Le ipotesi

Mascherine all’aperto, ecco quando si potranno togliere. Il Cts valuta

Determinante sarà raggiungere una quota di vaccinati di almeno metà della popolazione. Il sottosegretario Costa: via ad agosto

di Nicola Barone

Covid, Draghi: "Continuate a usare la mascherina"

I punti chiave

  • Vaia: con 50% di vaccinati possibili meno protezioni
  • Si procederà progressivamente
  • Costa: ad agosto via le mascherine all’aperto
  • Locatelli: con dati positivi si aprirà riflessione

3' di lettura

Via la mascherina? «Ancora no, un paio di mesi...». Mario Draghi ha risposto con una battuta ai fotografi sul finale del Global Health Summit salutando la stampa. Se nella curva di progressivo ridimensionamento dei contagi tutto procederà come ci si aspetta, l’Italia nel suo insieme si avvia entro breve verso la zona bianca. Sinora il progressivo ritorno alla normalità non ha toccato l’obbligo delle protezioni sul viso che le autorità sanitarie continuano a ritenere necessario per il controllo della diffusione del virus. Nondimeno sono in corso ragionamenti dentro il Comitato tecnico-scientifico sul momento nel quale sarà possibile salutare, numeri alla mano, i dispositivi di protezione. Per una decisione che contempla al momento più scenari decisivo risulterà raggiungere una quota di vaccinati tale da porre il Paese al riparo da nuove fiammate del coronavirus.

Vaia: con 50% di vaccinati possibili meno protezioni

«I Cdc americani dicono già da tempo che tra vaccinati si potrebbe eliminare la mascherina. Accanto a questo ci sono elementi empirici certi, come ad esempio quello che è accaduto in Israele dove ci sono stati studi su eventi all’aperto senza mascherina, nei quali sono stati riscontrati pochi contagi» dice Francesco Vaia, direttore dell’Inmi “Spallanzani” di Roma. «Ma questo perché hanno raggiunto il 60% della prima dose a tutta la popolazione e il 40% per la seconda dose. Al di sopra di una certa soglia, che ragionevolmente è quella del 50% di vaccinati, potremmo allargare le misure e anche togliere la mascherina. Ma serve comunque buon senso». Dal punto di vista epidemiologico conta la dinamica dei dati positivi. «Allo Spallanzani avevamo a ottobre 260 pazienti Covid in ricovero ordinario e 70 in terapia intensiva, ieri erano rispettivamente 100 e 20: questi sono dati estremamente confortanti che ci danno la misura del momento che viviamo e che siamo sulla strada giusta».

Loading...

Si procederà progressivamente

Anche il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri concorda sull’elemento chiave della percentuale di immunizzati. «Non può essere fornita una data, semmai un numero, quando sarà raggiunto il 50% della popolazione vaccinata con almeno una dose si potrà fare come stanno facendo negli Usa». A detta di Sileri si procederà progressivamente. «Rimarrà l’obbligo al chiuso, ma in un luogo in cui sono presenti tutte persone vaccinate la mascherina potrà essere tolta». Con una subordinata però importante da considerare, per quanto solo teorica. «Perché, se arrivasse una variante più cattiva, poi dovremmo fare un passo indietro, ma ormai è acclarato che il rischio di contagio è di gran lunga inferiore all’aperto».

Costa: ad agosto via le mascherine all’aperto

Fa una considerazione «molto pragmatica» il sottosegretario alla Salute Andrea Costa che porta a ritenere possibile in agosto un addio alle mascherine all’aperto. «Il nostro piano vaccinale è arrivato oggi a circa 30 milioni di dosi di vaccino» anti-Covid somministrate. Proseguendo con questo ritmo, ad agosto avremo oltre 70 milioni di dosi» inoculate «e oltre 20 milioni di italiani saranno vaccinati». Dunque, dice Costa, è «ragionevole dare delle prospettive ai cittadini. D’altronde, se continuiamo a sostenere giustamente che il vaccino è l’unica via d’uscita per questa pandemia, con coraggio e chiarezza dobbiamo anche intravedere un periodo in cui all’aperto possiamo iniziare a pensare di togliere le mascherine. E io credo che ad agosto, con le dosi somministrate, si potrebbe fare questa valutazione».

Locatelli: con dati positivi si aprirà riflessione

«Se i numeri continueranno ad andare nella direzione che hanno preso si potrà aprire una riflessione». È la conferma che arriva dal presidente del Consiglio superiore di sanità e coordinatore del Comitato tecnico-scientifico Franco Locatelli. Sull’orizzonte temporale del mese di agosto una anticipazione non c’è dal momento che bisognerà in ogni caso seguire «la stessa prudenza che contraddistingue le parole del presidente del Consiglio», nel segno cioè della gradualità delle decisioni. Quanto invece all’uso delle mascherine al chiuso da parte di persone già vaccinate, per Locatelli «se si ha a che fare con persone che hanno completato il ciclo di vaccinazione e non presentano particolari fragilità» il superamento dell’obbligo della mascherina «è qualcosa che può essere considerato». La priorità, per ora, è tenere sotto controllo la diffusione del coronavirus.

Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e la campagna di vaccinazioni sono mostrati in tre mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia. In quelle dei vaccini l’andamento in tempo reale delle campagne di somministrazione in Italia e nel mondo.
Le mappe: Coronavirus - Vaccini - Vaccini nel mondo

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi. Ecco le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Vai a tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui per iscriversi alla newsletter

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti