Emeergenza covid-19

Mascherine: accordo tra Bls e Regione Lombardia

Aumentano i volumi grazie a tre linee di produzione sempre attive

di Enrico Netti


default onloading pic
(AFP)

1' di lettura

Tre linee di produzione sempre attive per fornire alla Regione Lombardia le mascherine Ffp2 e Ffp 3 impiegate nella lotta al Covid-19. È il frutto dell’accordo tra l’azienda regionale per l’Innovazione e gli acquisti della Regione (Aria) e la Bls di Cormano nell’hinterland milanese dove c’è lo stabilimento del gruppo lombardo leader nella produzione di dispositivi di protezione. Verrà anche creata una filiera integrata sul territorio per aumentare la produzione.

L’azienda ha avviato un piano di produzione H24 per i prossimi mesi, passando da 2 a 3 turni lavorativi e assumendo oltre 30 nuovi addetti. «L’aumento esponenziale di ordini e richieste ha reso la situazione estremamente mutevole: quotidianamente dobbiamo ripianificare la produzione e l’approvvigionamento delle materie prime anche in base alle urgenze stabilite dal Governo - spiega Pier Paolo Zani, amministratore delegato di Bls -. Solo nelle ultime settimane l’azienda ha ricevuto ordini per diversi milioni di pezzi. Per questo abbiamo fatto una scelta responsabile di aumentare il più possibile la produzione, ridisegnando le linee e i processi per dare priorità alla fornitura di ospedali, istituzioni, forze dell’ordine e numerosi clienti del settore industriale, affinché anche le aziende italiane possano continuare il loro lavoro».

L’azienda inoltre prende le distanze dalle speculazioni e i rincari ingiustificati delle mascherine registrati nelle ultime settimane, sottolineando che il prezzo ai propri canali di vendita è rimasto invariato rispetto a quello pre pandemia.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...