ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIn Parlamento

Manovra e decreti, per la maggioranza a dicembre corsa contro il tempo

Tutto ruota naturalmente intorno alla legge di Bilancio, da approvare entro il 31 dicembre per evitare l’esercizio provvisorio, ma che sarà in Aula alla Camera solo a partire dal 20

Flat tax degli autonomi: dubbi sull’equità della misura

2' di lettura

Dicembre di fuoco per la maggioranza di governo, con una serie di provvedimenti da approvare in tempi ristretti, più di quanto accade di solito a fine anno, complice in questo caso un inedito avvio di legislatura avvenuto in autunno. Tutto ruota naturalmente intorno alla legge di Bilancio, da approvare entro il 31 dicembre per evitare l’esercizio provvisorio, ma che sarà in Aula alla Camera solo a partire dal 20. Una volta approvata, si presume entro Natale, passerà al Senato, che avrà margini ristretti per chiuderla prima del 29 dicembre, per consentire quindi un’eventuale terza lettura a Montecitorio in caso di modifiche.

I decreti da convertire, dall’aiuti quater alle armi all’Ucraina

Ma in questi primi 40 giorni di attività il Governo ha varato una serie di decreti legge, come quello che impone una stretta sui rave party e il Dl aiuti quater, che dovranno essere convertiti tra la fine di quest’anno e l’inizio del prossimo. Ai quali si aggiungono il decreto per l’invio di armi in Ucraina, che il Consiglio dei ministri ha approvato giovedì 1 dicembre, insieme a quello per far fronte all’alluvione di Ischia. Nel frattempo da oggi è all’’ordine del giorno dell’Aula della Camera la conversione in legge del testo che dispone il riordino delle competenze di alcuni ministeri, in scadenza il 10 gennaio 2023 e calendarizzato in Senato nella settimana prima di Natale. Nelle stesse giornate è programmato l’esame del Dl Aiuti quater, in scadenza il 17 gennaio e quindi a Montecitorio probabilmente soltanto nei primi giorni del 2023.

Loading...

Al Senato dal 12 dicembre il decreto anti-rave

Sempre a Palazzo Madama, dove la prossima settimana verrà dedicata ai lavori in commissione, l’Assemblea esaminerà dal 12 dicembre il cosiddetto decreto anti-rave, da approvare entro il 30 dicembre. Un’altra corsa contro il tempo, visto che l’Aula di Montecitorio dovrà concluderne quindi l’esame dopo Natale e prima di San Silvestro. Più in discesa la strada per il decreto legge sul personale Nato e sul servizio sanitario in Calabria, da approvare entro il 7 gennaio, già licenziato dal Senato e in Aula alla Camera da lunedì 12 dicembre.

L’insediamento di Copasir e Vigilanza Rai

Rinviata la seduta comune del Parlamento per l’elezione dei componenti laici del Csm, non mancheranno comunque altri appuntamenti di rilievo, come l’insediamento del Copasir e della commissione di Vigilanza Rai, con l’elezione dei rispettivi presidenti, e le comunicazioni, il 13 dicembre, del presidente del Consiglio Giorgia Meloni, in vista del Consiglio europeo del 15 e 16.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti