – e di Lvmh, sempre nel 2019 è entrato nel capitale di Masoni Industria Conciaria di Santa Croce sull’Arno. «Le aziende hanno voluto garantirsi forniture strategiche – spiega Max Fiani, partner di Kpmg e curatore del report M&A Italia – evitando che il fornitore potesse entrare in una situazione di pre crisi o di tensione finanziaria e confermare i livelli qualitativi e i volumi della produzione».

Dal 2020 in poi i processi di costruzione di “poli” di filiera radicati sul territorio sono aumentati in modo significativo e si sono sganciati dai grandi gruppi per coinvolgere direttamente le imprese locali. L’obiettivo è simile: raggruppare eccellenze . Lo ha fatto il Gruppo Florence, polo tessile controllato per circa il 65% dal Consorzio guidato da Vam Investments, fondo italiano di private equity e da Italmobiliare, che nel biennio 2020–2021 ha chiuso sette acquisizioni nei segmenti outerwear, capispalla, maglieria e sciarpe (Giuntini, Ciemmeci, Mely’s, Manifatture Cesari, Emmegi, Antica Valserchio) e nel 2022 ha già annunciato l’intenzione di continuare nelle calzature e pelletteria. Anche la Holding Industriale di Claudio Rovere ha concluso sette operazioni tra il 2019 e il 2021:  quattro aziende toscane, situate tra Arezzo e Firenze, due venete e una marchigiana; operano in settori diversi (dai capispalla alle calzature), ma tutte lavorano come terzisti per i grandi gruppi dell’altagamma. Ci sono poi i casi della torinese Pattern, attorno alla quale si sta creando il Polo italiano della progettazione di lusso che include imprese umbre ed emiliane, e della veneta Nice Footwear che tra luglio 2021 e gennaio 2022 ha rilevato Manifattura Favaro (calzature) ed Emmegi (borse) tra Vicenza e Padova.

«Il fenomeno inizialmente ci ha sorpresi – spiega Fiani di Kpmg –. Eravamo abituati ad avere grandi acquisizioni di gruppi francesi o americani sull’azienda capofila. Queste operazioni confermano invece come realtà spesso piccole e poco visibili abbiano un ruolo strategico con le loro produzioni di nicchia ad altissimo valore aggiunto». L’integrazione – come sottolineato dalla stessa Kpmg nell’analisi – consente di consolidare il posizionamento nel settore del lusso, sempre più esigente e attento alla sostenibilità dei prodotti, della filiera produttiva e dei propri partner.

Proprio questo aumenta l’appetibilità delle imprese terziste, ora sotto la lente anche dei fondi: «Ci sono diversi esempi di equity di varie dimensioni che hanno effettuato operazioni di add on su acquisizione primaria di taglia media», dice Fiani. È il caso del fondo d’investimento H.I.G Capital che, qualche giorno fa, ha annunciato l’acquisizione (la quarta dal 2019) di Varcotex tramite la controllata Cadicagroup, a sua volta frutto di un’aggregazione. La spinta che arriva dai fondi rappresenta, per l’industria italiana, una chance di rafforzamento. E, perché no, di riportare in auge l’idea di uno o più poli produttivi leader nel mondo: «Si delineano nuove opportunità all’orizzonte, cioè quando soggetti finanziari dovranno uscire dall’investimento», chiosa Fiani.

Nella versione cartacea di questo articolo è riportato erroneamente il cognome Pagani al posto di Fiani, partner di Kpmg. Ci scusiamo con i lettori e con l’interessato

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti