ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIl quadro

Manovra, 6 crediti d’imposta potenziati e prorogati ma il mercato è in affanno

Gli aiuti fiscali vanno dalla proroga degli sconti sul caro bollette al bonus per le Pmi che si quotano, ma l’uso in compensazione resta difficile

di Dario Aquaro e Cristiano Dell'Oste

Energia, Giorgetti: da primavera nuovo meccanismo per bollette

6' di lettura

La manovra di bilancio per il 2023 punta ancora sui crediti d’imposta, ma il mercato – in questo momento – fatica ad assorbirli. Con il rischio concreto che le imprese non riescano a sfruttare pienamente gli aiuti messi in campo dallo Stato sotto forma di sconto dalle imposte.

I tax credit prorogati

Nel disegno di legge ora all’esame della Camera ci sono sei categorie di crediti d’imposta potenziati e prorogati, che andranno ad arricchire la mole di agevolazioni nel portafoglio dei contribuenti.

Loading...

Crediti di imposta di nicchia

Alcuni dei tax credit sono di nicchia, come quello riservato alle Pmi che sostengono costi di consulenza per quotarsi su un mercato regolamentato. O come quello per i privati che donano denaro per finanziare la manutenzione e il restauro di impianti sportivi pubblici o per realizzare nuove strutture sportive pubbliche.

Tax credit contro il caro bollette

Altri aiuti, invece, costituiscono la pietra angolare della manovra. È il caso dei due crediti d’imposta contro il caro bollette destinati alle imprese, che pesano 9,8 miliardi sui 35 totali stanziati dal Ddl di Bilancio. E, comunque, la cifra di 9,8 miliardi appare “sottovalutata”: nel quarto trimestre 2022, quando i bonus avevano percentuali inferiori, sono stati infatti stimati 12,6 miliardi.

Compensazioni e nuovi bonus

Quando un’impresa matura un credito d’imposta, ha due strade per sfruttarlo. La prima è spenderlo direttamente nel modello F24, per alleggerire il conto di imposte dirette, indirette, tributi locali e contributi (naturalmente, in base ai tempi di pagamento e rispettando le regole di utilizzo del bonus, spesso da spalmare su più anni).

La strada della vendita del credito a una banca

La seconda strada è vendere il credito a un altro soggetto, tendenzialmente una banca, che poi lo cederà ad altri o lo compenserà in proprio. In questo caso il contribuente deve accettare un prezzo inferiore al valore nominale del bonus, ma può contare su un afflusso immediato di liquidità.

Crescono i crediti d’imposta spesi nei modelli F24

Gli ultimi dati sulle compensazioni segnalano un aumento dei crediti d’imposta che le aziende e gli autonomi hanno speso nei modelli F24 (sia usandoli in prima battuta, sia dopo averli acquistati da altri). Ma questo incremento sembra non portare traccia della mole gigantesca di tax credit generata dal superbonus, dagli altri bonus edilizi e dalle agevolazioni contro il caro bollette.

Corte conti: cmpensazioni per 68,6 miliardi a fine 2021

La Corte dei conti alla fine del 2021 ha registrato compensazioni per 68,6 miliardi di euro (+14% su base annua), di cui 11,6 miliardi derivanti da agevolazioni (+25% annuo). I dati del 2022 ricavabili dal Bollettino delle entrate tributarie permettono di allungare lo sguardo fino allo scorso mese di ottobre e lasciano prevedere che – per i soli tributi erariali – quest’anno si potrebbe raggiungere il record di 51,3 miliardi di compensazioni (+10,7 miliardi rispetto alle stesse voci del 2021).

Le cifre di Giorgetti e Upb

Ma mercoledì scorso, 14 dicembre, il ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, rispondendo in question time alla Camera, ha avvertito che «l’ammontare dei crediti è pari complessivamente a 99,4 miliardi di euro» per il periodo ottobre 2020-novembre 2022, di cui 53,1 miliardi riferibili al superbonus e 24,8 miliardi al bonus facciate. Mentre pochi giorni prima i tecnici dell’Upb (Ufficio parlamentare di bilancio) avevano segnalato che, su 7,6 miliardi di tax credit energia relativi ai primi tre trimestri del 2022, solo 3,8 risultano già impiegati nei modelli F24. Certo, i dati Upb sono aggiornati al 22 novembre; ma anche tra i crediti attualmente spendibili entro il 31 dicembre 2022 – cioè quelli maturati nel primo e secondo trimestre – la quota usata in compensazione risultava ferma al 63%: 2,7 miliardi su 4,2 disponibili (si veda Il Sole 24 Ore del 13 dicembre).

Per nuovi bonus contro caro bollette orizzonte a fine 2023

Queste analisi non conteggiano dunque le pesanti scadenze fiscali degli scorsi 30 novembre (acconto di imposte sui redditi e Irap) e 16 dicembre (saldo Imu), né quella dell’acconto Iva in programma il 27 dicembre. Ma già si guarda con preoccupazione al 30 giugno 2023, tra poco più di sei mesi, quando dovrebbe scadere il termine per spendere il grosso dei tax credit energia generati nel 2022: quelli del terzo e quattro trimestre, che ammontano a ben 16 miliardi. Ecco perché un emendamento al Dl Aiuti-quater 176/22 presentato dal governo e approvato in commissione Bilancio al Senato punta, tra l’altro, a spostare dal 30 giugno al 30 settembre 2023 l’utilizzo e la cessione di questi crediti. Mentre per i nuovi bonus contro il caro bollette, relativi al primo trimestre 2023, l’orizzonte è fissato al 31 dicembre 2023.

I NUMERI
Loading...

Rischio blocco e contromisure

L’impressione, insomma, è che una grossa fetta dei crediti d’imposta – di ogni origine – debba ancora essere compensata o sia ancora alla ricerca di un compratore. Con il mercato bancario ingolfato dai bonus casa, il rischio è che i vecchi e nuovi tax credit contro il caro bollette restino per lo più sulla carta. Confindustria ha già lanciato l’allarme nei giorni scorsi, suggerendo alcuni correttivi: dalla possibilità di frazionare i crediti per ogni singolo periodo (così da poterne compensare una parte e cederne un’altra) fino all’allungamento dei tempi per la compensazione (che, come detto, viene in parte accolta nel Dl Aiuti-quater). Per le imprese è una corsa contro il tempo.

IL QUADRO DELLE MISURE

1 - ENERGIA ELETTRICA

Tax credit energia ancora potenziato
Confermato per il primo trimestre 2023 il tax credit sui costi dell’elettricità acquistata e utilizzata (o prodotta e autoconsumata) dalle imprese energivore (consumo medio di almeno 1 GWh/anno, in settori specifici) e non energivore (con contatori di almeno 4,5 kW).

Il tax credit passa dal 40 al 45% per le energivore; e dal 30 al 35% per le non energivore. In entrambi i casi i requisiti di aumento del 30% del costo in bolletta nel IV trimestre 2022, rispetto al periodo 2019, sono ampiamente soddisfatti.

2 - GAS NATURALE

Il credito d’imposta sul gas arriva al 45%
Prorogato nel primo trimestre 2023 anche il tax credit sulla spesa per il gas consumato per usi non termoelettrici, dalle imprese gasivore (consumo medio di gas di almeno 94.582 Smc annui, iscritte nell’elenco Cassa servizi energetici e ambientali) e non gasivore. Per tutte le imprese, gasivore e no, il credito sale dal 40 al 45 per cento. Il requisito dell’aumento del 30% del prezzo medio di riferimento del gas sul mercato Mi-Gas nel IV trimestre 2022, rispetto al pari periodo 2019, è largamente superato.

3 - CARBURANTE

Agricoltura e pesca, bonus esteso
Considerato l’aumento del gasolio e della benzina, la manovra punta a estendere al primo trimestre 2023 anche il credito d’imposta sull’acquisto del carburante necessario all’attività agricola, della pesca e agromeccanica (codice Ateco 1.61). Il tax credit è pari al 20% della spesa per il carburante, al netto dell’Iva. Il contributo viene riconosciuto alle imprese agricole e della pesca anche sui costi per gasolio e benzina usati nel riscaldamento delle serre e dei fabbricati produttivi adibiti all’allevamento degli animali.

4 - SPORT

Agevolati impianti e nuove pubblicità
Prolungato per il 2023 il credito d’imposta del 65% legato alle erogazioni liberali in denaro effettuate da privati per interventi di manutenzione e restauro di impianti sportivi pubblici e per realizzare nuove strutture sportive pubbliche.

Viene poi riconosciuto anche per il primo trimestre 2023 il tax credit del 50% sugli investimenti pubblicitari (di almeno 10mila euro) eseguiti da società e associazioni sportive professionistiche e dilettantistiche che puntano sui settori giovanili e rispettano determinati limiti dimensionali.

5 - RACCOLTA DIFFERENZIATA

Si rinnova il beneficio per i prodotti riciclati
Per garantire la copertura di tutte le domande giunte, viene rifinanziato con 10 milioni di euro per il 2023 il tax credit del 36% per le imprese che acquistano prodotti riciclati provenienti dalla raccolta differenziata degli imballaggi in plastica o acquistano imballaggi biodegradabili e compostabili o derivati dalla raccolta differenziata della carta e dell’alluminio.

Viene inoltre riconosciuto per il 2023 e 2024 un tax credit del 36%, fino a 20mila euro, per l’acquisto degli stessi prodotti (derivati anche dalla raccolta differenziata del vetro).

6 - QUOTAZIONE DELLE PMI

L’importo massimo torna a 500mila euro
Il disegno di legge di Bilancio prolunga di 12 mesi, fino al 31 dicembre 2023, il periodo entro cui le Pmi (come definite dalla raccomandazione 2003/361/Ce della Commissione Ue) possono sostenere i costi di consulenza finalizzati alla quotazione in un mercato regolamentato o in sistemi multilaterali di negoziazione di uno Stato Ue o See.

Su tali costi spetta un credito d’imposta del 50% eil Ddl di Bilancio ne riporta il valore massimo a 500mila euro (era stato ridotto a 200mila dalla manovra 2022).

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti