AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùborsa

Mediaset in luce a Milano e Madrid dopoil rafforzamento della presa di Fininvest

di Andrea Fontana

(ANSA)

2' di lettura

Rialzo a Piazza Affari per la capogruppo e stesso movimento a Madrid per la controllata spagnola: i titoli Mediaset sono tra i protagonisti dell'avvio di settimana sui mercati azionari europei. A fronte dell'aumento di mezzo punto percentuale mostrato dal FTSE MIB di Milano e dall'Ibex 35 di Madrid, le azioni Mediaset guadagnano circa 2 punti percentuali, mentre le Mediaset Espana guadagnano quasi due punti. C'è ancora tempo prima della pubblicazione dei conti (27 febbraio per la spagnola e 12 marzo per Cologno Monzese), ma i nuovi acquisti annunciati dalla holding Fininvest nel capitale della capogruppo hanno offerto occasione per tornare sui titoli del gruppo televisivo: dividendo e progetti di alleanze o di aggregazione sono i due fattori a cui si alzerà l'attenzione degli analisti nelle prossime settimane. Mediaset Espana ha già annunciato, insieme all'avvio di un nuovo programma di acquisto di azioni proprie da 200 milioni, la distribuzione di un dividendo pari al 50% degli utili (stimati a poco meno di 200 milioni di euro). Mediaset spa dovrebbe procedere a sua volta a distribuire una parte degli utili: il consensus Bloomberg stima a 0,06 euro per azione la cedola, anche se alcune case di investimento scommettono per un valore di 0,2 euro per azione. L'altro tema su cui si attende qualche segnale dalla società è l'avanzamento del progetto di creazione di un polo tv europeo con altri broadcaster. Intanto venerdì, Fininvest ha ulteriormente rafforzato la propria presa nel capitale di Mediaset con l'acquisto di un altro 0,43% che porta la quota in capo alla famiglia Berlusconi al 44,17% del capitale e al 45,88% dei diritti di voto. La mossa, che comunque si inserisce negli acquisti avviati dalla holding come risposta alla disputa con Vivendi, arriva dopo acquisti consistenti, per il 2,5% effettuati a dicembre, e lascia pensare che il posizionamento possa essere legato alle prossime strategie del gruppo di Cologno Monzese.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Loading...
Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti