FASE 2

Mazda avvia la produzione della MX-30 e continua la ripresa delle attività globali

Le fabbriche Mazda riprendono la produzione e tra i modelli s'inserisce anche MX-30, il primo crossover elettrico del marchio giapponese.

default onloading pic

Le fabbriche Mazda riprendono la produzione e tra i modelli s'inserisce anche MX-30, il primo crossover elettrico del marchio giapponese.


2' di lettura

Mazda torna ai ritmi ordinari. Dopo il lockdown dovuto all'emergenza sanitaria globale, gli stabilimenti produttivi tornano a lavorare con un buon ritmo, gli show-room ad accogliere clienti e fare consegne. In produzione anche il primo modello elettrico targato Mazda.

La produzione del primo modello elettrico
Mazda ha iniziato la produzione della nuova MX-30, la prima vettura totalmente elettrica del marchio, nello stabilimento numero 1 di Ujina a Hiroshima in Giappone. Il nuovo modello è equipaggiato con la e-Skyactiv, il powertrain elettrico a trazione anteriore che combina un motore elettrico sincrono da 107 kW (145 cv) con una batteria agli ioni di litio da 35,5 kWh, garantendo al nuovo crossover un'autonomia di circa 200 km (ciclo combinato Wltp). L'auto si può ordinare con un prezzo di listino compreso tra i circa 35mila euro e i 39mila euro. I primi esemplari saranno disponibili nelle concessionarie italiane a partire dall'autunno 2020.

Riprendono le attività nelle fabbriche e negli show-room
Da gennaio, in diversi Paesi sono state adottate misure di prevenzione e contenimento della diffusione del Coronavirus, come l'obbligo di restare a casa e la limitazione delle attività commerciali.

Di recente, queste restrizioni sono state allentate, specialmente in Europa e Nord America, dove i concessionari Mazda hanno gradualmente ripreso le proprie attività ed è ripresa la consegna dei veicoli in linea con la domanda, gestendo con attenzione le disponibilità presso gli impianti, nei porti e nei punti vendita dove le consegne erano state temporaneamente sospese. La Casa di Hiroshima ha gradualmente aumentato i volumi di produzione: tutte le fabbriche in Giappone non subiranno sospensioni ed è previsto il funzionamento diurno solo per il mese di giugno. Anche lo stabilimento messicano di Mazda, che aveva interrotto le attività da aprile a maggio, riprenderà le operazioni il prossimo mese. La produzione totale prevista per giugno, che raccoglie i principali impianti in Giappone, Messico e Thailandia di veicoli destinati al mercato europeo, dovrebbe raddoppiare rispetto a quella realizzata in maggio.

Gli adeguamenti della produzione introdotti nei mesi di marzo, aprile e maggio saranno mantenuti, anche se ci vorrà molto tempo prima che il mercato globale torni ai livelli pre-pandemia. Mazda procederà con cautela nella ripresa delle attività al fine di garantire che si possa soddisfare la domanda dei clienti, continuando ad attuare misure di prevenzione della diffusione del virus.

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...