ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùla partita sui correttivi

Manovra, restyling da almeno 3 miliardi

I soli ritocchi presentati dal Governo e dai relatori approvati in Commissione al Senato pesano per 2,6-2,8 miliardi di euro

di Marco Mobili e Marco Rogari

default onloading pic
(12963)

I soli ritocchi presentati dal Governo e dai relatori approvati in Commissione al Senato pesano per 2,6-2,8 miliardi di euro


3' di lettura

Un restyling della manovra da non meno di 3 miliardi per il 2020. È quello operato dal Senato nel corso della lunga e lenta navigazione del provvedimento in commissione Bilancio, culminata nella maratona notturna di 14 ore nella notte tra mercoledì e giovedì. Solo il conto dei principali ritocchi e sub-emendamenti di governo e relatori (plastic, sugar e Robin tax in primis insieme alle auto aziendali) si aggirerebbe attorno ai 2,6-2,8 miliardi. Vanno poi aggiunti gli altri correttivi dell’esecutivo e degli stessi relatori e gli emendamenti parlamentari approvati. Ed è su questo mare magnum di macro e micro modifiche che la Ragioneria generale ha posato la sua lente e anche ha continuato il suo lavoro per verificare la solidità delle coperture e “ottimizzare” il maxi-emendamento finale. Che sarà votato con la “fiducia” dall’Assemblea di Palazzo Madama.

A creare i problemi maggiori sarebbero la formulazione di una parte dell’emendamento sui prepensionamenti di giornalisti e poligrafici, le modifiche sul coinvolgimento dei nuovi medici per le verifiche Inps sulle invalidità e alcuni micro-ritocchi, che da soli valgono in tutto circa 50 milioni.

Ma al vaglio dei tecnici e degli esperti di Palazzo Chigi e del Senato sono anche i correttivi di natura esclusivamente “ordinamentale”, e quindi non compatibili con la sessione di bilancio, che, in alcuni casi, potrebbero anche essere “esclusi” dalla stessa presidenza di Palazzo Madama dalla versione finale del maxi-emendamento. Tra le modifiche su cui aleggia lo spettro dello stralcio c’è la Tobin tax sul trading. A rischio anche quella sulla cannabis light (ma pare non più di tanto) e sullo stop alle indennità dei dirigenti pubblici nei casi di mancata trasparenza.

L’opposizione si prepara a un duro attacco già durante le dichiarazioni di voto a Palazzo Madama. Ma è soprattutto nel passaggio alla Camera che la protesta è destinata a salire. Anche perché, visti i tempi ormai strettissimi per scongiurare il rischio di esercizio provvisorio, il testo arriverà a Montecitorio praticamente blindato. Ed è soprattutto sul nodo tempi che il Quirinale ha fatto filtrare le sue preoccupazioni.

Un testo con cui tornano, dal 2020, gli sconti fiscali sulle tasse dovute per i prodotti sulle trivelli ma limitatamente a quelli più piccoli. Uno dei ritocchi approvati reintroduce una sorta di franchigia ma unicamente sulle concessioni di coltivazione con una produzione annua inferiore o pari a 10 milioni di Smc di gas in terraferma e con una produzione inferiore o pari a 30 milioni di Smc gas in mare.

Ma la partita sul restyling potrebbe ancora non essere del tutto chiusa. Gli effetti più evidenti delle modifiche approvate ricadono sul 2020 e riguardano anzitutto le “micro-tasse”, sulle quali si è aperta nelle scorse settimane un’aspra discussione dentro e fuori la maggioranza. Il prossimo anno il gettito della plastic tax, dalla quale nella prima versione del Ddl di bilancio era atteso un miliardo e 79 milioni, scenderà di circa 900 milioni per effetto del posticipo a luglio e della riduzione del prelievo. Con lo slittamento a ottobre anche la sugar tax nel 2020 garantirà 58,5 milioni invece dei 233,8 previsti al momento del varo della manovra. Di fatto azzerata la stretta sulle auto aziendali: nel 202o arriverà un milione anziché 332,6 milioni.

Variazioni di gettito sono arrivate in corsa con le revisioni degli stessi correttivi alla manovra chiamati a compensare l’alleggerimento delle “micro-tasse”, come nel caso della Robin tax sui concessionari pubblici, con il prelievo ritoccato e il bacino ristretto al settore dei trasporti. Tra le altre “fonti” compensative, la stretta sui giochi, l’operazione da 460 milioni sui trasferimenti a Rete ferroviaria italiana per utilizzare altri 400 milioni di risparmi 2019 da Reddito di cittadinanza e Quota 100. E ancora: l’ulteriore aggiornamento per 841 milioni delle maggiori entrate fiscali attese nel 2020 e il taglio di diversi Fondi, in primis quello per le esigenze indifferibili (-295 milioni) e il Fispe (-213 milioni). Il viceministro all’Economia Laura Castelli, da parte sua, cerca di evidenziare anche la bontà di alcuni interventi: «Ammontano a 1 miliardo 356 milioni le risorse stanziate in legge di Bilancio».

Per appronfondire:
Dalla plastic tax alle bollette, tutte le norme della Manovra 2020

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Marco Rogarivicecaporedattore

    Luogo: Roma

    Lingue parlate: italiano, francese

    Argomenti: conti pubblici, previdenza, politiche del welfare, pubblica amministrazione, attività parlamentare

  • Marco MobiliVice caporedattore

    Luogo: Roma

    Lingue parlate: inglese

    Argomenti: Politica economica, fisco, guardia di finanza, agenzie entrate, attività parlamentare

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti