operazione dei carabinieri

Mafia: a Trapani 25 arresti fra boss e politici

di Nino Amadore

Mafia e politica: a Trapani arrestato un ex deputato regionale siciliano


4' di lettura

La mafia è entrata nelle istituzioni dalla porta principale ed è andata a sedersi nelle poltrone che contano. E avrebbe voluto continuare a farlo. È questa l’accusa alla base dell’operazione dei carabinieri di Trapani che hanno eseguito un’ordine di custodia cautelare firmato dal Gip Piergiorgio Morosini il quale ha accolto le richieste della procura antimafia di Palermo guidata da Francesco Lo Voi: 25 le persone arrestate tra boss e politici.

Arrestato Paolo Ruggirello, politico di lungo corso
E basta scorrere velocemente le oltre 550 pagine dell’ordinanza di custodia cautelare per rendersi conto che non si tratta della solita operazione su possibili scambi elettorali tra mafiosi e politici. E non solo perché questa volta è stato arrestato Paolo Ruggirello, un politico di lungo corso, rampollo di una famiglia imprenditoriale tanto potente quanto discussa, ex deputato regionale (per tre legislature), pronto a cambiare casacca all’occorrenza fino ad approdare al Pd passando dal movimento Articolo 4 creato dal defunto Lino Leanza: candidato al Senato alle ultime elezioni politiche, Ruggirello non ce l’ha fatta.

Loading...

L’accusa di associazione mafiosa
Per lui l’accusa è di associazione mafiosa e di essere pronto ad assecondare quelli che sono gli obiettivi dell’organizzazione mafiosa: acquisire il controllo di attività economiche, soprattutto nel campo dell’edilizia e della gestione dei rifiuti, e raccogliere consensi elettorali in occasione delle varie consultazioni. Ruggirello, ha detto il procuratore Lo Voi, «ha rappresentato il ponte tra la mafia e le istituzioni». E un simbolo, negativo ovviamente, di come vanno le cose in quel pezzo di Sicilia. Una storia, quella che riguarda Ruggirello, che parte dagli anni 2000, quando il futuro deputato regionale era un militante del movimento Nuova Sicilia di Bartolo Pellegrino, politico a suo tempo accusato di favoreggiamento alla mafia e poi assolto in via definitiva. 

Per gli inquirenti rapporti consolidati con Messina Denaro
E vi sarebbero, secondo gli inquirenti, rapporti consolidati nel tempo con uomini della mafia trapanese legati a doppio filo con la famiglia Messina Denaro, sia con il capostipite don Ciccio Messina che con Matteo Messina che resta il capo indiscusso della mafia trapanese anche se non sembra aver avuto un ruolo in questa vicenda. «Non emerge nulla» spiegano i magistrati. Fino ad arrivare a oggi e ai rapporti dell’ex deputato con i fratelli Pietro e Francesco Virga, figli di Vincenzo storico boss ora all’ergastolo. Ma ai vertici del clan c’è anche Francesco Orlando, ex consigliere comunale del Psi, «uomo d’onore riservato» ed ex segretario particolare del deputato regionale Bartolo Pellegrino. «Ruggirello - scrive il gip - strumentalizzando il proprio ruolo istituzionale, ha di fatto contribuito al raggiungimento di uno degli scopi dell’associazione mafiosa: il controllo del voto democratico e l’influenza sulla gestione della cosa pubblica».

GUARDA IL VIDEO - Mafia, confiscato patrimonio dell'ex patron Valtur Carmelo Patti

Arrestata anche l’ex direttrice del museo della preistoria
E certo non è il solo Ruggirello a cercare i favori elettorali del boss: vi si trova anche il nome di Ivana Inferrera (anche lei arrestata), 55 anni, una laurea in Conservazione dei beni culturali, ex direttrice del museo della preistoria e nel 2013 nominata assessore alle Strategie di sviluppo a Trapani: candidata con il centrodestra alle ultime elezioni regionali con la lista Udc per Musumeci presidente avrebbe ricevuto i favori della mafia trapanese. Ma basta scavare un po’ tra le carte e si ritrovano i nomi di consiglieri comunali, di sindaci e di altri politici citati dai boss. Il mercato del voto è rigido: Ruggirello, per esempio, a un certo punto viene scaricato perché non ha pagato.  Il denaro prima di tutto: 50 euro a voto oppure venti euro per fare la spesa a cittadini di quartieri periferici. Con un controllo del consenso rigido che arriva fino al punto di documentare il voto con le fotografie delle schede elettorali. «È una storia che si ripete - spiega il procuratore aggiunto Paolo Guido -. Abbiamo già visto il sistema in un’altra operazione della scorsa settimana». Il riferimento è al deputato regionale in carica Stefano Pellegrino, accusato di corruzione elettorale che però continua a respingere le accuse.

Gravi indizi di interferenze nelle competizioni elettorali
Per i magistrati « dagli esiti delle indagini, si ricavano gravi indizi sulle interferenze dell’organizzazione mafiosa nelle diverse competizioni elettorali; in alcuni casi persino la gestione diretta del rapporto con i candidati, attraverso l’attivazione della rete di contatti del circuito mafioso e l’acquisto di voti a seguito di accordi illeciti». Con una particolarità: sono proprio i rappresentanti locali della politica che si offrono ai mafiosi, proponendosi come loro punti di riferimento, arrivando, in alcuni casi, addirittura ad affidare loro la gestione, seppur parziale, della propria campagna elettorale.

Cellula di Cosa nostra nell’isola di Favignana
C’è la politica e ci sono gli affari. I carabinieri hanno individuato una “cellula” di Cosa nostra nell’isola di Favignana dove la mafia si infiltra nel settore dei lavori pubblici e nel turismo accaparrandosi il Grand Hotel Florio. Nell’ambito dell’operazione è stato eseguito un sequestro di beni, società ed esercizi commerciali per un valore complessivo di circa 10 milioni di euro.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti