SUPERCAR

McLaren Artura, debutta la ibrida plug-in da 330 km/h

La nuova McLaren porta al debutto l'inedito motore V6 Phev, in grado di percorrere 30 km in elettrico puro.

di Simonluca Pini

(ANSA)

3' di lettura

La nuova McLaren Artura inaugura una nuova era per il marchio britannico, grazie al debutto della nuova piattaforma abbinata all'inedito motore a sei cilindri ibrido plug-in. Prima supercar phev prodotta in serie, la nuova Artura porta su strada l'architettura Mclaren Carbon Lightweight Architecture (Mcla) e il propulsore V6 scarica a terra una potenza complessiva di 680 cavalli. I preordini della nuova McLaren Artura sono aperti presso i rivenditori e le prime consegne ai clienti sono previste nel terzo quadrimestre del 2021 ad un prezzo di partenza pari a 231.000 euro.

McLaren Artura prestazioni
Velocità massima fino a 330 km/h e allo stesso la possibilità di viaggiare per circa 30 km/h spinti dal solo motore elettrico. Il propulsore V6 turbo 3.0 litri eroga 585 cavalli e 585 nm di coppia massima a cui si aggiunge il motore elettrico a flusso assiale da 95 cavalli e 225 Nm integrato nel cambio automatico doppia frizione otto marce con differenziale dotato di torque vectoring. Grazie al peso contenuto in soli 1.385 kg a secco, e 1.498 kg a norma Din, la Artura dichiara un rapporto peso potenza di 488 cavalli per tonnellata. La nuova McLaren Artura, in modalità Comfort, massimizza l'efficienza con il motore a combustione spento a meno di 40km/h e utilizzando una modalità di stop e start estesa. Nelle modalità Sport e Track, la potenza elettrica viene distribuita per massimizzare le prestazioni che sono da vera supercar: la velocità massima è 'limitata' a 330 Km/h, l'accelerazione è da 0 a 100 Km/h in 3 secondi, mentre servono 8,3 secondi per raggiungere i 200 Km/h, tempo che sale a 21,5 secondi per arrivare a 300 Km/h. L'unità elettrica è alimentata da una batteria da 7,4 kWh che consente un'autonomia in solo elettrico sino a 30 Km (in ev la velocità massima è limitata a 130 Km/h). Sul fronte ricarica, l'80% della capacità si raggiunge in circa 2,5 ore.

Loading...

Interni McLaren Artura
A bordo della McLaren Artura aumenta lo spazio e arriva il nuovo infotainment Mis II da 8 pollici con sistema operativo Android che integra il McLaren Track Telemetry, il Variabile Drift Control e il mirroring per smartphone. Non manca la sezione dedicata ai sistemi di assistenza alla guida, dove tra gli Adas non mancano l'Adaptive Cruise Control con funzione Stop e Go, il Lane Departure Warning, il Road Sign Recognition e l'High-Beam Assist.

Pirelly Cyber Tyre su McLaren Artura
Per la prima volta al mondo, una vettura monta in primo equipaggiamento il sistema Pirelli Cyber Tyre, composto da un sensore in ognuno dei pneumatici che raccoglie informazioni fondamentali per la sicurezza di guida e da un software integrato nell'elettronica dell'auto. La prima vettura di serie ad essere equipaggiata con pneumatici sensorizzati è propio la nuova supercar elettrificata di McLaren. La tecnologia Cyber Tyre offre a vettura e conducente diverse informazioni per una sorta di 'carta d'identità' del pneumatico montato (modello, se estivo o invernale, pressione prescritta, indice di carico e codice di velocità) e le informazioni dipendenti dall'utilizzo (temperatura e pressione). Informazioni come temperatura e pressione, fondamentali per la sicurezza, sono monitorate costantemente e trasmesse in tempo reale. Queste, inoltre, vengono rilevate con una maggiore precisione rispetto ai rilevatori tradizionali su valvola, essendo i sensori Pirelli posti a contatto diretto con il pneumatico e non con il cerchio. Il flusso dati originato dai sensori viene elaborato da un software realizzato da Pirelli e integrato nell'elettronica dell'auto. Alcune informazioni vengono visualizzate sul cruscotto e sul display centrale, altre sono utilizzate dai sistemi elettronici del veicolo per calibrare i messaggi di allerta in base alle caratteristiche specifiche della gomma e anche al suo stato. Nel caso della McLaren Artura, alcune funzioni sono anche state integrate per l'uso specifico in pista. Si può, per esempio, offrire al guidatore la possibilità di cambiare le soglie di pressione dei pneumatici per raggiungere una migliore prestazione in circuito in base al proprio stile di guida. Oppure, è possibile sapere quando i pneumatici hanno raggiunto la temperatura ottimale, momento in cui il pilota può ottenere le massime prestazioni dal sistema veicolo-pneumatici. O, ancora, informandolo quando è il momento di farli raffreddare. Per la McLaren Artura, gli ingegneri Pirelli hanno sviluppato insieme alla casa auto inglese dei pneumatici P Zero dedicati nelle misure 235/35Z R19 per l'asse anteriore e 295/35 R20 per quello posteriore.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti