ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa crisi e il lavoro

Manifesti affissi per trovare chef, maitre e ragionieri. Il gruppo Gdf investe milioni nel settore alberghiero ma il personale non c’è

Della Frera possiede 4 alberghi Hilton, di cui l’ultimo appena inaugurato a Malpensa con 3 milioni di investimento. Mancano una quarantina di addetti

di Sara Monaci

2' di lettura

Cercasi urgentemente personale. È il paradosso che sta vivendo il gruppo alberghiero Della Frera, proprietario di 4 alberghi Hilton vicino a Milano. Ha appena finito di ristrutturare la sua quarta struttura ribattezzata Hilton, con 250 camere vicino a Malpensa, per un investimento da 3 milioni di euro sostenuti proprio mentre era in atto l’emergenza sanitaria e la crisi economica, ma al gruppo Gdf mancano ancora 40 persone tra chef, addetti alle sale, ragionieri contabili e maitre.

Figure con percorsi professionali molto diversi, ma evidentemente tutte di difficile reperibilità.Tanto che l’imprenditore Guido Della Frera si vede ora costretto ad affiggere poster, alla vecchia maniera, come se non fossimo in epoca digitale. E soprattutto come se la disoccupazione non fosse aumentata. I poster sono stati affissi nella zona, a Sud di Varese, Milano, Busto Arsizio.

Loading...

Il problema Della Frera lo aveva già evidenziato sul Sole 24 Ore lo scorso novembre. «Nel 2021 abbiamo investito 10 milioni. Nel segmento degli alberghi gestiamo al momento circa mille camere, per 7 alberghi, con 200 dipendenti. Obiettivo del prossimo triennio è di arrivare a 1.500 camere. La pandemia ci ha messo a dura prova - dice Della Frera - anche se siamo riusciti a resistere. Adesso che stiamo cercando di rimpiazzare i posti di lavoro perduti non riusciamo a trovare personale. Ritengo per due ragioni: la prima è la concorrenza fatta dal reddito di cittadinanza, per quanto riguarda le posizioni più basse; la seconda è che il lockdown ha abituato tutti a stare più a casa e cercarsi lavori con orari regolari. Quindi è aumentata l’occupazione nella logistica, ma è diminuita quella negli alberghi».

Cosa fare dunque? «Stiamo valutando incentivi premianti, aumenti di stipendio o bonus. Tuttavia in Italia non è facile perché evidentemente il cuneo fiscale non ci aiuta. Bisognerebbe alleggerire non dico le tasse, cosa difficile, ma almeno togliere dall’Inps maternità e cig, inserendole sotto la fiscalità generale, in modo da alleggerire i contributi e permettere a noi imprenditori di aumentare i salari netti».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti