CONTENUTO PUBBLICITARIO

Mauden supporta la crescita del Gruppo Sapio con una nuova infrastruttura IT

Potenziati storage e connettività con tecnologie IBM per garantire continuità
del servizio e soddisfazione dei clienti

Mauden supporta la crescita del Gruppo Sapio con una nuova infrastruttura IT

3' di lettura

L'azienda milanese Mauden, oggi appartenente al gruppo Ricoh, da oltre 30 anni aiuta i clienti a comprendere l'evoluzione delle tecnologie e degli ambienti infrastrutturali e, in quanto Platinum Business Partner di IBM, li accompagna verso gli ecosistemi digitali emergenti in modo unico, sicuro e sostenibile. Mauden vuole rappresentare un punto di riferimento per le aziende che hanno bisogno di un partner capace di supportarli nella consulenza su tutti i temi che fanno dell'Information Technology di oggi un abilitatore di trasformazione a supporto del business e dell'eccellenza operativa.

Aziende come il Gruppo Sapio, nato a Monza nel 1922, che opera nel settore dei gas industriali, medicinali e nell'homecare su tutto il territorio nazionale e da alcuni anni anche all'estero. Con un fatturato di oltre 600 milioni di euro e oltre 2300 dipendenti, produce, sviluppa e commercializza gas, tecnologie innovative e servizi integrati per il settore industriale e medicale. “Ci siamo rivolti a Mauden perché necessitavamo di un'evoluzione dell'infrastruttura IT, sia tecnologica che strutturale, con obiettivi di miglioramento delle performance e di ottimizzazione dei servizi - spiega Riccardo Salierno, Chief Information Officer di Sapio - Il nostro gruppo ha forti obiettivi di crescita, per raggiungere entro pochi anni il raddoppio del fatturato. L'evoluzione tecnologica apportata da Mauden è finalizzata a questo risultato, garantendo quotidianamente che tutti i sistemi siano funzionanti per raggiungere gli obiettivi di crescita prefissati e soprattutto della soddisfazione dei clienti.”

Spiega Claudia Leati, Solutions Leader di Mauden: “L'obiettivo del progetto era di garantire a Sapio una continuità di servizio del 99,6% e un uptime di 362 giorni l'anno, punti chiave intorno a cui è ruotata tutta l'evoluzione architetturale applicativa e strutturale. Per raggiungere gli obiettivi aziendali è stata quindi realizzata una nuova infrastruttura storage, basata su tecnologie IBM, che ottimizzasse e razionalizzasse l'ambiente preesistente. Abbiamo rivisto anche la parte SAN, utilizzando tecnologie fiber channel ed è stata ottimizzata la parte di connettività aziendale. Come Mauden cerchiamo sempre, nei nostri progetti, di bilanciare le prestazioni e la convenienza economica e questo rappresenta una sfida costante, per questo con Sapio abbiamo mantenuto e valorizzato gli skill preesistenti, ottimizzandoli e razionalizzandoli. In questo modo abbiamo preservato anche gli investimenti precedenti del cliente. Le soluzioni di storage IBM, basate su tecnologie di intelligenza artificiale e su veloci dispositivi flash, consentono di ottenere questo equilibrio e di soddisfare al contempo le esigenze di carichi di lavoro mission-critical, potenziando le prestazioni e la sicurezza dei dati.”

Mauden ha pienamente soddisfatto le esigenze di Sapio e questo connubio ha consentito la realizzazione di un progetto di successo, come racconta ancora Salierno: “Quello che ci ha colpito particolarmente del team di Mauden è stata la grande capacità di ascolto delle esigenze aziendali, un aspetto che spesso viene sottovalutato. Un altro fattore fondamentale è stato quello delle tempistiche rapide nonostante la complessità dell'architettura. La progettazione ha richiesto solo un paio di mesi e la consegna si è realizzata nell'arco di circa un mese e mezzo. La rapidità di realizzazione non ha comportato errori, come spesso accade, ma il prodotto finale ha mantenuto comunque un'alta qualità e un'ottima funzionalità, senza disservizi. Questi fattori sono stati fondamentali per un gruppo come Sapio che vuole rappresentare un esempio virtuoso nel panorama industriale e che esercita un ruolo sociale al servizio della comunità.”

Velocità di implementazione e continuità di servizio hanno rappresentato la chiave del successo del progetto e, come spiega ancora Leati, “Il passaggio alla nuova architettura è stato completamente trasparente sia per gli utenti interni, che utilizzano i sistemi con regolarità sia per i clienti finali. In questo modo il cliente finale utilizza una soluzione più performante ed innalza il livello di servizio del proprio business.”

Il Gruppo Sapio ha avviato da tempo un programma di crescita sostenibile per diventare uno dei principali attori europei indipendenti. “Oggi abbiamo portato le performance di business al top del settore e una maggiore potenza delle infrastrutture IT supporta questo processo di crescita organica”, conclude Salierno, “permettendo di avere continuità nella nostra attività. Senza questo intervento di modernizzazione e potenziamento, la crescita aziendale non sarebbe possibile.”

Loading...
Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti