milano

Mapping: successo del gran tour nell’asta di Christie’s

L’incanto online di arte moderna e contemporanea ha sfiorato la stima massima a 1,3 milioni di euro. Molto bene Boetti, vendute tutte le opere di arte italiana

di Marilena Pirrelli

default onloading pic
Le parole che uccidono, Alighiero Boetti, eseguito nel 1975 c., (stima 80.000 – 100.000 euro) aggiudicato per 112.500 euro

3' di lettura

L'asta online Mapping Modern and Contemporary Art di Christie's aperta dal 20 gennaio al 10 febbraio ha realizzato un totale di 1.322.375 euro sulla stima iniziale tra 998.000-1.400.000 con 71 lotti offerti. Eccellenti i tassi di vendita: il 100% per valore e l'85% per lotto. Ha guidato l’incanto la «Bomba» di Pino Pascali, eseguita nel 1964-65 offerta con una stima di 6.000-8.000 euro è stata venduta per 125.000 euro, 18 volte la sua stima media pre-asta e stabilendo un nuovo record per un lavoro di Pascali. Hanno ricevuto buoni incrementi anche le cinque opere di Alighiero Boetti, tra i pochi artisti saliti durante la pandemia: «Le parole che uccidono» (in foto), eseguito nel 1975 c., dalla stima tra 80.000 – 100.000 euro è stato aggiudicato per 112.500 euro, e il libro d’artista ricamato sulla copertina, «Classifying the thousand longest rivers in the world», di cui ci sono 150 esemplari, ha raggiunto i 75.000 euro dalla stima tra 20-30.000 euro, il precedente era stato quotato intorno ai 30mila euro. Buono il risultato per l’opera di Giuseppe Santomaso «Bianchi e gialli», passata di mano a 93.750 dalla stima tra 50-70.000 euro e anche di Carla Accardi un bel «Rossoverde» del 1966 ha raggiunto i 43.750 euro dalla stima tra 25-35.000. Tra gli artisti internazionali si sono distinte l’opera «Dragelse» di Asger Jorn (1914-1973) salita a 56.250 euro, raddoppiando la sua stima media pre-asta (20-30.000 euro), la serigrafia di Banksy «Toxic Mary» quotata 35.000 dalla stima tra 20.000 - 30.000 e una carta di Tom Wesselman, «Study for sunset nude (squared off)» venduta a 16.250 dal range previsto tra 7.000 - 10.000 euro.

«Bomba», Pino Pascali, eseguita nel 1964-65 (stima 6.000-8.000 euro) aggiudicata per 125.000 euro

L’Italia dell’arte

L’asta ha presentato per la prima volta una selezione curata di opere di artisti che hanno vissuto e lavorato in Italia, o che fanno riferimento ai luoghi più famosi del paese. L'incanto ha voluto rappresentare un tour virtuale di tutte le regioni italiane attraverso le opere del dopoguerra e impressioniste, accanto a stampe e fotografie del XX secolo. Questo primo progetto milanese sul web ha dimostrato l'appeal internazionale del nuovo formato di vendita. L'appuntamento di mercato - a giudizio della casa d’asta - ha guadagnato sinergia grazie all'accostamento di artisti italiani e internazionali, circa il 20%, ed è stato accolto con successo da 327 iscritti provenienti da 20 paesi diversi, il 25% dei quali erano nuovi per Christie's. «Abbiamo avuto più tempo per confrontarci con i potenziali compratori per consigli e immagini - spiega Mariolina Bassetti, presidente Christie’s Italia e presidente della Divisione postwar e contemporary Europa continentale –, abbiamo registrato l’ingresso del 25% di nuovi compratori e la partecipazione di importantissimi buyer internazionali. Le aste italiane sono seguite moltissimo anche perché il collezionista ora ha più tempo, guarda tutte le aste e quando c’è qualità comprare online o live è uguale. Del resto chi ha desiderato vedere le opere ha potuto farlo recandosi su appuntamento nella sede di Milano» afferma l’esperta. «La chiave in questa globalizzazione è che l’arte italiana è stata venduta al 100% e l’integrazione con l’ arte francese e americana è stata fortissima. L’idea dell’asta tematica sul gran tour italiano ha avuto un enorme successo e una grande copertura stampa. E poi ho finalmente capito il successo delle aste televisive: chi compra, spesso dalla provincia, è protetto dall’anonimato, stessa scelta evidentemente anche nelle aste online. Infine ho scoperto l’effetto notte: al mattino trovavo un fiorire di offerte, la gente forse perché insonne o perché è più tranquilla in quelle ore compra arte!» conclude la signora delle aste italiane. I prossimi incanti online di Christie's Milano si terranno tra il 22 aprile e il 6 maggio 2021, appuntamento con l’arte contemporanea di artisti italiani e internazionali.

Loading...
Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti