MANAGEMENT

Mazda Mx-30: l'elettrica nata dalla passione di una donna per le auto

Il progetto della prima auto elettrica Mazda è affidato a una donna, Tomiko Takeuchi, la quale ha passato dieci anni nel testare i modelli della casa di Hiroshima.

di Giulia Paganoni

default onloading pic

Il progetto della prima auto elettrica Mazda è affidato a una donna, Tomiko Takeuchi, la quale ha passato dieci anni nel testare i modelli della casa di Hiroshima.


2' di lettura

Orgoglio e incredulità. Erano queste le sensazioni di Tomiko Takeuchi avute nel 2015 quando divenne la prima donna Program Manager di Mazda. Oggi, dopo soli cinque anni, è responsabile del primo modello elettrico del marchio di Hiroshima.

Da tester a responsabile di progetto
Una donna nata a Hiroshima e da sempre con una forte passione per le auto. Nel 1997 venne assunta da Mazda e già dopo due anni, nel 1999, divenne test driver. All'interno dell'azienda ci sono diversi livelli di riconoscimento per suddetto lavoro, e Tomiko Takeuchi nel 2004 ricevette la “license A”, diventando la prima donna a entrare in possesso della licenza da top driver. I dieci anni come test driver le hanno permesso di sviluppare una elevata sensibilità nonché di valutare i più piccoli dettagli dell'auto in modo chiaro e diretto per permettere una messa a punto ottimale. Cosa che le è tornata molto utile nello sviluppo da zero di un veicolo, come Mazda Mx-30. Tante volte è stato necessario tornare sui propri passi per migliorare alcuni dettagli seppur mantenendo alcuni elementi tipici del Dna Mazda, come il Kodo design, uno stile essenziale ed elegante introdotto nel 2010 al Salone di Los Angeles con la concept car Shinari.

Loading...

Lo sviluppo della prima auto elettrica Mazda
Nonostante le capacità acquisite, il progetto della Mx-30 non è stato tutto liscio. È come fosse un foglio bianco: è il primo veicolo 100% alla spina con un'autonomia di circa 200 chilometri e non è stato possibile far riferimento ad altri modelli della gamma. Ciò ha richiesto un duro lavoro da parte di tutto il team. Mazda Mx-30 sta arrivando negli show-room e per Takeuchi e il suo team questo è il raggiungimento di una pietra miliare, ma il suo lavoro non né finito, anzi.

È stata la prima donna a ricoprire un ruolo di spicco all'interno dell'azienda e crede ce ne sia bisogno di altre per dare quella visione che agli uomini manca per compensare i progetti e renderli davvero completi. Una collaborazione proficua tra i sessi. Guidare non è spostarsi da un luogo ad un altro bensì c'è un'esperienza da vivere all'interno che deve essere piacevole e confortevole, come del resto percepito con il Jinba Ittai tipico di Mazda, derivante dalla cultura giapponese. Un concetto che riporta alla relazione tra cavallo e cavaliere, al tutt'uno che si crea tra queste due entità, dal marchio di Hiroshima tradotto come il rapporto tra auto e conducente.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti