LE ULTIME CONSIDERAZIONI DI VISCO

Mario Draghi alla Relazione annuale di Bankitalia

di Laura Di Pillo


default onloading pic
(EPA)

1' di lettura

Una presenza a sorpresa quella del Presidente della Bce Mario Draghi che è arrivato a palazzo Koch per ascoltare questa mattina le Considerazioni finali, le ultime del primo mandato di Ignazio Visco in scadenza ad ottobre. Draghi, già governatore della Banca d'Italia dal 2006 all'ottobre 2011 è giunto in via Nazionale dove il Governatore Visco ha presentato le Considerazioni finali in occasione della diffusione della Relazione annuale sul 2016.

Un appuntamento importante per il mondo della politica, dell'economia e della finanza. Quella di Draghi è una presenza istituzionale pesante a rimarcare la delicatezza del momento per il nostro Paese. E se il quadro per la zona euro sta migliorando, l'Italia continua a zoppicare. La ripresa c'è, ha detto qualche giorno fa il presidente della Bce, ma serve più crescita ed è presto per chiudere il rubinetto del Quantitative easing (l'acquisto di bond pubblici e privati da 60 miliardi di euro al mese attivato dalla Bce).

Il sostegno straordinario della Banca centrale quindi continuerà ma gli Stati soprattutto quelli ad alto debito e bassa crescita devono fare di tutto per rafforzare la ripresa. Messaggio diretto all'Italia, alla politica, con elezioni ormai sempre più probabili in autunno. Ma la presenza di Draghi sottolinea anche il lavoro fatto da Ignazio Visco e Salvatore Rossi in questi anni alla guida della Banca d'Italia. Non è mistero infatti la possibile riconferma dei vertici di via Nazionale (in scadenza il prossimo ottobre) da parte di Padoan, Gentiloni e del Capo dello Stato Sergio Mattarella.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...