Legge di Bilancio

Manovra, 12mila posti per Medicina, altri 250 milioni agli atenei

La soddisfazione della ministra Messa: «Dopo anni formazione e ricerca di nuovo al centro»

di Redazione Scuola

(IMAGOECONOMICA)

3' di lettura

«L'Italia ha capito che in questa fase di forti cambiamenti per crescere e creare sviluppo c'è assoluto bisogno di investire sulla scienza e sulle competenze. Con questa legge di bilancio il governo dimostra, mettendo risorse stabilmente crescenti negli anni, che i giovani sono davvero il centro attorno al quale stiamo disegnando il futuro» dice il ministro dell'Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa, al termine del Consiglio dei ministri.
«Per l'università i fondi, che aumentano progressivamente negli anni e vengono messi a regime per consentire agli atenei una adeguata programmazione e stabilità delle attività, verranno distribuiti in modo selettivo, prevedendo dei vincoli di destinazione per favorire, su tutto, un reclutamento che consenta di diminuire il divario nel rapporto docenti-studenti universitari che abbiamo in Italia rispetto alla media europea» continua il ministro. «Una valorizzazione di persone e competenze che coinvolge anche le istituzioni dell'alta formazione artistica, musicale e coreutica, veri gioielli nel nostro sistema di formazione superiore, e i medici specializzandi per i quali abbiamo portato in via permanente e stabile le borse di studio a quota 12.000 all'anno».

La ricerca diventa centrale

«La ricerca diventa, dopo anni di sofferenza, davvero centrale per lo sviluppo del Paese. Abbiamo previsto una crescita costante negli anni delle risorse proprio per consentire agli enti e ai ricercatori di assorbirle e sfruttarle nel miglior modo possibile» spiega Messa. «Oltre all'incremento per il Fondo ordinario per gli enti e le istituzioni di ricerca, aumentiamo la dotazione del Fondo italiano per la scienza nato a maggio per investire nella ricerca fondamentale e istituiamo il nuovo Fondo italiano per le scienze applicate per valorizzare anche la ricerca industriale e lo sviluppo sperimentale» aggiunge il ministro. «Infine, interveniamo sul più grande ente pubblico di ricerca nazionale, il Cnr, che ha bisogno di un vero piano di riorganizzazione e di rilancio».

Loading...

Fondo per il finanziamento ordinario

La legge di Bilancio 2022 prevede che il Fondo per il finanziamento ordinario delle università (Ffo) sia incrementato, rispetto al 2021, di 250 milioni di euro per il 2022, di 530 milioni per il 2023 e di 750 milioni annui a decorrere dal 2024. Rispetto a queste risorse aggiuntive, si prevedendo, appunto, diversi vincoli di destinazione oltre al reclutamento, come la valorizzazione del personale tecnico-amministrativo, l'integrazione dell'importo delle borse di dottorato, il cofinanziamento per le chiamate dirette, un incremento del finanziamento delle Scuole superiori a ordinamento speciale. Oltre al Ffo, il disegno di legge di bilancio prevede una crescita del finanziamento delle residenze universitarie e dei collegi di merito oltre che ad alcuni musei e istituti impegnati a sostenere e incentivare in maniera organica la diffusione della cultura scientifica. Il Fondo ordinario per gli enti e le istituzioni di ricerca viene, invece, incrementato di 90 milioni di euro per ognuno degli anni 2022, 2023 e 2024 prevendendo che una quota sia sempre destinata alla promozione dello sviluppo professionale di ricercatori e tecnologi e alla valorizzazione del personale tecnico-amministrativo. Si prevede, inoltre, che, per la prima volta, il riparto delle risorse venga fatto tenendo in considerazione anche i risultati conseguiti dagli enti pubblici di ricerca nella valutazione della qualità della ricerca.Il Fondo italiano per la scienza, istituito con il decreto-legge Sostegni-bis, avrà una dotazione di 150 milioni di euro per il 2022, mentre arriverà a 200 e 250 milioni rispettivamente nel 2023 e 2024.La legge di bilancio istituisce, poi, il nuovo Fondo italiano per le scienze applicate con una dotazione di 50, 150 e 250 milioni rispettivamente per il 2022, il 2023 e il 2024.

Scuola, tutti gli approfondimenti

La newsletter di Scuola+

Professionisti, dirigenti, docenti e non docenti, amministratori pubblici, operatori ma anche studenti e le loro famiglie possono informarsi attraverso Scuola+, la newsletter settimanale de Il Sole 24 Ore che mette al centro del sistema d'istruzione i suoi reali fruitori. La ricevi, ogni lunedì nel tuo inbox. Ecco come abbonarsi

Le guide e i data base

Come scegliere l’Università e i master? Ecco le guide a disposizione degli abbonati a Scuola+ o a 24+. Qui la guida all’università con le lauree del futuro e il database con tutti i corsi di laura

Lo speciale ITS

Il viaggio del Sole 24 Ore negli Its per scoprire come intrecciare al meglio la formazione con le opportunità di lavoro nei distretti produttivi delle eccellenze del made in Italy. Tutti i servizi


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati