sostituisce paolo Grossi

Mattarella nomina Francesco Viganò giudice della Corte costituzionale

Francesco Viganò (Imagoeconomica)

2' di lettura

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, con decreto in data odierna, ha nominato ai sensi dell'articolo 135 della Costituzione Giudice della Corte costituzionale il professor Francesco Viganò, ordinario di Diritto penale presso l'università Bocconi di Milano, in sostituzione del professor Paolo Grossi. Grossi aveva cessato le sue funzioni di giudice e di presidente della Corte costituzionale ieri, il 23 febbraio 2018. Lo ha comunicato il Quirinale con una nota pubblicata sul sito.

Il decreto controfirmato da Gentiloni
Il decreto, si legge nella nota del Quirinale, è stato controfirmato dal presidente del Consiglio dei ministri Paolo Gentiloni.

Loading...

Della nomina del nuovo Giudice Costituzionale è stata data comunicazione alle Presidenze del Senato della Repubblica, della Camera dei deputati e della Corte Costituzionale.

Chi è
Dal 2004 al 2016 è stato professore straordinario e poi ordinario presso l'Università degli Studi di Milano, dove ha insegnato diritto penale italiano ed europeo. Ha coordinato dal 2015 al 2016 il corso di dottorato in Scienze giuridiche “Cesare Beccaria”. Dall'autunno 2016 è professore ordinario di diritto penale presso l'Università Bocconi. Dal novembre 2016 è diventato docente di diritto penale all’ università Bocconi di Milano. Viganò dal 2008 al 2012 è stato componente ‘laico' del Consiglio giudiziario per il distretto di Corte d'Appello di Milano. È segretario generale della Société International de Défense Sociale, nonché componente del consiglio direttivo dell'Istituto Superiore Internazionale di Scienze Criminali di Siracusa. È stato membro della commissione ministeriale istituita dal ministro della Giustizia nel 2012 per l'elaborazione di un progetto di riforma in materia di prescrizione e della commissione istituita presso la presidenza del Consiglio dei ministri nel 2014 per l'elaborazione di proposte normative in tema di lotta alla criminalità organizzata. Ha svolto vari incarichi di consulenza per il Crown Prosecution Service e il Serious Fraud Office per l'Inghilterra e il Galles. È componente di numerosi gruppi di ricerca internazionali, tra i quali un progetto finanziato dall'Unione europea sull'armonizzazione delle sanzioni nell'ambito dell'Ue diretto dal Prof. Satzger dell'Università di Monaco. È direttore delle riviste “Diritto penale contemporaneo” e “Diritto penale contemporaneo-Rivista trimestrale”. È autore di due monografie, una del 2000 sullo stato di necessità e l’altra del 2002 sul concetto di violenza in diritto penale. In collaborazione con altri autori ha scritto nel 2015 una monografia sui delitti contro la libertà.

Mattarella alla presentazione della Relazione sulla giurisprudenza della Corte Costituzionale nel 2017
Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti