MEdia

Mediaset, per le radio Ebit a 13 milioni al 2020

di Carlo Festa

2' di lettura

Mediaset accelera sul settore delle radio. Il gruppo di Cologno prevede infatti di raggiungere un risultato operativo positivo per 13 milioni al 2020 per le sue attivita' radiofoniche raccolte in Radiomediaset (105, R101 e Virgin). Lo ha detto il cfo del gruppo Marco Giordani alla presentazione di RadioMediaset per la cui creazione il gruppo ha investito negli ultimi due anni 130 milioni, con la previsione di avere un risultato operativo quest'anno positivo per 5 milioni, mentre l'insieme delle emittenti rilevate nel 2015 segnava un risultato operativo negativo per 6,5 milioni.

«Quando abbiamo preso gli asset nel 2015 c'era una perdita di oltre 6 milioni di euro per motivi strutturali - ha detto - Abbiamo un budget 2017 che capovolge il segno da negativo a positivo e lo facciamo creando sinergie. Non tutto si puo' fare un due anni, ma al 2020 prevediamo un risultato operativo a 13 milioni di euro». «Le emittenti sono in salute, il brand è consolidato e il posizionamento definito - ha detto l'a.d. di Radio Mediaset Paolo Salvaderi - Il lavoro sta pagando».

Loading...

In particolare, sono di Radio 105 i tre programmi radiofonici più ascoltati d'Italia: lo afferma la classifica Radiomonitor del secondo semestre 2016 citata durante la conferenza stampa di presentazione del polo delle radio di
Mediaset che, oltre a detenere R101, Radio 105 e Virgin Radio, ha un accordo di partnership con Radio Monte Carlo.

Secondo Radiomediaset, con oltre 1,4 milioni di radioascoltatori al primo posto c'è “Tutto Esaurito” di Marco Galli (in onda dalle 7 alle 10), segue “Lo Zoo di 105” di Marco Mazzoli (dalle 14 alle 16) con più di 1,3 milioni e 'new entry' al terzo posto “105 Friends” di Tony Severo e Rosario Pellecchia (dalle 10 alle 12) con oltre 1 milione di affezionati. Il nuovo polo radiofonico si conferma primo gruppo radio nazionale con il 16% di ascoltatori nel quarto d'ora medio (Aqh) dalle ore 6 alle ore 24.

A margine della conferenza stampa ha parlato anche Pier Silvio Berlusconi, amministratore delegato di Mediaset. Sull'andamento del gruppo ha spiegato che «stimiamo i primi sei mesi con un segno più e di fare meglio del mercato cosa che già oggi sta avvenendo». E sulla querelle legale con Vivendi su Premium, dopo aver negato trattative concrete con Sky sulla piattaforma, ha confermato che «la soluzione la deve trovare» Vivendi. «Sono fiduciosi di che?» risponde Piersilvio Berlusconi a una domanda sulla posizione che spesso fa trapelare il gruppo francese. «Tra noi e Fininvest abbiamo chiesto oltre un miliardo e mezzo di danni e siamo certi di avere ragione».

Il manager e azionista ha poi confermato che alla holding Fininvest e a Mediaset piace l'idea di matrimonio tra Raiway e Ei Towers. «Due anni fa era stata lanciata un'Opa: siamo ancora convinti che questo sia strategico per il settore e anche per il Paese. È una cosa che ci piace, è giusta». «Eravamo disposti ad essere in minoranza allora e lo siamo anche adesso. Vi sono stati colloqui, ma al momento non c'è nulla di concreto in essere», conclude Piersilvio Berlusconi.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti