a Cipro

Med7 a Nicosia: attesa per Conte-Macron. Caso Sea Watch 3 e nuove politiche migratorie

dal nostro inviato Gerardo Pelosi


default onloading pic
La Sea Watch 3 (Ap)

2' di lettura

NICOSIA. Da Gentiloni a Conte. È passato solo un anno dall’ultimo Med7 tenutosi l’anno scorso a Roma. Ma la brusca sterzata del Governo giallo-verde su migranti e politiche europee è guardata con attenzione (più spesso con preoccupazione) da tutti i capi di Stato e di Governo dei sette Paesi europei del Mediterraneo (oltre a Italia e Francia, Spagna, Portogallo, Grecia, Malta e Cipro) che si riuniranno oggi a Nicosia sotto la presidenza cipriota.

Non farsi mettere sul banco degli imputati sul caso Sea Watch 3
Il caso Sea Watch 3 (che coinvolge direttamente Malta e, in parte, anche la Francia) costringerà il premier italiano, Giuseppe Conte a portare buoni argomenti a sostegno delle tesi italiane per non farsi facilmente mettere sul banco degli imputati. «Domani pomeriggio – ha twittato ieri il premier, Giuseppe Conte - sarò a Nicosia (Cipro) per prendere parte al #SouthEuSummit. Sarà un’ulteriore, utile, occasione di confronto sulle principali sfide che l’Ue ha davanti».

GUARDA IL VIDEO - Ecco tutti i paradisi fiscali dei pensionati: non solo Portogallo

L’incontro chiarificatore Conte-Macron
Molto atteso anche l'incontro a quattr’occhi che si spera chiarificatore tra Conte e il presidente francese Emmanuel Macron dopo i pesanti scambi di accuse tra Roma e Parigi. «L’Italia merita altri leader», aveva detto il presidente francese. «Prima di farci la morale, liberi l’Africa dal neocolonialismo», aveva replicato Luigi Di Maio. «Macron dice che io e Salvini non siamo all'altezza? – aveva aggiunto Di Maio - Questo lo lasci decidere al popolo italiano». E Salvini aveva rincarato la dose: «Da Macron aspetto una risposta nei fatti. Dimostri di essere un presidente amico dell’Italia e rimandi indietro diversi terroristi condannati all’ergastolo come assassini». Più diplomatico, ma sostanzialmente allineato con i suoi “vice”, anche Conte secondo il quale «la valutazione se i leader siano più o meno all’altezza non può che essere rimessa al popolo; gli italiani lo hanno stabilito e sono costanti in questo convincimento come dimostra il fatto che il consenso di questo governo è tra i più alti di tutti i governi europei».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...