il rientro a scuola

Mascherine e piccoli gruppi: come sono già tornati in classe gli alunni francesi e tedeschi

Berlino ha garantito, già a partire dalla terza settimana di Lockdown, (circa da metà aprile) la cosiddetta “Notbetreuung“, ovvero il servizio minimo garantito per le famiglie. In Francia frequenza obbligatoria dal 22 giugno

di Gerardo Pelosi

default onloading pic
(ANSA)

Berlino ha garantito, già a partire dalla terza settimana di Lockdown, (circa da metà aprile) la cosiddetta “Notbetreuung“, ovvero il servizio minimo garantito per le famiglie. In Francia frequenza obbligatoria dal 22 giugno


4' di lettura

Mentre in Italia Stato e Regioni fanno fatica a trovare un accordo sulle linee guida per la riapertura delle scuole a settembre qualche esempio concreto su come riprendere la didattica in sicurezza viene da Germania e Francia dove dal 22 giugno la presenza in aula è divenuta obbligatoria.

L’esempio della Germania

L'anno scolastico a Berlino e nei Länder settentrionali è terminato. Non ci sono ancora istruzioni ufficiali sulle modalità di rientro in classe. La tendenza del KMK (la conferenza dei ministri della cultura dei Länder) è di ripartire con le lezioni normali al termine delle vacanze estive, lasciando aperta la possibilità di prendere decisioni riferibili ai singoli istituti. Va premesso che in Germania non esiste un sistema scolastico federale ma tanti sistemi quanti sono i Bundesläder. In linea di massima è stata garantita, già a partire dalla terza settimana di Lockdown, (circa da metà aprile) la cosiddetta “Notbetreuung“, ovvero il servizio minimo garantito per le famiglie i cui genitori sono impegnati nelle professioni sanitarie o delle forze dell'ordine.

Studenti tedeschi in piccoli gruppi e giorni alterni

Dagli inizi di Maggio, in tutta la Germania è stato previsto il rientro in classe ma con precise condizioni. Si richiedeva la messa in sicurezza degli ambienti con acquisto di soluzioni disinfettanti, sapone in tutti i bagni, pulizia regolare, areazione regolare delle aule. Stabilito anche che le classi siano in numero ridotto in modo da garantirela distanza di 1,5 metri tra un posto e l’altro e la divisione degli scolari in gruppi piccoli con presenza a scuola in giorni alterni. Anche l'orario è stato ridotto (dalle due alle 5 ore al giorno massimo di presenza a scuola) in modo da garantire un minimo di presenza a scuola di tutti gli scolari.

Le misure in caso di contagi negli istituti

Prevista autonomia nella decisione sulla misura da scegliere in caso di contagio, a scelta tra esclusione del gruppo di riferimento fino alla chiusura dell'istituto in caso di contagio di personale o di contagi multipli. Previsto il tracking delle presenze e dei contatti presi da eventuali scolari infetti e la comunicazione in caso di sospetta positività a tutti i genitori dei bambini del gruppo. Il “Rientro a scuola” è stato cadenzato prevedendo il divieto assoluto di mandare i figli anche con un semplice raffreddore a scuola. Il primo gruppo a rientrare sono stati i ragazzi delle classi di fine ciclo (12° 10° e 4° o 6° a seconda del Land). La precedenza assoluta è stata data ai maturandi: tutte le prove sono state fatte in anticipo, in piccoli gruppi nel pieno rispetto del social distancing. A cadenza settimanale sono rientrati gli altri gruppi a partire dalle prime classi.

Dal 22 giugno presenza obbligatoria nelle aule francesi

Annunciata nel corso del Discorso alla Nazione del Presidente Macron del 13 aprile, la ripresa dell'attività scolastica in Francia – come più volte sottolineato dal Presidente Macron e dal Primo Ministro Philippe – ha rappresentato una “priorità pedagogica, educativa e repubblicana”, soprattutto per i ragazzi più vulnerabili senza accesso a libri né agli strumenti per l’educazione a distanza. Essa è stata oggetto di profondo dibattito nella società francese e nelle aule parlamentari in ragione anche con alcune proteste da parte delle associazioni dei genitori.

L’11 maggio hanno riaperto asili, scuole materne e primarie, seguite la settimana successiva dalle scuole secondarie di primo grado nelle zone “verdi”, caratterizzate da una minore diffusione del virus. La riapertura è avvenuta progressivamente e su base volontaria, con una priorità per l'accoglienza dei figli del personale sanitario e delle forze dell'ordine, nonché dei bambini ritenuti a rischio abbandono scolastico.

Le condizioni di Parigi: non più di 15 alunni per classe

La riapertura è avvenuta nel rispetto di condizioni sanitarie a protezione degli alunni e del personale scolastico con non più di 15 alunni per classi (10 negli asili nido); rispetto dei gesti barriera e utilizzo del gel disinfettante; utilizzo obbligatorio di maschere per il personale scolastico; utilizzo obbligatorio di maschere per gli alunni delle scuole equivalenti alle medie e superiori (esentati gli alunni fino alla scuola elementare). Lo scorso 2 giugno, il Governo ha optato per una riapertura delle scuole medie anche nelle zone arancioni (Ile-de-France, Guyana e Mayotte) e per l'annullamento dell'esame di maturità (il cosiddetto BAC). La valutazione degli allievi avverrà sulla base dei voti ottenuti nei primi due trimestri dell'anno. Dal 22 giugno come comunicato dal Presidente Macron nel suo ultimo discorso alla Nazione lo scorso 14 giugno – hanno riaperto asili, scuole materne, primarie e secondarie di primo grado su tutto il territorio.

Il nuovo protocollo: riduzione della distanza fisica

Questa ultima fase della ripresa scolastica vede, sulla base dell'evoluzione del livello di circolazione del virus e dei dati scientifici rassicuranti sull'impatto e la trasmissione del Covid-19 tra i ragazzi con età inferiore a 15 anni, un alleggerimento delle misure di distanziamento sociale, permettendo il ritorno nelle classi di tutti gli allievi prima delle vacanze estive (l'anno scolastico si concluderà il 4 luglio e riprenderà il 1 settembre). Il nuovo protocollo sanitario prevede una riduzione della distanza fisica da osservare: per ospitare più di 15 studenti per classe, non sarà più imposto di garantire 4 mq a studente, bensì dovrà essere osservata una distanza di almeno 1 metro tra i banchi. Nessuna distanza verrà imposta inoltre per le scuole materne e gli asili tra gli alunni della stessa classe o dello stesso gruppo gli insegnanti non sono più obbligati a indossare una maschera in classe quando sono sufficientemente distanti dagli alunni; viene di nuovo incoraggiata la somministrazione dei pasti nelle mense e non in classe. In altre parole dal 22 giugno sono state riaperte le scuole di ogni ordine e grado ad eccezione delle scuole superiori di secondo grado. La presenza in classe è obbligatoria e non più facoltativa fino alla fine dell'anno scolastico (4 luglio). Sia pure per un breve periodo, questa riapertura generalizzata è chiaro segnale dell'attenzione prioritaria accordata dal presidente Macron e dal suo Governo al tema della didattica in presenza.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti