ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùAllarme meteo

Maltempo: Emilia-Romagna e Liguria firmano lo stato di crisi regionale

Nel Levante 2 milioni di danni. Al giardino Boboli di Firenze sradicato un cedro dell’800. Sui litorali colpiti in difficoltà decine di stabilimenti

Maltempo in Toscana, ecco le immagini di Lucca dopo la tromba d'aria

5' di lettura

«A seguito delle numerose persone evacuate ieri per il maltempo che si è abbattuto su tutto il territorio regionale, ma in particolare nella zona del levante ligure nei Comuni di Sestri Levante, Lavagna, Cogorno e Chiavari, ho firmato oggi il decreto, valido per tre mesi ma prorogabile fino a sei, per approvare lo stato di emergenza regionale con cui mettere a disposizione un fondo apposito di 250 mila euro per le persone che hanno dovuto abbandonare le loro abitazioni». Lo ha annunciato il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti.

Continua la conta dei danni nei territori colpiti dall’ondata di maltempo che ha colpito soprattutto Toscana, Liguria, Emilia-Romagna e Veneto. Dal Levante ligure, teatro ieri 18 agosto di mareggiate, venti oltre i 100 km/h e grandinate, partono le prime stime. Due milioni di euro è la cifra approssimativa dei danni subiti da Sestri Levante dopo il maltempo, con la sindaca Valentina Ghio che spiega: «Con i tecnici del comune e gli assessori abbiamo compiuto un sopralluogo per una prima verifica dei danni subiti a scuole, parchi, casa di riposo, illuminazione e la stima è di oltre un milione di euro. Poi ci sono i privati dagli albergatori ai balneari, ai commercianti, alle centinaia di cittadini e turisti che hanno avuto le loro auto danneggiate. Quindi la cifra potrebbe raddoppiare».

Loading...

Toscana: ancora case senza corrente

In Toscana, la regione che conta le due vittime per il maltempo, un uomo e una donna colpiti da alberi in provincia di Lucca e di Carraraci sono ancora case senza corrente elettrica. Il presidente della regione Eugenio Giani aggiorna la situazione su Facebook: «Proseguono le operazioni di riparazione alla rete elettrica da parte di Enel, delle oltre 27 mila utenze rimaste senza luce ne sono state riattivate ad ora l’83%. Sono in corso molte riparazioni con previsione di normalizzazione, almeno della rete media tensione, nelle prossime ore. Gli eventi emergenziali ancora in corso su Livorno e Firenze saranno chiusi a breve».

I nubifragi sono continuati nella notte: un violento temporale si è abbattuto su Arezzo e su tutto il territorio provinciale con grandine e forti raffiche di vento. Il temporale ha provocato allagamenti, distacco di tegole e sradicamento di piante con decine di chiamate ai vigili del fuoco. In Valtiberina distrutti interi campi di tabacco, in Valdichiana pesanti danni ancora da quantificare alle coltivazioni in particolare ai frutteti. Problemi anche nelle province di Empoli, Siena e Lucca.

Il Giardino di Boboli a Firenze riaprirà domenica 21 agosto dopo la fine dei lavori di messa in sicurezza. Pesante il bilancio degli effetti del maltempo: 8 gli alberi persi (tra i quali purtroppo un grande cedro ottocentesco), decine i rami spezzati nei trentatre ettari del parco. Già domani mattina, invece, cancelli aperti al Giardino delle Scuderie reali. E’ quanto fa sapere la direzione delle Gallerie degli Uffizi.

Emilia-Romagna: firmato lo stato di crisi

È stato siglato il decreto del presidente con il quale si riconosce lo stato di crisi per l'Emilia-Romagna. La decisione è stata presa dopo i fenomeni di forte maltempo che hanno caratterizzato anche queste ultime ore, interessando diverse zone della regione. Il meteo è stato particolarmente avverso in Emilia-Romagna: anche nelle scorse ore diversi fenomeni hanno accentuato i problemi che già erano stati provocati dal maltempo di ieri. Una visita prevista per questa mattina da parte del presidente della Regione a Bondeno, nuovamente colpito da fenomeni intensi, è stata rimandata a martedì prossimo, sulla base di una comprensibile richiesta avanzata da parte del sindaco. Intanto, prosegue la stima dei danni e gli interventi da parte dell'Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile. Soprattutto nel ferrarese, modenese e parmense.

Disagi e forti ritardi nel nodo ferroviario di Bologna dopo un guasto ai sistemi di gestione della circolazione provocato dal maltempo questa mattina, poco dopo le 8, in prossimità della stazione di Santa Viola. I treni Alta Velocità, Intercity e Regionali, fa sapere Rfi, potranno registrare ritardi fino a 150 minuti. Trenitalia, invece, segnala che sono 22 i treni Alta Velocità e InterCity direttamente coinvolti con un maggior tempo di percorrenza superiore a 60 minuti. Dopo l’intervento dei tecnici però, dalle 12.20 il traffico ferroviario è in graduale ripresa e la circolazione sta riprendendo regolarmente sulle linee Milano - Bologna AV, Bologna - Verona convenzionale e Bologna - Piacenza convenzionale.

Venezia: verifiche al campanile di San Marco

Non vi sono particolari anomalie o situazioni di rischio imminente sul campanile di San Marco a Venezia, alla cui base ieri erano stati notati dei frammenti di mattoni dopo il fortunale abbattutosi in città. E’ questo l’esito dei controlli operati dai vigili del fuoco del nucleo Sapr (Sistema Aeromobile a Pilotaggio Remoto) del Veneto, che hanno eseguito dei rilievi videofotografici del campanile con un drone. Le immagini sono state verificate in tempo reale dal vice dirigente dei vigili del fuoco del comando di Venezia, Francesco Pilo. La Procuratoria di San Marco provvederà alla manutenzione del campanile.

Danneggiati duramente i raccolti

Alberi abbattuti, serre divelte dal vento, campi sott'acqua per i nubifragi, le grandinate e le trombe d'aria che hanno colpito a macchia di leopardo le regioni del centro nord hanno provocato danni incalcolabili all'agricoltura. Coldiretti chiede di verificare le condizioni per lo stato di calamità nelle zone agricole colpite dalla furia del clima che ha danneggiato duramente i raccolti. A soffrire del violento cambiamento meteo – sottolinea l’associazione – sono state principalmente le coltivazioni di stagione in un momento in cui è in corso la vendemmia e la raccolta di frutta e verdura estive ed in autunno inizierà quella delle olive.

In Piemonte grandine e vento si sono abbattuti nella zona di Baraggia (Biella), Bellinzago e Caltignaga in provincia di Novara con danni sul riso mentre in Emilia nella zona di Parma violentissime grandinate hanno colpito Bedonia e Fontanellato, e nel Modenese il forte vento ha fatto cadere a terra una parte consistente delle pere abate con perdite fino al 50% in alcune aziende e diversi capannoni scoperchiati.

Aiuti dalle banche

Intesa Sanpaolo ha stanziato un plafond di un miliardo di euro a condizioni agevolate a sostegno delle famiglie e delle imprese che hanno subito danni a seguito dell'eccezionale maltempo, “al fine - si legge in una nota del gruppo - di rispondere nel più breve tempo possibile alla situazione di emergenza venutasi a creare in seguito agli eventi atmosferici che hanno colpito diversi territori del Paese”. Il plafond è destinato alle famiglie, alle imprese, ai piccoli artigiani, commercianti e alle imprese del settore agroalimentare che hanno subito danni, dando loro un sostegno finanziario dedicato.

Crédit Agricole Italia ha deciso di assistere finanziariamente le aziende di Emilia-Romagna, Toscana e Liguria. La banca ha attivato, in particolare, linee di credito a condizioni vantaggiose per l'immediato ripristino delle attività produttive e per garantire la liquidità necessaria agli imprenditori. I finanziamenti verranno erogati a valere su un plafond dedicato e con un iter burocratico semplificato per accelerare i tempi di concessione, offrendo un ulteriore e concreto segnale di vicinanza al mondo produttivo dei territori coinvolti.

Unicredit sostiene le comunità colpite dalle calamità naturali in questi giorni. Tra le iniziative predisposte, una moratoria di 12 mesi sulle rate dei mutui ipotecari e chirografari per le imprese con sede legale/operativa nella zona colpita dal maltempo che abbiano subito danni e per tutti i clienti privati intestatari di mutui ipotecari residenti nei territori interessati che siano stati danneggiati dall’evento.

Banca Monte dei Paschi di Siena ha stanziato un plafond di 200 milioni di euro per un primo intervento a supporto di famiglie e imprese che hanno subito danni a seguito degli eccezionali eventi atmosferici che si sono verificati negli ultimi giorni. Lo riporta una nota precisando che l’obiettivo è offrire un sostegno concreto a Toscana, Emilia-Romagna, Liguria, Veneto e agli altri territori colpiti dal maltempo e rispondere nel più breve tempo possibile alla situazione di emergenza che si è venuta a creare.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti