ALLO STATO NON CI SONO INDAGATI  

Mancata raccolta dei rifiuti a Roma, indaga la procura

In ballo c'è una crisi senza precedenti, che sarebbe stata in parte sbloccata dalla firma di un'ordinanza del governatore della Regione Lazio e segretario del Pd Nicola Zingaretti

di Ivan Cimmarusti


default onloading pic

1' di lettura

La mancata raccolta dei rifiuti a Roma porta la Procura della Repubblica di Roma ad aprire un’inchiesta. Allo stato non ci sono indagati, ma l’ipotesi che si fa largo è che ci siano responsabilità in capo alla Giunta pentastellata di Virginia Raggi e all’Ama, la municipalizzata che si occupa di rifiuti urbani. L’indagine è coordinata dal procuratore aggiunto Nunzia D’Elia, che ha già disposto l'esecuzione di consulenze tecniche.

In ballo c'è una crisi senza precedenti, che sarebbe stata in parte sbloccata dalla firma di un'ordinanza del governatore della Regione Lazio e segretario del Pd Nicola Zingaretti. Tuttavia sulla scrivania dei magistrati sono arrivati una serie di esposti, alcuni a firma di cittadini, altri invece di associazioni che hanno anche depositato alcuni rilievi tecnici. E sono proprio questi ultimi esposti ad aver portato i pm a ipotizzare il reato di mancata raccolta di rifiuti, anche se allo stato non ci sono iscritti nel registro degli indagati.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti