ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùDistribuzione

Maglificio Liliana cresce tra Canada e Giappone

Potenziamento in Uk

di Marta Casadei

Lorenzoni. È uno dei tre marchi che fanno capo all'azienda bresciana

2' di lettura

«Il 2022 si è chiuso con un aumento dei ricavi del 20%. Siamo soddisfatti: avremmo anche potuto fare meglio, ma le temperature calde di settembre e ottobre hanno penalizzato le vendite delle collezioni invernali di maglieria. Di contro, gli ordini per la primavera estate 2023 sono saliti del 30% sull’anno precedente». Guarda al 2023 con ottimismo Andrea Lorenzoni, amministratore delegato di Maglificio Liliana, pur consapevole di una serie di incognite che l’azienda bresciana - fondata dai genitori Egidio e Liliana nel 1969 - si è preparata e si sta attrezzando per affrontare al meglio. «I problemi maggiori arrivano dalla guerra in Ucraina, ma anche dall’inflazione - continua Lorenzoni -. Noi ci siamo tutelati dal punto di vista energetico, visto che grazie al fotovoltaico produciamo il doppio dell’energia che consumiam0, ma i prezzi delle materie prime sono aumentati in modo spropositato»

Anche in questo caso, l’azienda si era “preparata” per tempo: « Già all’inizio del 2022 abbiamo aumentato le scorte filati perché abbiamo riscontrato da un lato gli aumenti dei prezzi e dall’altro una crescente difficoltà nel reperire i materiali - spiega - e questo ci ha permesso di non aumentare troppo i prezzi delle nostre collezioni:  per l’autunno-inverno 23/24 avremo listini in aumento tra il 10 e il 20%, ma ci sono materiali che sono aumentati del 50% su base annua». Scelta mai messa in dubbio dall’azienda - cui fanno capo i brand Montichiari, Impulso e Lorenzoni - è quella di mantenere alto il livello di qualità dei prodotti: «I nostri clienti non vogliono compromessi su questo fronte - dice Lorenzoni - e la conferma di questo fatto arriva dalla campagna vendite della collezione invernale che è già in corso con risultati positivi in Canada. Per questa stagione abbiamo investito tanto su trattamenti e tinture innovative, rigorosamente made in Italy».

Loading...

Tra gli altri mercati in cui Maglificio Liliana punta a realizzare risultati positivi e rafforzare la propria presenza ci sono «Giappone e Corea del Sud, ma anche in Regno Unito dove abbiamo acquisito un nuovo showroom con un agente a Londra: in questo mercato avevamo risultati importanti e vorremmo aumentare il livello di fatturato».

Tra i progetti dell’azienda - che fa leva su una distribuzione wholesale - anche quello del trasferimento in una nuova sede da 10mila metri quadri, sempre a Montichiari (Bs): «Stiamo crescendo e per far fronte anche all’aumento di produttività stiamo potenziando nostra struttura con nuovi macchinari. Da qui l’esigenza di una sede più grande».

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti