il testo entro venerdì

Manovra, intesa al vertice di maggioranza: cedolare secca "sociale" rimane al 10%

Fonti del Governo confermano lo stanziamento di ulteriori 140 milioni di euro nel 2020 per Industria 4.0 e il mantenimento della tassa sulla plastica e della sugar tax. Il 30 novembre nuovo vertice «per chiudere»sulle questioni aperte. In mattinata un'altra riunione a Palazzo Chigi ha confermato la linea del Governo Conte sulle riforme costituzionali concordate il 7 ottobre, alla vigilia del voto sul taglio dei parlamentari

di Vittorio Nuti


Evasori, Pos e superbonus: la Manovra parte da luglio

5' di lettura

Giornata di vertici politici per la maggioranza, all'indomani della dura sconfitta registrata alle Regionali in Umbria. Il più atteso, dedicato alla legge di Bilancio 2020 e al Dl fiscale collegato si è svolto per due ore a Palazzo Chigi. La cedolare secca "sociale" sugli affitti a canone concordato (destinata a salire al 15% a legislazione vigente) resterà al 10%, in modo permanente, ha annunciato la capogruppo LeU al Senato, Loredana De Petris, lasciando la riunione: stop dunque sull'innalzamento dell'aliquota al 12,5% previsto inizialmente. «L'impianto della manovra resta quello che si conosce: l'accordo c'è. Andiamo avanti con più coesione», ha aggiunto De Petris, dando per certa la diffusione del testo del Ddl di bilancio entro venerdì 1 novembre.

Interessati oltre 251mila contratti di locazione
Il confronto sulla manovra soddisfa anche il leader del Pd Nicola Zingaretti: «Notizie positive per il cambiamento di cui il Paese ha bisogno». E di ottime notizie parla anche il presidente di Confedilizia Giorgio Spaziani Testa, che si augura di trovare nella legge di bilancio «anche la conferma della cedolare del 21% sull'affitto dei negozi, varata con l'ultima manovra allo scopo di attenuare il gravissimo fenomeno dei locali commerciali sfitti». Secondo i dati del Rapporto immobiliare 2019 (Abi-Agenzia entrate) nel 2018 le abitazioni locate con nuovi contratti a canone concordato interessati alla cedolare secca al 10%, sono stati oltre 251mila (locazione abitativa e per studenti universitari). Confedilizia stima che nel complesso i contratti con canone concordato attualmente in vigore siano da 800mila a un milione.

Per la rinascita urbana arrivano 853 milioni
Rifinanziamento del fondo di garanzia per la prima casa e uno stanziamento nuovo, da 853 milioni fino al 2033 per la «rinascita urbana». C’è anche questo nella bozza della manovra. Il nuovo fondo pluriennale sarà assegnato a progetti, selezionati da una Alta commissione ad hoc, di Regioni, Città metropolitane, province, città di Aosta e i Comuni sopra i 60mila abitanti per riqualificare e aumentare l'edilizia popolare.

Stop al superticket
Via il superticket a partire dal 1 luglio 2020. Lo prevede sempre la bozza della manovra che aumenta di conseguenza il finanziamento del servizio sanitario nazionale di 185 milioni per il prossimo anno, e di 554 milioni a regime. Da luglio è abolita non solo la quota di partecipazione al costo delle prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale a carico dei pazienti ma anche le eventuali misure alternative adottate dalle Regioni per evitare il balzello aggiuntivo sul ticket.

Tre miliardi per il cuneo nel 2020
Sono 3 i miliardi che vengono stanziati in manovra nel 2020 per il taglio del cuneo fiscale. La cifra sale a 5 miliardi nel 2021. Le risorse del fondo, che serviranno alla «riduzione del carico fiscale sui lavoratori dipendenti»
potranno essere «eventualmente incrementate nel rispetto dei
saldi di finanza pubblica nell'ambito», si legga nella bozza della manovra.

Bonus facciate, detrazione al 90%
Vengono prorogati per il 2020 il bonus per i lavori di ristrutturazione ed efficientamento energetico e il bonus mobili. Nel 2020 arriva il bonus facciate con detrazione al 90 per cento.

Confermate la sugar e la plastic tax
Facendo un bilancio del vertice, fonti del Governo confermano anche il mantenimento della tassa sulla plastica e la sugar tax, e annunciano una nuova riunione «per chiudere»sulle questioni aperte il 30 novembre. P er il 2020 la manovra stanzierà 140 milioni di euro in più per finanziare Industria 4.0: in tre anni saranno 420 i milioni in più. Altri 600 milioni di euro aggiuntivi andranno a finanziare le misure per la famiglia nel 2020. Il bonus bebè vale anche per i nuovi nati del 2020 ma la sua struttura diventa universale, con tre scaglioni: 160 euro al mese per il primo anno di vita (o di adozione) fino a 7mila euro di Isee, 120 euro al mese fino a 40mila euro di Isee e 80 euro al mese per chi supera questa soglia. Il congedo per i papà sale a 7 giorni.

Tre miiardi a incentivi per chi paga con carte
Arrivano 3 miliardi per incentivare chi paga con carte e bancomat. Per i dettagli bisognerà aspettare, perché sarò un decreto del ministero dell'Economia da emanare entro aprile 2020, sentito il Garante della Privacy, a stabilire come e quando distribuire i “rimborsi in denaro”. Tra i criteri per i premi anche “il volume” e “la frequenza” degli acquisti tracciabili. Il decreto del Mef dirà anche quali sono “gli strumenti di pagamento elettronici e le attività rilevanti ai fini dell'attribuzione del premio”.

Passo indietro invece sull'ipotesi di introdurre una tassa sulle sigarette elettroniche, prevista da una bozza del Dl fiscale poi rinviata al Ddl bilancio. Diverso il discorso sui tabacchi "tradizionali", per i quali è in arrivo un inasprimento della tassazione, ma inferiore alle attese, che dovrebbe garantire un gettito di 88 milioni di euro.

Castelli: in manovra accorpamento Imu-Tasi
«Siamo a lavoro per individuare i 100 milioni di euro necessari per confermare il regime agevolato per le partite Iva fino a 65mila euro, eliminando tutti i vincoli», garantisce il viceministro dell'Economia Laura Castelli (M5S), che annuncia anche il passaggio nella manovra del "pacchetto Enti locali". Si tratta di una serie di misure a favore delle Amministrazioni territoriali, tra cui quelle relative alla riscossione; ci sono poi i 110 milioni di euro di ristoro per l'Imu e l'accorpamento dell'Imu-Tasi nella cosiddetta local tax.

Il vertice, presieduto dal premier Giuseppe Conte, vedeva attorno al tavolo il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri, quello degli Esteri Luigi Di Maio, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro e il viceministro all'Economia Laura Castelli. Per il Pd erano presenti Dario Franceschini e il viceministro al Mef Antonio Misiani. Per Leu Roberto Speranza e De Petris, mentre Italia Viva era rappresentata da Teresa Bellanova e dal vicecapogruppo Luigi Marattin.

Confermata la linea sulle 4 riforme costituzionali
In mattinata, un'altra riunione a Montecitorio ha permesso un confronto sulle riforme costituzionali e della legge elettorale, presenti il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico d'Incà (M5S), i capigruppo parlamentari di Pd, M5s, Leu e Iv e i capigruppo dei quattro partiti in commissione Affari costituzionali. Il vertice ha confermato la linea della maggioranza, che intende portare avanti le 4 riforme costituzionali concordate il 7 ottobre, alla vigilia del voto sul taglio dei parlamentari, considerate la premessa necessaria per la modifica della legge elettorale. Le riforme in pista riguardano l'omogeneizzazione dell'elettorato attivo e passivo di Senato e Camera (18 e 25 anni), l'omogeneizzazione della base elettorale del Senato (regionale) a quella della Camera (circoscrizionale) e la riduzione (da tre a due) dei delegati regionali che partecipano all'elezione del presidente della Repubblica.

Bonus alle scuole che si abbonano a quotidiani
Tra le curiosità spunta un bonus per le scuole che faranno abbonamenti a quotidiani e periodici, anche online. Lo sconto vale per tutti gli istituti scolastici, dalle elementari ai licei: chi farà domanda al dipartimento per l’editoria della presidenza del Consiglio, riceverà «un contributo fino all'80 per cento della spesa». Ogni anno sarà fatto un bando ad hoc per l'assegnazione del bonus, per il quale viene fissato comunque un tetto massimo di 20 milioni, a valere sul fondo per il pluralismo e l'innovazione.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...