legge di bilancio

Manovra, ambiente ed energia: dal Green new deal alla plastic tax

Dal piano green alla plastic tax, al bonus facciate. Arriva il preavviso di 40 giorni per le contestazioni del mancato pagamento di bollette

di Nicoletta Cottone

La manovra non cambia più: ecco tutte le novità

Dal piano green alla plastic tax, al bonus facciate. Arriva il preavviso di 40 giorni per le contestazioni del mancato pagamento di bollette


5' di lettura

Nella manovra sono contenute misure per ambiente ed energia. Dal piano di investimenti pubblici per sviluppare il Green new deal alla plastic tax, passando per la rigenerazione urbana, il recupero edilizio con il bonus facciate. Ecco tutte le novità contenute nella legge di bilancio per il 2020.

Bonus facciate
Varato il Bonusa facciate: prevede la detraibilità dall’Irpef del 90% delle spese documentate, sostenute nel 2020, relative agli interventi, per il recupero o il restauro della facciata esterna degli edifici esistenti ubicati in zona A o B (Dm lavori pubblici 2 aprile 1968, n. 1444). La detrazione include quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna dell’edificio.

Centro studi sui cambiamenti climatici
Nell’ambito del Green new deal, nasce, con sede a Venezia, il Centro di studio e ricerca internazionale sui cambiamenti climatici, con l’obiettivo di assicurare la piena adesione dell’Italia nel contrasto ai cambiamenti climatici e nel favorire lo sviluppo sostenibile.

Elettrodotti della Rete di trasmissione nazionale
In manovra anche misure che prevedono contributi ai comuni per investimenti destinati a opere pubbliche in materia di efficientamento energetico e di sviluppo territoriale sostenibile. Previsti lavori di riqualificazione e razionalizzazione degli elettrodotti della Rete di trasmissione nazionale, come il progetto di variante delle linee Cislago-Dalmine e Bovisio Cislago, nei comuni di Barlassina, Cesano Maderno e Seveso, per la cui realizzazione è autorizzata la spesa di 3,7 milioni di euro per il 2022.

Efficienza emergetica
Prorogate per l’anno 2020 le detrazioni per le spese sostenute per interventi di efficienza energetica, di ristrutturazione edilizia e per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici.

Green mobility
Nell’ambito del Green new deal arrivano misure di green mobility: il rinnovo delle dotazioni degli autoveicoli delle pubbliche amministrazioni dovrà avvenire per almeno la metà tramite acquisto o noleggio di veicoli ad energia elettrica o ibrida,o alimentati ad idrogeno.

Green new deal
Piano di investimenti pubblici per lo sviluppo di un Green new deal tutto italiano. Si parte dall’istituzione di un Fondo con una dotazione complessiva di 4,24 miliardi di euro per gli anni 2020-2023. Di questa somma una quota non inferiore a 150 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2020 al 2022 sarà destinata a interventi per la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra. Sarà utilizzato anche il Fri, il Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti in ricerca, istituito presso Cassa depositi e prestiti.

Estesa, inoltre, l’operatività di misure agevolative già previste a legislazione vigente per realizzare progetti economicamente sostenibili, in linea con la decarbonizzazione dell’economia, l’economia circolare, il supporto all’imprenditoria giovanile e femminile, la riduzione dell’uso della plastica e la sua sostituzione con materiali alternativi, la rigenerazione urbana, il turismo sostenibile, l’adattamento e la mitigazione dei rischi sul territorio derivanti dal cambiamento climatico e, in generale, programmi di investimento o progetti a carattere innovativo e a elevata sostenibilità ambientale, che tengano conto degli impatti sociali. Partecipazione dell’Italia alla ricostituzione del “Green climate Fund” (legge 204/2016), autorizzando una spesa di 33 milioni di euro l’anno dal 2020 al 2023 e di 66 milioni di euro l’anno dal 2024 al 2028.

Fatture di mancato pagamento: adeguato preavviso
La legge di bilancio per il 2020 prevede, inoltre, disposizioni per i gestori di servizi di pubblica utilità e gli operatori di telefonia, di reti televisive e di comunicazioni elettroniche: hanno l’obbligo di trasmettere agli utenti le comunicazioni con cui si contestano, in modo chiaro e dettagliato, gli eventuali mancati pagamenti di fatture e si comunica la sospensione delle forniture in caso di mancata regolarizzazione, con adeguato preavviso, non inferiore a 40 giorni, tramite raccomandata con avviso di ricevimento.

Fonti rinnovabili e scambio di energia
Sul fronte dello sviluppo delle fonti rinnovabili, una norma consente agli enti pubblici – strumentali e non – delle regioni che si occupano di edilizia residenziale pubblica convenzionata, agevolata e sovvenzionata di usufruire, a particolari condizioni, del meccanismo dello scambio sul posto dell’energia elettrica prodotta dagli impianti di cui sono proprietari, senza alcun limite di potenza, a copertura dei consumi di utenze proprie degli enti strumentali e delle utenze degli inquilini dell'edilizia residenziale pubblica, fermo il pagamento, nella misura massima del 30% dell’intero importo, degli oneri generali del sistema elettrico. L'intervento mira anche a fornire un sostegno alle fasce sociali più disagiate. In manovra anche una disciplina incentivante per gli esercenti impianti di produzione di energia elettrica esistenti alimentati a biogas realizzati da imprenditori agricoli singoli o associati, anche in forma consortile che non godano di altri incentivi pubblici sulla produzione di energia.

Plastic tax
La manovra istituisce un’imposta - 45 centesimi al chilogrammo- sul consumo di manufatti in plastica con singolo impiego che hanno o sono destinati ad avere funzione di contenimento, protezione, manipolazione o consegna di merci o di prodotti alimentari, ad esclusione dei manufatti compostabili, dei dispositivi medici e dei Macsi adibiti a contenere e proteggere medicinali. La norma riconosce un credito di imposta alle imprese attive nel settore delle materie plastiche, produttrici di Macsi destinati ad avere funzione di contenimento, protezione, manipolazione o consegna di merci o di prodotti alimentari nella misura del 10% delle spese sostenute, dal 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2020, per l’adeguamento tecnologico finalizzato alla produzione di manufatti compostabili.

Bonus verde anche nel 2020 per sistemare giardini e terrazzi

Rigenerazione urbana
Per le politiche per il territorio arrivano fondi per complessivi 9,1 miliardi di euro, dal 2021 al 2034. Un Dpcm da emanare entro il 31 gennaio 2020, assegnerà i contributi ai comuni per investimenti in progetti di rigenerazione urbana- Obiettivo ridurre i fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale, migliorare la qualità del decoro urbano e del tessuto sociale e ambientale.

Royalties idrocarburi
Ridisegnato il meccanismo delle esenzioni dal pagamento delle royalties per i concessionari di coltivazione di idrocarburi. Le esenzioni si applicano, dal 1° gennaio 2020, solo ai concessionari di coltivazione con una produzione annua inferiore o pari a 10 milioni di Smc di gas in terraferma e con una produzione inferiore o pari a 30 milioni di Smc di gas in mare. Per le concessioni di coltivazione superiori a queste soglie, nel triennio 2020-2022, previsto il versamento per l’intero all’entrata del bilancio dello Stato del valore dell’aliquota di prodotto corrispondente ai primi 25 milioni di Smc di gas e alle prime 20.000 tonnellate di olio prodotti annualmente in terraferma e ai primi 80milioni di Smc di gas e 50.000 tonnellate di olio prodotti annualmente in mare.

Sconto in fattura
Il meccanismo dello sconto in fattura viene circoscritto ai soli interventi di ristrutturazione energetica di primo livello per le parti comuni degli edifici condominiali con un importo dei lavori pari o superiore a 200mila euro.

Smart city: programma per la qualità dell’abitare
Per affrontare le esigenze abitative è prevista l’adozione di un Programma innovativo nazionale per la qualità dell'abitare, con l’obiettivo di ridurre il disagio abitativo soprattutto nelle periferie, in un’ottica di sostenibilità e densificazione e senza consumo di nuovo suolo. Gli interventi devono seguire il modello urbano della città intelligente, inclusiva e sostenibile, con l’istituzione di un fondo ad hoc nello stato di previsione del ministero delle Infrastrutture. Dotazione complessiva: 853,81 milioni euro per gli anni 2020-2033.

Per approfondire
La manovra lascia in eredità un'ipoteca da 47 miliardi
Imprese, tasse, famiglia: la manovra spiegata in 12 schede
Casa, bonus facciate: fuori dallo sconto gronde, cavi e pluviali

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti