le battaglie delle tv

Mediaset la spunta su Vivendi. A Milano ok a MediaForEurope

Il Tribunale ha valutato gli effetti dello stop a Mfe: «Irreversibili» per Cologno. I francesi verso il reclamo Occhi puntati sull’udienza del 6 febbraio in Spagna

di Andrea Biondi

default onloading pic
(ANSA)

Il Tribunale ha valutato gli effetti dello stop a Mfe: «Irreversibili» per Cologno. I francesi verso il reclamo Occhi puntati sull’udienza del 6 febbraio in Spagna


3' di lettura

Da una parte un danno calcolabile e risarcibile in capo a Vivendi. Dall’altro un danno che, per Mediaset, sarebbe stato da considerare «irreparabile».

La giudice Elena Riva Crugnola del Tribunale di Milano ha deciso sulla querelle fra il gruppo di Cologno e il socio “scomodo” francese. E lo ha fatto rigettando le richieste, da parte di Vivendi e di Simon Fiduciaria, di sospensione cautelare sull’operazione di riassetto della attività italiane e spagnole di Mediaset sotto la holding olandese MediaforEurope (Mfe).

Il progetto «è pertanto confermato e procede» chiosa una Mediaset che ieri ha messo a segno un punto pesantissimo nella partita senza esclusione di colpi per portare alla meta Mfe e il suo progetto di tv free paneuropea.

La strada è ancora lunga. Ma lo sblocco in Italia è un viatico di non poco conto in attesa di quel che succederà, prima della deadline del 19 marzo, in Spagna (dove la fusione è sospesa e si terrà l’udienza di merito il 6 febbraio) e in Olanda (dove Vivendi ha fatto ricorso).

Il gruppo francese dal canto suo ha annunciato reclamo contro la decisione, «pienamente convinta che il piano di fusione di Mediaset metta seriamente in pericolo gli interessi degli azionisti di minoranza» e «certa che le recenti decisioni e opinioni legali, inclusa quella espressa dall’Avvocato Generale della Corte di Giustizia dell’Unione Europea nel dicembre 2019 dimostreranno le sue ragioni».

Il riferimento, in quest’ultimo caso, è al pollice verso dell’Avvocato generale della Ue sul Tusmar (che di fatto è la norma alla base dell’esclusione di Simon Fiduciaria dalle assemblee di Mediaset) e sulla sua compatibilità con il diritto dell’Unione. Si vedrà se la Corte Ue sposerà o ribalterà il parere. Comunque, spiega il dispositivo «anche laddove fosse riconosciuto contrario al diritto europeo il fondamento normativo del provvedimento Agcom e, inoltre, fossero risolte in senso favorevole a Vivendi le ulteriori - tutte opinabili - questioni in tema di incidenza dell’annullamento del provvedimento Agcom sulla validità delle delibere qui impugnate», la possibilità di un risarcimento si scontrerebbe contro un danno irreparabile.

A spuntarla è stata dunque Mediaset che, all’atto pratico, vede cadere la sospensione cautelare del via libera a Mfe dello scorso 4 settembre seguita ai ricorsi di Vivendi e Simon Fiduciaria. Per loro quella del Biscione che non ha fatto entrare e votare Simon all’assemblea è una condotta abusiva.

Ma il puntare l’indice contro questa esclusione, fa presente il dispositivo, si scontra con «ben tre provvedimenti cautelari emessi sul tema dal Tribunale di Milano». Dall’altra parte, invece, «il preteso carattere abusivo delle deliberazioni impugnate» è stato secondo il Tribunale «smentito dallo stesso sviluppo processuale» con Mediaset che ha eliminato lo scorso 10 gennaio le clausole “anti-Vivendi” (cosa che in Spagna avverrà domani). E questo rappresenta una prova dell’interesse a proseguire l’operazione di fusione «anche indipendentemente dalla presenza nello Statuto dell’incorporante di clausole disegnate sulla controversa posizione della socia Vivendi». Che poi il progetto Mfe sia senza alcuna ragionevolezza imprenditoriale è accusa «contraddetta dalla difesa di Mediaset anche attraverso produzioni documentali» attestanti il valore strategico «sul piano economico-industriale» di Mfe.

A fine giornata le azioni Mediaset hanno segnato un +0,9%: una boccata d’aria per un titolo salito a 2,4 euro, ma in calo continuo – a parte due sedute – da inizio anno (-9,47%) per un valore ben sotto i 2,77 euro previsto per chi avesse voluto recedere da Mfe.

Per approfondire:
Niente tregua fino a marzo: Bolloré tenta di sabotare Mfe
Cosa sta succedendo nella guerra infinita tra Mediaset e Vivendi

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti