Cronaca

Mafia, a Messina colpo al clan dei barcellonesi: 86 arresti

Blitz della Procura distrettuale antimafia. La cosca imponeva le assunzioni nelle discoteche e rilevava aziende ortofrutticole tramite prestanomi

Mafia, blitz antidroga tra Bari e Bitonto: 43 arresti

1' di lettura

In Sicilia e Calabria i carabinieri del comando provinciale di Messina hanno dato esecuzione a misure cautelari emesse, su richiesta della Procura distrettuale antimafia guidata dal procuratore Maurizio de Lucia, nei confronti di 86 persone accusate a vario titolo di associazione di tipo mafioso, estorsione, scambio elettorale politico mafioso, trasferimento fraudolento di valori, detenzione e porto illegale di armi, incendio, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, sfruttamento della prostituzione, con l’aggravante del metodo mafioso.

Il blitz è il risultato di una attività investigativa condotta dal 2018 a oggi sulla famiglia mafiosa dei «barcellonesi», storicamente radicata nel comune di Barcellona Pozzo di Gotto, capace di esercitare un costante tentativo di infiltrazione in attività imprenditoriali ed economia lecita, sia nel settore della commercializzazione di prodotti ortofrutticoli (attraverso l’acquisizione di imprese intestate a prestanomi o imponendo, con metodo mafioso, la fornitura dei prodotti), sia nel business dei locali notturni del litorale tirrenico. Il clan imponeva alle discoteche, con la violenza e le intimidazioni, i servizi di sicurezza e interveniva per condizionare i titolari dei locali nella gestione delle loro attività. L’inchiesta ha confermato, inoltre, quanto sia ancora forte la pressione del racket su imprenditori e commercianti e l’interesse della cosca per lo storico business della droga.

Loading...
Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti