ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùFAST FASHION

Mango triplica gli utili rispetto al 2019 e alza i target di sostenibilità

Il gruppo spagnolo ha chiuso il 2021 con un fatturato di 2,234 miliardi, in crescita del 21,3% sul 2020 e che ha sfiorato quello del 2019. Entro il 2022 l’obiettivo è arrivare al 100% di capi «Committed»

di Giulia Crivelli

New York. Tra i monomarca aperti di recente, quello sulla Fifth Avenue. Mango è presente in oltre 110 Paesi con quasi 2.500 punti vendita fisici

I punti chiave

  • Il gruppo catalano ha registrato un fatturato di 2,234 miliardi, +21,3% sul 2020
  • L’online assorbe il 42% del fatturato con ricavi a 942 milioni
  • Utile 2021 a 67 milioni, triplicato rispetto al periodo pre pandemia

3' di lettura

Il gigante silenzioso del fast fashion: potremmo definire così Mango, azienda spagnola famosissima in patria e famosa nel mondo (è presente in 110 Paesi), ma per alcuni versi anomala, se confrontata con altri gruppi europei del settore. Forse però, spiega il ceo Toni Ruiz, è arrivato il momento di raccontare qualcosa in più su Mango e i suoi valori, partendo comunque dai dati economici, molto positivi.

Mango ha chiuso il 2021 con un fatturato di 2,234 miliardi, in crescita del 21,3% sul 2020 e che ha sfiorato quello del 2019. Rispetto al periodo pre pandemia in compenso è triplicato l’utile netto, che nel 2021 è stato di 67 milioni, e l’indebitamento è praticamente pari a zero. Guardando ai ricavi, ecco la prima anomalia di Mango: «La crescita del canale online, + 23%, è stata leggermente superiore a quella complessiva, ma siamo davvero soddisfatti del peso del canale, che assorbe il 42% del fatturato ed è pari a 942 milioni», spiega Ruiz, di passaggio a Milano proprio nei giorni in cui si disallestiva il Fuorisalone e ci si preparava alla settimana della moda uomo che si è chiusa martedì scorso. «Milano è una città molto importante e il negozio di corso Vittorio Emanuele è uno dei tre più grandi che abbiamo nel mondo, per superficie e footfall (ingressi) – aggiunge Ruiz –. In Italia abbiamo una presenza importante al nord, ma dobbiamo crescere al centro e al sud: sono qui anche per partecipare ad alcuni eventi che abbiamo organizzato a Napoli e in Sicilia e in programma ci sono diverse aperture». La percentuale di ricavi riconducibili all’e-commerce non inganni, a proposito di anomalie: Mango non vuole diventare un brand virtuale, anzi. Alla fine del 2021 i negozi erano 2.447, con un saldo netto rispetto al 2020 di 236 punti vendita. «I negozi fisici restano il punto di contatto migliore con i clienti e lo abbiamo visto anche con il lancio della collezione casa, nel 2021: all’inizio si vendeva solo online, ora ha degli spazi nei flagship più grandi, come quello di Milano, e sta avendo un successo ancora maggiore», aggiunge l’ad.

Loading...

Mango, fondato nel 1984 a Barcelona, resta focalizzato sull’abbigliamento donna, che assorbe circa l’80% dei ricavi, ma sta investendo anche nelle collezioni uomo e bambino e negli accessori. «Le nostre dimensioni ci permettono economie di scala, certo, e la presenza in oltre 110 Paesi ci consente di attrarre talenti di ogni tipo. Al centro di tutto deve però restare la creatività e l’originalità della nostra offerta - spiega Ruiz –. È difficile che, entrando in un negozio Mango o visitando il sito si abbia l’impressione di aver già visto uno stile o un modello altrove». Magari sulle passerelle, aggiungiamo noi. Ed ecco l’altro aspetto che distingue Mango da altri grandi nomi del settore, spagnoli e non solo. Ruiz non lo dice chiaramente ma quello delle somiglianza, diciamo così, tra le tendenze dettate dalle settimane della moda di Milano e Parigi e le collezioni del fast fashion è un tema controverso da tempo, al quale Mango sembra in gran parte estraneo.

Un tema che invece Ruiz sente prioritario, per l’industria della moda e per le grandi catene in particolare è la sostenibilità: «Ogni attività umana, specie commerciale, avrà sempre un impatto sull’ambiente. Per minimizzarlo abbiamo iniziato un percorso anni fa e ci siamo dati obiettivi ambiziosi, che stiamo raggiungendo prima del tempo - spiega l’ad di Mango -. Lavoriamo su quattro filoni: uso di fibre sostenibili, circolarità, emissioni di CO2 e trasparenza nella catena di approvvigionamento. Siamo stati la prima azienda spagnola a rendere pubbliche le liste delle fabbriche “tier 1”, quelle che fanno il prodotto, e delle “tier 2”, che si occupano dei processi intermedi. Entro l’anno faremo lo stesso con le “tier 3”, cioè con i fornitori di materiali come tessuti e accessori tessili».

Nel 2021 l’80% dei capi commercializzati incorporava la denominazione Committed, il doppio rispetto all’anno precedente: Mango definisce Committed gli articoli che contengono almeno il 30% di fibre più sostenibili e/o sono fabbricati utilizzando processi di produzione più sostenibili. «Entro il 2022 vorremmo arrivare al 100%», conclude Ruiz.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti