Cinema

«Madres paralelas» di Pedro Almodóvar apre la Mostra di Venezia

Annunciato il film d'apertura della 78esima edizione della kermesse lagunare. Un grandissimo nome per inaugurare un programma che si preannuncia ricchissimo

di Andrea Chimento

Madres paralelas© El Deseo D.A. S.L.U.

2' di lettura

Pedro Almodóvar inaugurerà la prossima Mostra del Cinema di Venezia: l'attesissimo nuovo film del regista spagnolo, «Madres paralelas», è stato scelto come film d'apertura della 78esima edizione della kermesse lagunare, in programma dall'1 all'11 settembre.

Una notizia importantissima, che vede protagonista uno dei grandi autori contemporanei, chiamato a dare il via a una rassegna che si preannuncia di altissimo livello, dopo gli annunci nelle scorse settimanefra cui «Dune» di Denis Villeneuve.

Loading...

«Madres paralelas» vede al centro due donne, Janis e Ana, che condividono la stanza di ospedale dove stanno per partorire: sono entrambe single ed entrambe stanno portando avanti una gravidanza inattesa. Janis, di mezza età, non ha rimpianti e nelle ore che precedono il parto esulta di gioia. Ana invece è un'adolescente spaventata, contrita e traumatizzata.

Le due si scambiano poche parole, ma creeranno un legame fortissimo che potrebbe cambiare le esistenze di entrambe.Già dal soggetto di partenza, la sensazione è quella che ci troveremo davanti un film molto delicato e di grande sensibilità, in cui Almodóvar tornerà a raccontare il tema della maternità, argomento da sempre centrale nel suo cinema: basti pensare a «Carne tremula», «Tutto su mia madre» e «Volver».

Madres paralelas©El Deseo D.A. S.L.U.

«Dolor y gloria»

Può però venire in mente anche il suo straordinario lavoro precedente, «Dolor y gloria», in cui l'autore classe 1949 ha messo all'interno della narrazione tutto se stesso.

Le dichiarazioni del regista

Almodóvar ha commentato così la notizia: “Nasco come regista proprio a Venezia nel 1983” – ha dichiarato citando il suo film «L'indiscreto fascino del peccato» – “…nella sezione Mezzogiorno Mezzanotte. Trentotto anni dopo vengo chiamato a inaugurare la Mostra. Non riesco ad esprimere la gioia, l’onore e quanto questo rappresenti per me senza cadere nell’autocompiacimento. Sono molto grato al festival per questo riconoscimento e spero di esserne all’altezza”.

Madres paralelas© El Deseo D.A. S.L.U. (photo by Nico Bustos)

Il Direttore della Mostra, Alberto Barbera, ha invece commentato così l'annuncio: “Sono grato a Pedro Almodóvar per averci offerto il privilegio di aprire la Mostra del Cinema con il suo nuovo film, ritratto intenso e sensibile di due donne che si misurano con i temi di una maternità dai risvolti imprevedibili, della solidarietà femminile, di una sessualità vissuta in piena libertà e senza ipocrisie, sullo sfondo di una riflessione sulla necessità ineludibile della verità, da perseguire senza esitazioni.

Un graditissimo ritorno a Venezia in Concorso per il nostro Leone d'oro alla carriera nel 2019, a molti anni di distanza dal successo di «Donne sull’orlo di una crisi di nervi», che segnò la sua definitiva affermazione in ambito internazionale”.In attesa di scoprire l'intero programma della Mostra del Cinema di Venezia con la conferenza stampa di settimana prossima, la partenza non poteva che essere più affascinante di così e va ricordato che anche lo scorso anno Almodóvar era al Lido, fuori concorso, con «The Human Voice», un suggestivo progetto di trenta minuti con cui l'autore ha adattato Jean Cocteau, grazie anche alla splendida prova di una Tilda Swinton perfettamente in parte.


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti