MODA E FINANZA

Matchless guarda oltre il Covid e prepara il debutto in Borsa

Rilevato nel 2012 dalla famiglia Malenotti dopo la cessione di Belstaff, lo storico marchio nato nel Regno Unito nel 1899 è leader nell’abbigliamento e accessori ispirati al mondo delle motociclette e ora punta alla mobilità sostenibile

di Giulia Crivelli

default onloading pic

Rilevato nel 2012 dalla famiglia Malenotti dopo la cessione di Belstaff, lo storico marchio nato nel Regno Unito nel 1899 è leader nell’abbigliamento e accessori ispirati al mondo delle motociclette e ora punta alla mobilità sostenibile


4' di lettura

Si fa (troppo) presto a dire che la pandemia ci ha cambiati. O che in questi mesi di deconfinamento tutto è o sarà diverso. Occorre spiegare, dimostrare, perché i cambiamenti di per sé non sono per forza positivi. È con questo spirito, di autentica nuova normalità, che Michele Malenotti svela il progetto di quotazione a Milano, entro i prossimi dodici mesi, sul segmento Aim, di M Symbol Group, società alla quale appartiene il marchio Matchless London, acquisito nel 2012 .

Un progetto e una visione
«Io e la mia famiglia siamo abituati ai cambiamenti improvvisi. Anzi, alle tempeste inattese», racconta il creativo e imprenditore, figlio di Franco Malenotti, il visionario che portò in Italia il marchio Belstaff (produzione compresa) e poi lo comprò. «Nel 2008 ad esempio eravamo in avanzate trattative con il colosso americano Vf per la cessione di Belstaff e arrivò il crac di Lehman Brothers, che innescò la crisi finanziaria e poi economica della quale portiamo ancora il peso, soprattutto in Italia – aggiunge Malenotti –. Il progetto di quotazione viene da prima della pandemia. I mesi di lockdown e ora di lenta ripresa non ci hanno fatto cambiare idea, anzi, abbiamo affinato strategie e programmi per presentarci ancora meglio agli investitori e le risposte sono molto incoraggianti».

Loading...

Dalle moto al lifestyle (sostenibile)
Belstaff e Matchless hanno alcuni punti in comune: non è un caso se Michele Malenotti, con il padre Franco e il fratello Manuele, dopo la cessione del primo abbiano puntato sul secondo: entrambi i marchi affondano le radici nel mondo delle motociclette. Ma, a proposito di cambiare senza tradire, di adattare i modelli di business, partendo però dal proprio know how, con Matchless i Malenotti hanno costruito un marchio di lifestyle. «Per ora le moto sono quelle d’archivio, ma speriamo di poter presto mettere sul mercato modelli di nuova generazione, che affianchino le collezioni che abbiamo ora di abbigliamento e accessori», spiega Michele Malenotti, fondatore e presidente di M Symbol Group e ceo delle società che ne fanno parte, tra le quali le due controllate in Germania e Regno Unito, mercati molto promettenti, dove Matchless ha due showroom (a Londra e Monaco) e due negozi. Benché (finora, bisognerebbe aggiungere) Matchless sia meno famoso di Belstaff, era il 1878 quando Henry Herbert Collier iniziò a produrre biciclette a Plumstead, alle porte di Londra. Nel 1899 arrivò la prima motocicletta e nel 1912 Matchless divenne il primo marchio di motociclette a produrre abbigliamento per motociclisti.

Il progetto retail
«Oltre ai negozi di Londra e Monaco, ci sono quelli di Milano e Treviso: li chiamiamo legacy stores, perché sono una full immersion negli oltre 120 anni di storia del marchio. A Mogliano Veneto, dove ha sede l’azienda, c’è invece un vero e proprio museo e un factory store (nella foto in alto) – aggiunge Michele Malenotti –. Le collezioni di abbigliamento uomo, donna e bambino a marchio Matchless London, tutte made in Italy, sono vendute anche nel canale wholesale e sul sito www.matchlesslondon.com. La ricerca sui materiali è fondamentale, accanto allo stile: è per questo che siamo il brand più richiesto dalle grandi produzioni e dalle star di Hollywood, e non soltanto per gli action movies». Il lockdown ha congelato anche riprese e uscite, ma tra i film ai quali Matchless ha collaborato c’è Mission Impossible 7, previsto ora nelle sale per novembre 2021, e Venom 2, atteso per la prossima estate. «Per i due protagonisti, Tom Cruise e Tom Hardy, abbiamo creato giubbotti ad hoc ispirati a modelli iconici di Matchless», rivela Malenotti (nella foto in alto, Michele Malenotti con Arnold Schwarzenegger).

Monopattini e biciclette da città
Accanto allo sviluppo retail, M Symbol Group punta a crescere intorno alla nuova idea di mobilità sostenibile, tendenza accelerata dalla pandemia ma già in atto da anni. Franco Malenotti è responsabile della ricerca&sviluppo del reparto mobility e dello sviluppo del design, mentre Manuele è a capo del marketing e delle innovazioni. «La passione per le due ruote l’ho ereditata da mio padre e credo di averla già passata ai miei sei figli – spiega Michele Malenotti –. Il più grande ha appena compiuto 18 anni ed entrerà in azienda in settembre: con lui ci garantiamo uno sguardo prezioso sulle nuove generazioni ed è un piacere constatare che la moto resta un simbolo di libertà. Continua ad affascinare per la sua complessità intrinseca, in quanto mezzo di trasporto, che si unisce all’estrema facilità d’uso. Le moto sono un ibrido tra perfezione e innovazione tecnica, design e creatività, regole del buon motociclista e fantasia. Ma ora il concetto di ibrido riguarda anche il motore in sé: andremo sicuramente verso un ruolo maggiore dell’elettrico e il progetto di Matchless già include i monopattini e una bici ibrida. Pardon, a pedalata assistita: so che il termine tecnico è questo, ma non lo amo particolarmente perché si perde la poesia che io vedo in ogni mezzo a due ruote».

La premessa per la quotazione
I numeri che Malenotti presenta al mercato sono ottimi: dal 2017 al 2019 il Cagr (tasso medio di crescita) del fatturato è stato del 44%; ebitda ed ebit nello scorso anno avevano un’incidenza sui ricavi del 28,3% e 24,8%, percentuali da brand del lusso. Il Cagr dei due indici è stato invece del 75,5% e 66,8%. A due cifre (+30%), anche durante il lockdown, la crescita dell’e-commerce, con uno scontrino medio di circa mille euro.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti